Quotidiano della Federazione Ordini Farmacisti Italiani
Martedì 18 GIUGNO 2024
Flebinec Plus
Studi e Analisi
Insonnia bambino
Segui ilFarmacistaOnline
Studi e Analisi
Vaccini. Dall’Ecdc uno studio su come comunicare al meglio il rapporto rischi/benefici
Nello studio vengono riportate anche buone pratiche, anche con esempi concreti, così da poterle sia implementare che trasferire in contesti diversi. Tra queste troviamo il monitorare la percezione del rischio della popolazione e adattare la comunicazione di conseguenza; affrontare la disinformazione con interventi di pre-bunking e debunking; illustrare i fatti attraverso la visualizzazione dei dati; e trasparenza nella fornitura dei dati. LO STUDIO
23 MAG -

La vaccinazione protegge le persone da malattie infettive gravi e potenzialmente letali: l’Organizzazione Mondiale della Sanità (OMS) stima che la vaccinazione prevenga da 3,5 a 5 milioni di decessi ogni anno a livello globale. Tuttavia, nonostante l’importanza dei vaccini, numerosi sondaggi condotti nei paesi dell’Unione Europea/Spazio economico europeo (UE/SEE) mostrano che le preoccupazioni di alcune persone riguardo alla sicurezza dei vaccini, nonché la percezione che non siano efficaci, rappresentano una sfida importante agli sforzi delle autorità sanitarie pubbliche per promuovere l’accettazione e l’adozione dei vaccini.

Un rapporto dell'Ecdc presenta i risultati di uno studio che si è occupato specificamente della comunicazione efficace sul rapporto rischi e benefici della vaccinazione, della percezione del rischio da parte delle persone riguardo ai vaccini e alle malattie e agli approcci per migliorare la comunicazione sulla sicurezza e l'efficacia dei vaccini.

Lo studio è stato condotto tra giugno e novembre 2023, con l’obiettivo di aumentare le conoscenze su:
- come comunicare in modo efficace sulla vaccinazione concentrandosi sui benefici individuali e comunitari che superano i rischi. I rischi comprendono il rischio individuale di contrarre la malattia e i suoi esiti, nonché i rischi potenziali associati alla vaccinazione (ovvero gli effetti collaterali).
- come le persone e le comunità percepiscono i rischi legati ai vaccini e alle malattie infettive.
- come la sicurezza e l'efficacia dei vaccini possono essere comunicate meglio a pubblici diversi sulla base di approcci innovativi ed efficaci.

Il lavoro ha tenuto conto delle lezioni apprese dalle organizzazioni sanitarie pubbliche durante la pandemia di Covid. Oltre alla vaccinazione contro il Covid, si è concentrato anche sulle recenti campagne di vaccinazione contro l’influenza, il vaccino Mrp e l’Hpv condotte da organizzazioni sanitarie pubbliche nell’UE/SEE.

I risultati di questo studio possono supportare gli operatori sanitari pubblici nell’UE/SEE coinvolti nei programmi di vaccinazione, in particolare nella comunicazione sui vaccini, e altre organizzazioni nel loro lavoro per promuovere l’accettazione e l’adozione dei vaccini nell’UE/SEE.

I risultati dello studio sono presentati nelle due sezioni principali del capitolo 3: una sulle sfide principali e una sulle buone pratiche, identificate nella letteratura e riportate dai paesi e dalle organizzazioni nel corso del rapporto. Per ciascuna buona pratica, viene descritta e, ove possibile, vengono presentati esempi concreti. Considerazioni pratiche che possono influire sulla fattibilità dell'implementazione e sulla trasferibilità della buona pratica in contesti diversi.

In relazione alle considerazioni e alle sfide per un'efficace comunicazione dei benefici/rischi dei vaccini, lo studio ha individuato i seguenti aspetti:
- Le percezioni individuali sui rischi e sui benefici dei vaccini sono molto importanti nel determinare l'accettazione e l'adozione dei vaccini e variano ampiamente tra gli individui in termini di dimensione e natura percepita dei rischi e dei benefici. Le percezioni tra i diversi sottogruppi di popolazione variano, aggravando potenzialmente le disuguaglianze sanitarie. Allo stesso modo, le disparità sanitarie possono contribuire a una percezione negativa dei vaccini, a livelli di alfabetizzazione più bassi e a una minore fiducia nei vaccini.

