Quotidiano della Federazione Ordini Farmacisti Italiani
Sabato 25 MAGGIO 2024
Insonnia bambino
Studi e Analisi
Flebinec Plus
Segui ilFarmacistaOnline
Studi e Analisi
Infezioni ospedaliere. Nel 2020 in Europa il 12,7% dei pazienti ricoverati in terapia intensiva per più di due giorni ne ha contratta almeno una. Il rapporto Ecdc
Più nel dettaglio, di tutti i pazienti ricoverati in terapia intensiva per più di due giorni, l'8% presentava polmonite, il 6% un'infezione del sangue (BSI) e il 3% un'infezione del tratto urinario. Il 71% degli episodi di polmonite erano associati all'intubazione, il 38% degli episodi delle infezioni del sangue erano correlati all'utilizzo del catetere e il 95% degli episodi di infezioni delle vie urinarie erano associati alla presenza di un catetere urinario. IL RAPPORTO
18 MAR -

Nel 2020, 11.124 persone, ovvero il 12,7% dei pazienti ricoverati in un'unità di terapia intensiva (UTI) per più di due giorni hanno presentato almeno un'infezione associata all'assistenza sanitaria (HAI) acquisita in terapia intensiva sotto sorveglianza (polmonite, infezione del sangue o infezione del tratto urinario). Più nel dettaglio, di tutti i pazienti ricoverati in terapia intensiva per più di due giorni, l'8% presentava polmonite, il 6% un'infezione del sangue (BSI) e il 3% un'infezione del tratto urinario.

Questi alcuni dei dati presenti nel rapporto annuale dell'Ecdc.

Nel 2020, 10 reti in nove Paesi (Austria, Estonia, Francia, Germania, Ungheria, Italia/GiViTI (Gruppo Italiano per la Valutazione degli Interventi in Terapia Intensiva), Italia/SPIN-UTI (Italian Nosocomial Infection Surveillance in ICUs ), Lituania, Portogallo e Spagna) hanno riportato i dati di 1.058 ospedali e 1 378 unità di terapia intensiva. La dimensione mediana delle unità di terapia intensiva partecipanti era di 12 letti, con un range che andava da due a 54 letti. Un paese (Germania) ha fornito solo dati basati sulle unità. Gli altri otto Paesi hanno fornito dati basati sui pazienti. Sei Paesi (Estonia, Ungheria, Italia, Lituania, Portogallo e Spagna) hanno fornito dati sull'uso di antimicrobici. Due Paesi/reti (Estonia e Italia/SPIN-UTI) hanno fornito dati sull'esito delle HAI e, in caso di decesso, sulla relazione tra HAI e decesso. La rete Italia/SPIN-UTI ha fornito dati sugli indicatori di struttura e di processo della prevenzione e del controllo delle infezioni e della stewardship antimicrobica.

Il 71% degli episodi di polmonite erano associati all'intubazione, il 38% degli episodi delle infezioni del sangue erano correlati all'utilizzo del catetere e il 95% degli episodi di infezioni delle vie urinarie erano associati alla presenza di un catetere urinario.

Il microrganismo isolato più frequentemente è stato Pseudomonas aeruginosa negli episodi di polmonite acquisita in terapia intensiva, gli stafilococchi coagulasi-negativi nelle infezioni del sangue acquisite in terapia intensiva e l’Escherichia coli in quelle delle vie urinarie acquisite in terapia intensiva.

Il 14% degli isolati di Staphylococcus aureus erano resistenti all'oxacillina (MRSA) e il 16% degli Enterococcus spp. erano resistenti ai glicopeptidi. La resistenza alle cefalosporine di terza generazione è stata segnalata nel 22% degli isolati di E. coli, nel 38% di Klebsiella spp. Isolati e il 39% di Enterobacter spp. isolati. La resistenza ai carbapenemi è stata segnalata nell'11% dei casi di Klebsiella spp. isolati, il 26% degli isolati di P. aeruginosa e il 54% degli isolati di Acinetobacter baumannii.

18 marzo 2024
Ultimi articoli in Studi e Analisi
IlFarmacistaOnline.it
Quotidiano della Federazione degli Ordini dei Farmacisti Italiani: www.fofi.it
Direttore responsabile
Andrea Mandelli
Editore
QS Edizioni srl
contatti
P.I. P.I. 12298601001
Riproduzione riservata.
Copyright 2022 © QS Edizioni srl Srl. Tutti i diritti sono riservati | P.I. 12298601001