Quotidiano della Federazione Ordini Farmacisti Italiani
21 GENNNAIO 2018
Scienza e Farmaci
Segui ilFarmacistaOnline
Scienza e Farmaci
Fino a 650mila decessi l’anno nel mondo sono associati all’influenza stagionale. Più a rischio gli over 75. L’Oms raccomanda la vaccinazione
Decessi in aumento rispetto alla precedente stima globale di 250.000 – 500.000, che risale a oltre dieci anni fa e che copriva tutte le morti legate all'influenza, comprese le malattie cardiovascolari o il diabete. Le nuove cifre si basano su dati più recenti di un gruppo più ampio e diversificato di paesi, compresi i paesi a reddito medio-basso, ed escludono le morti da malattie non respiratorie. IL VIDEO: INFLUENZA MINACCIA IMPREVEDIBILE.
15 DIC - Fino a 650.000 decessi all'anno sono associati a malattie respiratorie dovute all'influenza stagionale, secondo le nuove stime dei Centri statunitensi per il controllo e la prevenzione delle malattie (US-CDC), l'Organizzazione mondiale della sanità e i partner della salute globale.
Un aumento rispetto alla precedente stima globale di 250.000 – 500.000, che risale a oltre dieci anni fa e che copriva tutti i decessi legati all'influenza, comprese le malattie cardiovascolari o il diabete.   
Le nuove cifre di 290.000 – 650.000 morti si basano su dati più recenti di un gruppo più ampio e diversificato di paesi, compresi i paesi a reddito medio-basso, ed escludono le morti da malattie non respiratorie.  
"Queste cifre indicano l'alto onere dell'influenza e il suo costo sociale ed economico sostanziale per il mondo", ha affermato Peter Salama, direttore esecutivo del programma di emergenza sanitaria dell'Oms. "Sottolineano l'importanza della prevenzione dell'influenza per le epidemie stagionali, così come la preparazione per le pandemie".  
Le stime tengono conto dei risultati dei recenti studi sulla mortalità respiratoria influenzale, incluso uno studio condotto dai Centri statunitensi per il controllo e la prevenzione delle malattie (US-CDC), pubblicato oggi su The Lancet.  
Secondo l'US-CDC, la maggior parte delle morti si verifica tra le persone di età superiore ai 75 anni e nelle regioni più povere del mondo. L'Africa subsahariana rappresenta il più grande rischio di mortalità per influenza sul mondo, seguito da vicino dal Mediterraneo orientale e dal Sud-Est asiatico.  
Le persone a maggior rischio di gravi malattie o complicanze quando infette sono: donne incinte, bambini sotto i 59 mesi, anziani, individui con patologie croniche (come malattie croniche cardiache, polmonari, renali, metaboliche, dello sviluppo neurologico, del fegato o ematologiche) e individui con condizioni immunosoppressive (come HIV / AIDS, chemioterapia o steroidi o malignità).  
Gli operatori sanitari sono ad alto rischio di contrarre l'infezione da virus dell'influenza a causa dell'aumentata esposizione ai pazienti e rischiano di diffondersi ulteriormente in particolare verso le persone vulnerabili.  
"Tutti i paesi, ricchi e poveri, grandi e piccoli, devono collaborare per controllare i focolai dell'influenza prima dell'arrivo della prossima pandemia. Questo prevede di individuare e rispondere alle epidemie e rafforzare i sistemi sanitari per migliorare la salute dei più vulnerabili e dei più a rischio ", ha affermato Salama.  
Quasi tutti i decessi tra i bambini sotto i cinque anni con infezioni del tratto respiratorio inferiore influenzali si verificano nei paesi in via di sviluppo, ma gli effetti delle epidemie di influenza stagionale sui più poveri del mondo non sono completamente noti.  
L'Oms sta collaborando con i partner per valutare il peso dell'influenza globale della malattia fornendo assistenza e competenza agli Stati membri per misurare il peso della malattia influenzale e le sue conseguenze economiche.  
Si prevede che ulteriori studi di sorveglianza e di laboratorio su altre malattie come le malattie cardiovascolari che possono essere correlate all'influenza, produrranno stime sostanzialmente più elevate nei prossimi anni.  
L'Oms incoraggia i paesi a dare priorità alla prevenzione dell'influenza e a produrre stime nazionali per stimolare le politiche di prevenzione. 
Si raccomanda la vaccinazione antinfluenzale annuale per prevenire malattie e complicanze da infezione influenzale. La vaccinazione è particolarmente importante per le persone a più alto rischio di gravi complicazioni e morte per l'influenza e per gli operatori sanitari.  
l modo più efficace per prevenire la malattia è la vaccinazione . Sono disponibili vaccini sicuri ed efficaci da oltre 60 anni. L'immunità dalla vaccinazione diminuisce nel tempo, pertanto si raccomanda la vaccinazione annuale per proteggere dall'influenza. I vaccini influenzali inattivati ​​iniettati sono più comunemente usati in tutto il mondo.
 
