Quotidiano della Federazione Ordini Farmacisti Italiani
Martedì 18 GIUGNO 2024
Insonnia bambino
Studi e Analisi
Flebinec Plus
Segui ilFarmacistaOnline
Studi e Analisi
Demografia Ue. Eurostat: in 20 anni +4% popolazione europea, oggi 448,8 milioni. Italia ha l'età media più alta (48,4 anni), tasso di natalità e fertilità fra i più bassi
Aumenta anche l’età media in cui le donne diventano madri per la prima volta: nel 2013 era di 28,8 anni, oggi è 29,7 nel 2022. Si è registrato un aumento di questa età media in tutti i paesi dell'UE, ma gli aumenti più elevati si sono verificati in Estonia (4,1 anni) e Lituania (3,9), mentre l’aumento più basso si è verificato in Francia (1 anno). E le primipare più anziane sono in Italia (31,7 anni) e Spagna (31,6)
15 MAG - Al 1° gennaio 2023 nell’Unione Europea vivevano 448,8 milioni di persone. Considerando il periodo di 20 anni dal 1° gennaio 2003 al 1° gennaio 2023, la popolazione totale dell’UE è aumentata da 431,2 milioni a 448,8 milioni, con una crescita del 4%. E' quanto emerge dall'aggiornamento sui dati relativi alla popolazione pubblicati oggi da Eurostat.

Il paese più popoloso dell’Ue è la Germania (84,4 milioni, 19% del totale Ue), seguita da Francia (68,2 milioni, 15%), Italia (59,0 milioni, 13%), Spagna (48,1 milioni, 11%) e Polonia ( 36,8 milioni, 8%). In totale, questi cinque paesi dell’UE rappresentano il 66% della popolazione dell’UE. All'estremità opposta della classifica, i paesi meno popolosi dell'UE sono Malta (542.000 persone, corrispondenti allo 0,1% del totale dell'UE), Lussemburgo (661.000, sempre 0,1%) e Cipro (921.000, 0,2%).

Nei 20 anni dal 2003 al 2023, 18 paesi dell’UE hanno registrato un aumento della popolazione e 9 hanno registrato una diminuzione. I maggiori aumenti relativi sono stati registrati in Lussemburgo (47%), Malta (36%), Irlanda (33%) e Cipro (29%), mentre le maggiori diminuzioni relative sono state osservate in Lettonia (-18%), Bulgaria e Lituania (entrambi −17%) e Romania (−12%). I maggiori aumenti assoluti sono stati registrati in Francia e Spagna (entrambi 6,3 milioni), mentre le maggiori diminuzioni assolute sono state osservate in Romania (-2,6 milioni), Polonia (-1,5 milioni) e Bulgaria (-1,4 milioni).

Al 1° gennaio 2023 nell’Ue si contavano 229 milioni di donne e 219 milioni di uomini. Ciò corrisponde a un rapporto di 104,6 donne ogni 100 uomini, il che significa che c'erano il 4,6% in più di donne rispetto agli uomini.

Sempre nel periodo dal 1° gennaio 2003 al 1° gennaio 2023, la percentuale di persone di età pari o superiore a 80 anni è cresciuta in tutti i paesi dell’UE, a livello UE, di 2,3 punti percentuali, dal 3,7% al 6%. L'aumento più elevato si è verificato in Grecia (+3,3 pp, dal 3,8% al 7,1%) e Lettonia (anche +3,3 pp, dal 2,7% al 6,0%) e il più basso in Svezia (+0,2 pp, dal 5,3% al 5,5%). Al contrario, la
percentuale di bambini e giovani adolescenti (età inferiore a 15 anni) è diminuita a livello UE di 1,5 punti percentuali, dal 16,4% al 14,9%. L’età media è aumentata nel periodo dal 2003 al 2023: era di 39 anni nel 2003, 42,2 anni nel 2013 e 44,5 anni nel 2023 (il 1° gennaio). Ciò significa un aumento di 5,5 anni dell’età media nell’UE durante questo periodo di 20 anni. Tra i Paesi UE, l’età mediana più alta al 1° gennaio 2023 è stata osservata in Italia (48,4 anni), seguita da Portogallo (47,0), Bulgaria (46,8) e Grecia (46,5), mentre quella più bassa è stata registrata a Cipro (38,4 anni). ), Irlanda (39,1), Lussemburgo (39,7) e Malta (40,1). Nel periodo dal 2003 al 2023, l’età media è aumentata maggiormente in Portogallo (8,5 anni) e Romania (8,3) e meno in Svezia (1,1).

Considerando il tasso di natalità, che indica il numero di nati vivi per 1 000 persone, era di 10,1 nel 2002, è salito a 10,6 nel 2008 ed è da allora diminuito a 8,7 nel 2022. Tra i paesi dell’UE, confrontando il 2022 con il 2002 , si è verificata una diminuzione in 22 paesi e un aumento in 4, mentre il tasso è stato lo stesso in Bulgaria. Nel 2022, i tassi grezzi di natalità più elevati sono stati riscontrati a Cipro (11,2 nati vivi ogni 1 000 persone), Francia (10,7), Irlanda (10,5) e Svezia (10,0) e i più bassi in Italia (6,7), Spagna (6,9) e Grecia (7.3).

Durante il periodo 2002-2022 nell’UE, il valore più basso del tasso di fertilità totale (numero di nati vivi per donna) è stato di 1,43 nel 2002 e il valore più alto di 1,57 nel 2008, 2010 e 2016. Nel 2022, il tasso di fertilità totale è stato di 1,46. Tra i paesi dell’UE, la Francia (1,79 nati vivi per donna) ha registrato il tasso di fertilità totale più alto, seguita da Romania (1,71) e Bulgaria (1,65). I tassi più bassi sono stati riscontrati a Malta (1,08), Spagna (1,16) e Italia (1,24). Nel periodo 2002-2022, le maggiori diminuzioni del tasso di fertilità totale sono state osservate in Irlanda (da 1,97 nati vivi per donna nel 2002 a 1,54 nel 2022), Finlandia (da 1,72 a 1,32) e Malta (da 1,45 a 1,08), mentre gli incrementi più elevati si sono riscontrati in Repubblica Ceca (da 1,17 nel 2002 a 1,64 nel 2022), Romania (da 1,27 a 1,71) e Bulgaria (da 1,23 a 1,65).

L’età media in cui le donne diventano madri per la prima volta nell’UE è aumentata: nel 2013 l’età media delle donne alla nascita del primo figlio era di 28,8 anni. Questa è aumentata in media ogni anno di 0,1 anni, fino ai 29,7 nel 2022. Si è registrato un aumento di questa età media in tutti i paesi dell'UE ma gli aumenti più elevati si sono verificati in Estonia (4,1 anni) e Lituania (3,9), mentre l’aumento più basso si è verificato in Francia (1 anno). Nel 2022, le madri per la prima volta più anziane risultano in Italia (31,7 anni) e Spagna (31,6) e le più giovani in Bulgaria (26,6) e Romania (27)..
15 maggio 2024
Ultimi articoli in Studi e Analisi
IlFarmacistaOnline.it
Quotidiano della Federazione degli Ordini dei Farmacisti Italiani: www.fofi.it
Direttore responsabile
Andrea Mandelli
Editore
QS Edizioni srl
contatti
P.I. P.I. 12298601001
Riproduzione riservata.
Copyright 2022 © QS Edizioni srl Srl. Tutti i diritti sono riservati | P.I. 12298601001