Quotidiano della Federazione Ordini Farmacisti Italiani
Giovedì 16 AGOSTO 2018
Studi e Analisi
Segui ilFarmacistaOnline
Studi e Analisi
Eurostat. Quanto si sentono in salute gli europei? Italia decima tra chi sta meglio e prima per il minor numero di cronici. Ma è più alta la percezione del dolore fisico
La classificazione Eurostat sullo stato di salute percepito nell'Ue ha incluso cinque livelli: molto buono, buono, giusto, cattivo e molto cattivo. Tra gli Stati membri, la percentuale più alta della popolazione di 16 anni o più che ha percepito la propria salute come buona o molto buona è stata registrata in Irlanda (82,8%), Cipro (78,7%) e Paesi Bassi (75,9%). Sul versante opposto, quasi 1 persona su 5 di età pari o superiore a 16 anni ha percepito la propria salute come cattiva o pessima in Croazia (18,7%), seguita da Lituania (16,9%) e Portogallo (15,9%).
29 MAR - Più di due terzi (67,5%) di persone di 16 anni o più residenti nell'Unione europea  hanno percepito il loro stato di salute molto buono o buono nel 2016. Al contrario, meno di un decimo (8,8%) ha valutato il loro livello di salute cattiva o pessima nello stesso anno.

La classificazione Eurostat sullo stato di salute percepito nell'Ue ha incluso cinque livelli: molto buono, buono, giusto, cattivo e molto cattivo.

Gli uomini tendono a valutare meglio la loro salute rispetto alle donne, con il 70,1% degli uomini di età pari o superiore a 16 anni che percepiscono la propria salute come buona o buona nel 2016, rispetto al 65,2% delle donne.

Tra gli Stati membri, la percentuale più alta della popolazione di 16 anni o più che ha percepito la propria salute come buona o molto buona è stata registrata in Irlanda (82,8%), Cipro (78,7%), Paesi Bassi (75,9%), Svezia (75,1%), Grecia (74,0%), Belgio (73,7%), Malta (72,9%), Spagna (72,5%), Danimarca (71,3%)  e Italia (71,1%).

D'altra parte, quasi 1 persona su 5 di età pari o superiore a 16 anni ha percepito la propria salute come cattiva o pessima in Croazia (18,7%), seguita da Lituania (16,9%), Portogallo (15,9%), Lettonia (15,6%), Estonia (14,4%), Polonia (13,6%) e Ungheria (13,2%).

Disturbo di salute di genere auto-percepito: gli uomini tendono a valutare la propria salute meglio delle donne

Nel 2016, gli uomini erano più propensi a valutare la loro salute come molto buona o buona rispetto alle donne in tutti gli Stati membri dell'Ue. Con questa misura, i maggiori divari di salute di genere sono stati registrati in Romania, Lettonia, Portogallo e Lituania. Nell'insieme dell'Ue-28, il divario di genere tra i sessi è stato di 5% :  il 70,1% degli uomini ha valutato la propria salute come molto buona o buona rispetto al 65,1% delle donne.

Viceversa, concentrandosi sulla popolazione che considerava la propria salute come cattiva o molto cattiva, le donne erano avanti agli uomini, con l'Irlanda unico Stato che rappresentava un'eccezione (una differenza di 0,2%  nel 2015) . Nell'Ue-28 nel suo complesso, il 9,9% delle donne e il 7,7% degli uomini hanno considerato la propria salute come cattiva o pessima nel 2016.

La percezione negativa della salute aumenta con l'età 
La salute auto-percepita ha anche un modello di età distinta, in quanto meno persone tendevano a valutare la propria salute come molto buona o buona nei gruppi di età più alta rispetto ai gruppi di età inferiore, mentre la quota che riportava cattiva o molto cattiva salute aumentava con l'età. Allo stesso modo, la percentuale di persone che riferiscono di una loro salute “normale” è aumentata fino alla fascia di età 85 anni e oltre, dove è stato registrato un calo di 2,4%  rispetto alla fascia di età 75-84 anni.

Il divario di salute di genere relativo alla percentuale della popolazione che registrava una salute molto buona o buona era evidente in tutte le fasce di età e ha registrato il valore più basso per la fascia di età 16-24 (1,8%  più bassi per le donne), generalmente in aumento con l'età e il picco tra i 75-84 anni (6,4% ).

Le persone più istruite hanno percepito la loro salute come migliore

Chiare differenze appaiono quando si guarda la relazione tra la percezione di salute e il livello di istruzione. Nell'Ue-28, il 55,6% della popolazione ha completato al massimo l'istruzione secondaria inferiore, il 69,3% della popolazione ha completato l'istruzione secondaria superiore o post-secondaria non terziaria e il 79,8% della popolazione che ha completato l'istruzione terziaria ha percepito la propria salute molto buono o buono nel 2016.

