Quotidiano della Federazione Ordini Farmacisti Italiani
Martedì 15 OTTOBRE 2019
Scienza e Farmaci
ATTENZIONE: Mancano soltanto 77 giorni alla fine del
triennio ECM 2017-2019. Clicca qui per saperne di pił...
Segui ilFarmacistaOnline
Scienza e Farmaci
Giornata mondiale salute mentale: focus Oms sui suicidi. Nel mondo circa 800mila/anno. Il tasso dell'Italia è tra i più bassi. Le strategie
Il suicidio è la seconda principale causa di morte tra i 15 e i 29 anni a livello globale e si verifica in tutte le regioni del mondo, ma il 79% dei suicidi avviene in paesi a basso e medio reddito. In Italia il tasso di mortalità per suicidio è pari a poco meno di 6 per 100mila residenti (in diminuzione negli anni e più basso della media europea, pari a quasi 11 per 100mila, ma non tra i più bassi del mondo secondo la mappa interattiva Oms sui tassi di suicidio). PIANO D'AZIONE OMS PER LA SALUTE MENTALE.
08 OTT - Giornata mondiale della salute mentale 2019 all’insegna della prevenzione dei suicidi. La Giornata è organizzata dalla Federazione mondiale per la salute mentale ed è sostenuta dall'Oms, dall'International Association for Suicide Prevention e dalla United for Global Mental Health. 

 

Circa 800.000 persone muoiono ogni anno per suicidio, una persona ogni 40 secondi.  È la seconda principale causa di morte tra i 15-29 anni a livello globale e si verifica in tutte le regioni del mondo, ma il 79% dei suicidi avviene in paesi a basso e medio reddito. 

 

Inoltre, per ogni suicidio, ci sono più di 20 tentativi di suicidio che hanno anche un effetto a catena che incide su famiglie, amici, colleghi, comunità e società.

 

 

 

 

 

 

I suicidi sono prevenibili. Si può fare molto per prevenire il suicidio a livello individuale, comunitario e nazionale. 

 

Mentre il legame tra suicidio e disturbi mentali (in particolare, depressione e disturbi dell'uso di alcol) è ben stabilito, molti suicidi si verificano impulsivamente in momenti di crisi. Ulteriori fattori di rischio includono esperienza di perdita, solitudine, discriminazione, rottura di una relazione, problemi finanziari, dolore e malattia cronici, violenza, abusi e conflitti o altre emergenze umanitarie. Il più forte fattore di rischio per il suicidio è un precedente tentativo di suicidio.

 

Inoltre, sperimentare conflitti, disastri, violenza, abusi o perdite e un senso di isolamento sono fortemente associati al comportamento suicidario. I tassi di suicidio sono elevati anche tra i gruppi vulnerabili che subiscono discriminazioni, come rifugiati e migranti; popolazioni indigene; persone lesbiche, gay, bisessuali, transgender, intersessuali (LGBTI); e prigionieri. Di gran lunga il più forte fattore di rischio per il suicidio è un precedente tentativo di suicidio.

 

Secondo l’Oms si può fare molto per prevenire il suicidio e l’Organizzazione mondiale della sanità raccomanda quattro interventi chiave che si sono dimostrati efficaci:

limitare l'accesso ai mezzi di suicidio

aiutare i giovani a sviluppare abilità per far fronte alle pressioni della vita

identificazione e gestione precoci delle persone che stanno pensando al suicidio o che hanno tentato il suicidio, mantenendo il contatto di follow-up a breve e lungo termine

collaborare con i media per garantire una denuncia responsabile del suicidio.

 

Collettivamente, l'approccio dell'Oms alla prevenzione del suicidio è noto come LIVE LIFE (leadership, interventi, visione e valutazione). Questo approccio è la base su cui dovrebbero essere sviluppate strategie nazionali complete di prevenzione del suicidio. 

 

Si stima che circa il 20% dei suicidi globali sia dovuto all'auto-avvelenamento da pesticidi, la maggior parte dei quali si verifica nelle aree agricole rurali dei paesi a basso e medio reddito. Altri metodi comuni di suicidio sono impiccagione e armi da fuoco.

 

La conoscenza dei metodi di suicidio più comunemente usati è importante per escogitare strategie di prevenzione che hanno dimostrato di essere efficaci, come la limitazione dell'accesso ai mezzi di suicidio.

 

I suicidi secondo l’Oms sono prevenibili. Esistono diverse misure che possono essere adottate a livello di popolazione, sottopopolazione e individuo per prevenire il suicidio e i tentativi di suicidio. Questi includono:

- ridurre l'accesso ai mezzi di suicidio (ad esempio pesticidi, armi da fuoco, alcuni farmaci);

riferire dai media in modo responsabile;

interventi a scuola;

introdurre politiche sull'alcol per ridurre l'uso dannoso di alcol;

identificazione, trattamento e cura precoci delle persone con disturbi mentali e di uso di sostanze, dolore cronico e angoscia emotiva acuta;

formazione di operatori sanitari non specializzati nella valutazione e gestione del comportamento suicidario;

assistenza di follow-up per le persone che hanno tentato il suicidio e la fornitura di supporto comunitario.