Tra gli adulti sani, il vaccino antinfluenzale fornisce protezione, anche quando i virus circolanti non corrispondono esattamente ai virus del vaccino. Tuttavia, tra gli anziani, la vaccinazione antinfluenzale può essere meno efficace nella prevenzione delle malattie ma riduce la gravità della malattia e l'incidenza di complicanze e decessi. La vaccinazione è particolarmente importante per le persone ad alto rischio di complicanze influenzali e per le persone che vivono con o si prendono cura delle persone ad alto rischio.
 
L'Oms raccomanda la vaccinazione annuale per:
 
  • donne incinte in qualsiasi fase della gravidanza
  • bambini di età compresa tra 6 mesi a 5 anni
  • individui anziani (di età superiore a 65 anni)
  • individui con condizioni mediche croniche
  • operatore sanitario.
Il vaccino influenzale è più efficace quando i virus circolanti sono ben abbinati ai virus contenuti nei vaccini. A causa della natura in costante evoluzione dei virus dell'influenza, il sistema globale di sorveglianza e risposta dell'influenza dell'OMS (GISRS), un sistema di centri nazionali per l'influenza e centri di collaborazione dell'Oms in tutto il mondo, monitora continuamente i virus dell'influenza che circolano nell'uomo e aggiorna la composizione dell'influenza vaccini due volte l'anno.
 
Per molti anni, l'Oms ha aggiornato la sua raccomandazione sulla composizione del vaccino (trivalente) che si rivolge ai 3 tipi di virus più rappresentativi in ​​circolazione (due sottotipi di virus dell'influenza A e un virus dell'influenza B). A partire dalla stagione dell'influenza nell'emisfero settentrionale 2013-2014, si raccomanda un quarto componente per supportare lo sviluppo del vaccino quadrivalente. I vaccini quadrivalenti includono un secondo virus dell'influenza B in aggiunta ai virus nei vaccini trivalenti e dovrebbero fornire una protezione più ampia contro le infezioni da virus dell'influenza B. Un numero di vaccini influenzali inattivati ​​e vaccini influenzali ricombinanti sono disponibili in forma iniettabile. Il vaccino influenzale vivo attenuato è disponibile come spray nasale.  
L'influenza stagionale è un'infezione virale acuta che si diffonde facilmente da persona a persona e circola in tutto il mondo. La maggior parte delle persone guarisce entro una settimana senza richiedere cure mediche. Le comuni malattie respiratorie legate all'influenza stagionale che possono causare la morte includono la polmonite e la bronchite.  
Il gruppo di lavoro sull'influenza degli infermieri dell'Oms comprende esperti dell'Istituto di scienze mediche di All India, l'Università nazionale di Singapore, l'Istituto nazionale sudafricano delle malattie trasmissibili, il CDC statunitense, l'Università del Valle del Guatemala e l'Università di Edimburgo.
15 dicembre 2017
Ultimi articoli in Scienza e Farmaci
iPiùLetti [ultimi 7 giorni]
IlFarmacistaOnline.it
Quotidiano della Federazione degli Ordini dei Farmacisti Italiani: www.fofi.it
Direttore responsabile
Andrea Mandelli
Direttore editoriale
Cesare Fassari
Editore
Edizioni Health Communication srl
contatti
P.I. 08842011002
Riproduzione riservata.
Copyright 2010 © Health Communication Srl. Tutti i diritti sono riservati | P.I. 08842011002 | iscritta al ROC n. 14025 | Per la Uffici Commerciali Health Communication Srl
479