Il divario sanitario tra i livelli di istruzione è evidente in quasi tutti gli Stati membri, generalmente con lo stesso schema osservato per l'Ue-28 nel suo complesso.

A Malta, la percentuale di persone che dichiarano una salute molto buona o buona non era sostanzialmente diversa tra chi aveva completato l'istruzione terziaria e quelli con un'istruzione al terziario superiore o post-secondaria al massimo.

Il maggiore divario nella quota della popolazione che registra una salute molto buona o buona tra quelli con il più alto e il più basso livello di istruzione è stato osservato in Portogallo (41% ), seguita dalla Croazia (39,5% ) e dalla Polonia (38,2% ).

Il divario minore, inferiore a 19% , è stato osservato in Danimarca, Germania e Paesi Bassi.

Le disuguaglianze  sono aumentate con il reddito

Nell'Ue-28, il 60,1% della popolazione nel primo quintile di reddito (il 20% della popolazione con il reddito più basso) e il 60,7% nel secondo quintile ha percepito la propria salute come molto buona o buona nel 2016, rispetto al 66% nel terzo quintile, il 72,2% nel quarto quintile e il 78,3% nel quinto quintile di reddito (il 20% della popolazione con il reddito più elevato).

Quasi tutti gli Stati membri hanno mostrato un andamento simile, con le percentuali più basse di persone che hanno percepito la propria salute come molto buona o buona registrata per il primo quintile, le più alte quote per il quinto. Solo cinque Stati membri si sono discostati da questo modello,
Grecia, Romania, Slovacchia, Spagna e Italia, dove la popolazione con reddito medio aveva meno probabilità di riportare una salute molto buona o buona rispetto alla popolazione con reddito inferiore.

Di gran lunga la più grande differenza nella percentuale della popolazione che registrava una salute molto buona o buona tra le popolazioni nei quintili di reddito più alti e più bassi è stata osservata in Estonia, seguita dalla Lettonia (rispettivamente 46 e 41% ). Al contrario, in Romania è stata osservata relativamente poca differenza di salute molto buona e buona auto-percepita tra i gruppi di reddito più alti e più bassi.

Dolore fisico

La seconda parte dell'indagine ha riguardato l'intensità del dolore fisico durante le quattro settimane precedenti l'intervista. In tutti i paesi, a eccezione di Germania, Francia, Lussemburgo, Paesi Bassi, Slovenia, Finlandia e Islanda, più di due quinti di tutti gli intervistati non hanno riportato dolore fisico. Questa quota era di circa tre quinti della popolazione di riferimento in soli due Stati membri, Grecia e Italia, e ha raggiunto il picco del 69,3% a Cipro.

La percentuale della popolazione che registrava dolore corporale moderato, grave o molto grave era più alta in Polonia e Slovenia (tra il 31% e il 32%), mentre era più bassa in Lettonia e Malta (poco più del 13,5% e del 14% rispettivamente).
Concentrandosi solo su dolori fisici gravi e molto gravi, il Portogallo ha registrato la quota più elevata (15,3%), seguito da Polonia, Estonia, Paesi Bassi e Belgio con quote che vanno dal 10% al 12%.

Le quote più basse sono state segnalate in Lettonia, Repubblica ceca, Romania, Irlanda e Bulgaria (circa il 5%), con diversi Stati membri tra il 7% e il 9 per cento.

Le donne più propense degli uomini a riferire di aver provato dolore fisico

L'analisi per sesso indica che una percentuale maggiore di uomini rispetto alle donne ha riportato di non aver avuto dolore fisico, con differenze tra i 7 e 15% , con il Portogallo (18,6% ), la Spagna (16,7% ) sopra questo valore e Francia e Irlanda (entrambe vicine a 5% ) al di sotto.

Per il dolore moderato, grave o molto grave il divario di genere è agli stessi livelli, passando da 4,5%  nella Repubblica ceca a 13%  in Lituania e Spagna, con il Portogallo nuovamente sopra questo intervallo (una differenza di 17%).

L'età è un altro fattore importante, con la proporzione di persone anziane che riferiscono almeno un dolore fisico moderato molte volte superiore alla percentuale di giovani. Questo è avvenuto in particolare in Romania, dove l'1,6% della fascia di età 15-24 ha riferito un dolore fisico almeno moderato, rispetto al 66,8% della fascia di età 75 anni e oltre.

Allo stesso modo pesa il livello di istruzione, con la probabilità più bassa di segnalazione moderata di dolore fisico tra le persone che hanno completato l'istruzione terziaria e la più alta tra coloro che hanno completato più di istruzione secondaria inferiore.

