Quotidiano della Federazione Ordini Farmacisti Italiani
Venerdì 03 FEBBRAIO 2023
Cronache
Segui ilFarmacistaOnline
Cronache
“Coltivare cibo non tabacco”. Parte la nuova campagna Oms
Attualmente, il tabacco viene coltivato in oltre 125 paesi come coltura da reddito, su un'area stimata di 4 milioni di ettari, che è un'area più grande del paese del Ruanda. Gli effetti nocivi della coltivazione sull'ambiente sono particolarmente evidenti nei paesi a basso e medio reddito. La campagna incoraggerà i governi a porre fine ai sussidi per la coltivazione del tabacco e utilizzare i risparmi per programmi di sostituzione delle colture che migliorano la sicurezza alimentare e la nutrizione.
07 NOV -

“Una crisi alimentare globale sta crescendo alimentata da conflitti, cambiamenti climatici, impatti della pandemia di COVID-19 e dagli effetti a catena della guerra in Ucraina che determinano l'aumento dei prezzi di cibo, carburante e fertilizzanti. La coltivazione e la produzione di tabacco comportano danni ecologici globali e cambiamenti climatici a lungo termine e svolgono un ruolo cruciale nel determinare il futuro dell'agricoltura e della sicurezza alimentare”, così l'Oms annunciando oggi la campagna globale del 2023 per la Giornata mondiale senza tabacco, incentrata sulla coltivazione di colture alimentari sostenibili invece del tabacco .

Attualmente, il tabacco viene coltivato in oltre 125 paesi come coltura da reddito, su un'area stimata di 4 milioni di ettari (ha), che è un'area più grande del paese del Ruanda. Gli effetti nocivi della coltivazione sull'ambiente sono particolarmente evidenti nei paesi a basso e medio reddito (LMIC).

La campagna incoraggerà i governi a porre fine ai sussidi per la coltivazione del tabacco e utilizzare i risparmi per programmi di sostituzione delle colture che migliorano la sicurezza alimentare e la nutrizione. La campagna mirerà anche a sensibilizzare l'opinione pubblica sui modi in cui l'industria del tabacco interferisce con i tentativi di sostituire la coltivazione del tabacco con colture sostenibili, contribuendo così alla crisi alimentare globale.

La Giornata mondiale senza tabacco 2023, spiega Oms, servirà come un'opportunità per mobilitare i governi e i responsabili politici per aiutare gli agricoltori a passare a colture sostenibili attraverso la creazione di ecosistemi di mercato per colture alternative e incoraggiare almeno 10.000 agricoltori in tutto il mondo a impegnarsi ad abbandonare la coltivazione del tabacco.

La scarsità di seminativi e acqua vengono utilizzati per la coltivazione del tabacco con migliaia di ettari di boschi distrutti per creare spazio per la produzione di tabacco e per produrre combustibile per la cura delle foglie di tabacco. La terra fertile viene quindi distrutta e non può essere utilizzata per coltivare colture alimentari tanto necessarie.

In molti paesi in cui la produzione e la coltivazione del tabacco sono conseguenti, la questione dei mezzi di sussistenza spesso rappresenta un ostacolo all'attuazione di forti misure di controllo del tabacco.

"L'industria del tabacco sta utilizzando i mezzi di sussistenza degli agricoltori creando gruppi di facciata per fare pressioni contro i cambiamenti politici volti a ridurre la domanda di tabacco", ha affermato il dott. Ruediger Krech, Direttore della promozione della salute, aggiungendo che "dobbiamo proteggere la salute e il benessere degli agricoltori e le loro famiglie, non solo dai danni della coltivazione del tabacco, ma anche dallo sfruttamento dei loro mezzi di sussistenza da parte dell'industria del tabacco".

Gli agricoltori, sottolinea ancora l'Oms, hanno spesso accordi contrattuali con l'industria del tabacco e sono intrappolati in un circolo vizioso di debiti. Nella maggior parte dei paesi, l'industria del tabacco fornisce agli agricoltori semi e altri materiali necessari per coltivare il tabacco e poi rimuove i costi dai guadagni, il che rende molto difficile l'abbandono del tabacco dal punto di vista di un agricoltore. Ma l'industria del tabacco spesso non riesce a offrire agli agricoltori un prezzo equo per il loro prodotto e gli agricoltori spesso non riescono a rimborsare completamente il prestito.

Con i partner, la campagna globale aumenterà la consapevolezza sulla produzione di colture alternative e sulle opportunità di marketing per i coltivatori di tabacco e li incoraggerà a coltivare colture sostenibili e nutrienti. Queste colture, sottolinea l'Oms, nutriranno le loro famiglie e altri milioni di persone su scala globale, le aiuteranno a liberarsi dal circolo vizioso della coltivazione del tabacco, pieno di debiti, e sosterranno un ambiente più sano in generale. La campagna sosterrà anche i governi nello sviluppo di politiche e strategie adeguate e nelle condizioni di mercato che consentano ai coltivatori di tabacco di passare alla coltivazione di colture alimentari.

07 novembre 2022
Ultimi articoli in Cronache
IlFarmacistaOnline.it
Quotidiano della Federazione degli Ordini dei Farmacisti Italiani: www.fofi.it
Direttore responsabile
Andrea Mandelli
Editore
Edizioni Health Communication srl
contatti
P.I. 08842011002
Riproduzione riservata.
Copyright 2010 © Health Communication Srl. Tutti i diritti sono riservati | P.I. 08842011002 | iscritta al ROC n. 14025 | Per la Uffici Commerciali Health Communication Srl
108698