- Le prove sui rischi e sui benefici dei vaccini si evolvono rapidamente nel caso di nuovi vaccini, ponendo alle autorità sanitarie pubbliche la sfida di avere accesso ai dati emergenti, di esaminarli e di comunicare le incertezze in corso.

- La decisione di un individuo di vaccinarsi comporta un processo complesso di valutazione di una serie di rischi e benefici, che può richiedere un grado relativamente elevato di alfabetizzazione sanitaria e di capacità di calcolo.

- La disinformazione e l'errata informazione sui vaccini sono molto diffuse e sono in competizione con la comunicazione delle autorità pubbliche sanitarie

- Le popolazioni migranti e le minoranze etniche hanno spesso livelli più bassi di fiducia nelle istituzioni sanitarie pubbliche. Sono anche più difficili da raggiungere attraverso i canali di comunicazione standard più spesso utilizzati dalle autorità sanitarie pubbliche.

- Alcune autorità sanitarie pubbliche devono affrontare sfide operative in termini di competenze disponibili nella comunicazione del rischio sulle vaccinazioni e di risorse insufficienti (umane e finanziarie). Ciò può influire sulla loro capacità di comunicare i rischi e i benefici dei vaccini con l'efficacia che vorrebbero.

Per quanto riguarda le buone pratiche che possono servire ad affrontare alcune delle sfide identificate, queste includono:
- Monitorare la percezione del rischio della popolazione e adattare la comunicazione di conseguenza.

- Affrontare la disinformazione sui rischi dei vaccini con interventi di pre-bunking e debunking.

- Illustrare i fatti attraverso la visualizzazione dei dati.

- Trasparenza nei processi, nella fornitura di dati e nella comunicazione.

- Uso di narrazioni e trasmissione di valori emotivi attraverso storie personali.

- Esplorare i potenziali usi di tecnologie innovative, come chatbot, realtà virtuale e gamification.

- Fornire materiale di supporto e formazione a coloro che si impegnano nelle conversazioni sui vaccini.

Inoltre, nel rapporto sono riassunte alcune buone pratiche generali di comunicazione sanitaria particolarmente rilevanti per la comunicazione dei benefici e dei rischi dei vaccini, molte delle quali sono state menzionate durante il processo di consultazione degli stakeholder.

I risultati di questo studio confermano la complessità di una comunicazione efficace sul rapporto benefici/rischi della vaccinazione. C'è ancora molto da imparare sui processi psicologici che operano quando gli individui accedono a più fonti di informazione e soppesano i benefici e i rischi della vaccinazione, e su come tenerne conto quando si comunica con gli individui sui benefici e sui rischi del vaccino.

Nell'ambito di questo studio, spiega l'Ecdc, "è stato difficile identificare una strategia chiara con prove evidenti a sostegno del suo utilizzo, anche se molte mostrano molte promesse. L'accettazione e l'adozione delle vaccinazioni possono essere migliorate attraverso l'uso di molte delle buone pratiche descritte in questo rapporto. Inoltre, la comunicazione sui benefici/rischi dei vaccini dovrebbe essere inserita all'interno di strategie più ampie di comunicazione sulle vaccinazioni, facendo uso di diverse tecniche di comunicazione, per garantire l'impatto su più pubblici diversi".

23 maggio 2024
Ultimi articoli in Studi e Analisi
IlFarmacistaOnline.it
Quotidiano della Federazione degli Ordini dei Farmacisti Italiani: www.fofi.it
Direttore responsabile
Andrea Mandelli
Editore
QS Edizioni srl
contatti
P.I. P.I. 12298601001
Riproduzione riservata.
Copyright 2022 © QS Edizioni srl Srl. Tutti i diritti sono riservati | P.I. 12298601001