Morbilità cronica

Più di una persona su tre nell'Ue di 16 anni o più ha riferito di avere una malattia di lunga durata (cronica) o un problema di salute nel 2016.

Nel 2016, il 35,4% della popolazione dell'Ue-28 di età pari o superiore a 16 anni ha riferito di avere una malattia o un problema di salute di vecchia data. Questa quota è leggermente aumentata nel tempo.

Tra gli Stati membri dell'Ue, la più bassa prevalenza di questi problemi è stata osservata in Italia (15,2%) e Romania (19,2%), mentre la maggior parte degli Stati membri ha registrato valori tra il 24% e il 40%. Bulgaria (21,2%) e  Lussemburgo ( 23,2%) sono al di sotto di questo intervallo, mentre Portogallo (41,4%), Germania (42,3%), Estonia (44,1%) e Finlandia (46,6%) sono superiori.

Per gli uomini meno problemi di salute cronici rispetto alle donne

Come per la salute auto-percepita, gli uomini hanno riferito di malattie o problemi di salute cronici in misura inferiore alle donne: nel 2016 la quota Ue-28 per gli uomini era del 33,4%, mentre per le donne ha raggiunto il 37,4 per cento.

Tra gli Stati membri, i maggiori divari di genere per questo indicatore sono stati osservati in Lettonia, Finlandia, Portogallo e Lituania (8%  o più).
Per contro, i divari più bassi sono stati registrati in Irlanda (2015), a Malta (entrambi a 0,9% ), mentre a Cipro la percentuale rispettiva di uomini è stata superiore a quella delle donne dell’1,3 per cento .

Un fattore importante nella prevalenza di malattie o problemi di salute cronici era l'età: mentre solo il 28,5% della popolazione nell'Ue-28 di età compresa tra 16 e 24 anni ha riportato un problema di salute cronico nel 2016, la quota è salita al 66% per la fascia di età 75-84 e al 72% tra le persone di 85 anni e oltre.

Cronicità: stanno meglio i lavoratori dipendenti rispetto ai disoccupati

Rispetto  alla popolazione di riferimento (persone di età pari o superiore a 16 anni), esiste anche una relazione tra lo stato lavorativo e la prevalenza di malattie croniche e problemi di salute. Mentre il 25,4% degli occupati in questa fascia d'età riportava questi nel 2016, la quota sale al 38,6% per i disoccupati.

Le differenze nelle malattie di vecchia data segnalate spontaneamente o tra i disoccupati e gli occupati erano più elevate tra la popolazione anziana in età lavorativa: per le persone di età compresa tra i 16 e i 44 anni la prevalenza di malattie croniche e problemi di salute tra i disoccupati era del 9% più alta rispetto ai lavoratori subordinati, mentre per le persone tra 45 e 64 anni la differenza era del 18 per cento.

Tutti gli Stati membri hanno riferito lo stesso schema generale per la popolazione in età lavorativa, come descritto per l'Ue-28, con una percentuale inferiore di persone che denunciavano malattie di lunga durata e problemi di salute tra i lavoratori dipendenti rispetto ai disoccupati. In termini percentuali, la differenza maggiore è stata registrata per i Paesi Bassi, le quote del 60% per i disoccupati e il 24% per gli occupati, con una differenza di 36 per cento.
Altri Stati membri in cui la differenza superava i 20%  includevano l'Austria, la Repubblica ceca, la Germania e la Danimarca (per la Repubblica ceca e la Danimarca i dati relativi ai disoccupati sono inaffidabili).
Le differenze più basse (4%  o meno) nella prevalenza di malattie di vecchia data e problemi di salute tra impiegati e disoccupati sono state segnalate a Cipro, a Malta, in Bulgaria, in Grecia e in Italia.
 
La salute auto percepita
 


 

Distribuzione per stato di salute dichiarato e sesso
 

 
Persone in buona salute
 

 
Autocoscienza della propria salute per età

 
Autocoscienza della salute nei cronici
 

 
Persone con malattie croniche per età
 

 
Persone con malattie croniche per sesso
 

 
Persone che dichiarano dolore corporeo per sesso ed età
 

 
Persone secondo la gravità auto percepita del dolore corporeo
 
29 marzo 2018
Ultimi articoli in Studi e Analisi
IlFarmacistaOnline.it
Quotidiano della Federazione degli Ordini dei Farmacisti Italiani: www.fofi.it
Direttore responsabile
Andrea Mandelli
Direttore editoriale
Cesare Fassari
Editore
Edizioni Health Communication srl
contatti
P.I. 08842011002
Riproduzione riservata.
Copyright 2010 © Health Communication Srl. Tutti i diritti sono riservati | P.I. 08842011002 | iscritta al ROC n. 14025 | Per la Uffici Commerciali Health Communication Srl
651