 

Il suicidio è una questione complessa e pertanto gli sforzi per la prevenzione del suicidio richiedono il coordinamento e la collaborazione tra più settori della società, compreso il settore sanitario e altri settori come l'istruzione, il lavoro, l'agricoltura, le imprese, la giustizia, la legge, la difesa, la politica e i media. Questi sforzi devono essere completi e integrati poiché nessun singolo approccio da solo può avere un impatto su una questione complessa come il suicidio.

 

Lo stigma, in particolare i disordini mentali e il suicidio, significa che molte persone che pensano di togliersi la vita o che hanno tentato il suicidio non cercano aiuto e quindi non ottengono l'aiuto di cui hanno bisogno. La prevenzione del suicidio non è stata adeguatamente affrontata a causa della mancanza di consapevolezza del suicidio come grave problema di salute pubblica e del tabù in molte società di discuterne apertamente. Fino a oggi, solo alcuni paesi hanno incluso la prevenzione del suicidio tra le loro priorità di salute e solo 38 paesi dichiarano di avere una strategia nazionale di prevenzione del suicidio.

 

Aumentare la consapevolezza della comunità e abbattere il tabù è importante per i paesi per fare progressi nella prevenzione del suicidio.

 

A livello globale, la disponibilità e la qualità dei dati sul suicidio e sui tentativi di suicidio è scarsa. Solo 80 Stati membri dispongono di dati vitali di registrazione di buona qualità che possono essere utilizzati direttamente per stimare i tassi di suicidio. Questo problema di dati sulla mortalità di scarsa qualità non è unico per il suicidio, ma data la sensibilità del suicidio - e l'illegalità del comportamento suicidario in alcuni paesi - è probabile che la sottostima e la classificazione errata siano maggiori problemi per il suicidio rispetto alla maggior parte delle altre cause di morte.

 

L’Oms sottolinea che è necessaria una sorveglianza e un monitoraggio migliorati dei tentativi di suicidio e suicidio per strategie efficaci di prevenzione del suicidio. Le differenze transnazionali nei modelli di suicidio e i cambiamenti nei tassi, nelle caratteristiche e nei metodi di suicidio, evidenziano la necessità per ciascun paese di migliorare la completezza, la qualità e la tempestività dei dati relativi al suicidio. Ciò include la registrazione vitale del suicidio, i registri ospedalieri dei tentativi di suicidio e le indagini rappresentative a livello nazionale che raccolgono informazioni sui tentativi di suicidio auto-segnalati.

 

 

L'Oms riconosce il suicidio come una priorità di salute pubblica. Il suicidio è una delle condizioni prioritarie del “programma di azione sul divario per la salute mentale dell'Oms (mhGAP)” lanciato nel 2008 e aggiornato annualmente, che fornisce una guida tecnica basata sull'evidenza per ampliare l'offerta di servizi e cure nei paesi per i disturbi mentali, neurologici e di uso di sostanze. Nel piano d'azione per la salute mentale dell'Oms 2013-2020 , gli Stati membri dell'Oms si sono impegnati a lavorare verso l'obiettivo globale di ridurre il tasso di suicidi nei paesi del 10% entro il 2020.

 

I quattro obiettivi principali del piano d'azione sono:

· rafforzare una leadership e una governance efficaci per la salute mentale.
· fornire servizi di assistenza sociale e di salute mentale completi, integrati e reattivi in ​​contesti di comunità.
· attuare strategie di promozione e prevenzione nella salute mentale.
· rafforzare i sistemi di informazione, le prove e la ricerca per la salute mentale.
 
Ciascuno dei quattro obiettivi è accompagnato da uno o due obiettivi specifici, che forniscono la base per un'azione collettiva misurabile e il raggiungimento da parte degli Stati membri verso obiettivi globali. Una serie di indicatori chiave relativi a questi obiettivi e ad altre azioni sono stati sviluppati e vengono raccolti periodicamente attraverso il progetto Atlante della salute mentale.

 

Inoltre, il tasso di mortalità suicida è un indicatore dell'obiettivo 3.4 degli Obiettivi di sviluppo sostenibile: entro il 2030, ridurre di un terzo la mortalità prematura per malattie non trasmissibili attraverso la prevenzione e il trattamento e promuovere la salute e il benessere mentale.

 

Per l’Italia, l’Istat indica il tasso di mortalità per suicidio pari a poco meno di 6 per 100mila residenti (in diminuzione negli anni e più basso della media europea, pari a quasi 11 per 100mila, ma non tra i più bassi del mondo secondo la mappa interattiva Oms sui tassi di suicidio). Tale quota aumenta con l’età, passando da 0,7 nei giovanissimi (fino a 19 anni) a 10,5 negli anziani, con valori 4 volte maggiori nei maschi rispetto alle femmine.

 

Nella classe di età tra i 20 e i 34 anni, il suicidio rappresenta una rilevante causa di morte (12% dei decessi).

 

 

08 ottobre 2019
Ultimi articoli in Scienza e Farmaci
IlFarmacistaOnline.it
Quotidiano della Federazione degli Ordini dei Farmacisti Italiani: www.fofi.it
Direttore responsabile
Andrea Mandelli
Direttore editoriale
Cesare Fassari
Editore
Edizioni Health Communication srl
contatti
P.I. 08842011002
Riproduzione riservata.
Copyright 2010 © Health Communication Srl. Tutti i diritti sono riservati | P.I. 08842011002 | iscritta al ROC n. 14025 | Per la Uffici Commerciali Health Communication Srl
77564