Quotidiano della Federazione Ordini Farmacisti Italiani
Giovedì 18 APRILE 2024
Flebinec Plus
Studi e Analisi
Farma Talk - Farmacia dei servizi
Segui ilFarmacistaOnline
Studi e Analisi
Infezioni resistenti. Report Ecdc: 10 Paesi hanno segnalato 143 casi di Klebsiella pneumoniae ipervirulenta nel 2023
Un altro motivo di preoccupazione è che l’hvKp ST23 ha acquisito sempre più una varietà di geni associati alla resistenza ai carbapenemi, un gruppo di antibiotici di ultima istanza utilizzati per il trattamento di infezioni gravi.
14 FEB - Dalla più recente valutazione rapida del rischio dell’ECDC nel 2021, il numero di paesi dell’Unione Europea (UE) e dello Spazio economico europeo (SEE) che hanno segnalato la presenza di sequenza del tipo (ST) 23 di Klebsiella pneumoniae (hvKp) ipervirulenta è aumentato da 4 a 10 e il numero di casi segnalati all’ECDC dai paesi sono aumentati da 12 a 143. Queste informazioni emergono da un aggiornamento della valutazione rapida del rischio dell’ECDC sull’emergenza di Klebsiella pneumoniae ST23 ipervirulenta portatrice di geni della carbapenemasi nei paesi dell’UE/SEE. Un altro motivo di preoccupazione è che l’hvKp ST23 ha acquisito sempre più una varietà di geni associati alla resistenza ai carbapenemi, un gruppo di antibiotici di ultima istanza utilizzati per il trattamento di infezioni gravi.

“L’aumento dei casi di Klebsiella pneumoniae ipervirulenta resistente ai carbapenemi (hvKp) segnalati all’ECDC dai paesi dell’UE/SEE è motivo di preoccupazione a causa della gravità delle infezioni da hvKp combinata con la loro resistenza agli antibiotici di ultima linea, che rende le infezioni difficili da trattare”, afferma Dominique Monnet, capo della sezione Resistenza antimicrobica e infezioni associate all’assistenza sanitaria dell’ECDC.

Si prevede che la diffusione dell’hvKp resistente ai carbapenemi negli ambienti sanitari comporterà un aumento della morbilità e della mortalità tra le popolazioni di pazienti vulnerabili in questi ambienti. La valutazione rapida del rischio aggiornata fornisce prova della diffusione sostenuta di un ceppo specifico di hvKp ST23 (lignaggio K1) tra strutture sanitarie all’interno di un paese UE/SEE per un periodo di cinque anni, nonostante i maggiori sforzi di controllo. Gruppi di casi hvKp ST23-K1 che segnalano una potenziale trasmissione all’interno del paese sono stati rilevati anche in altri tre paesi UE/SEE; tuttavia, questi cluster non sono stati finora confermati da indagini epidemiologiche dettagliate. Poiché il rischio di un’ulteriore diffusione dell’hvKp ST23-K1 tra le strutture sanitarie è ritenuto elevato, l’ECDC richiede azioni di mitigazione.

Le misure raccomandate includono allerte per i medici e i laboratori di microbiologia clinica, la creazione di una capacità di laboratorio sufficiente per rilevare hvKp compreso il sequenziamento dell’intero genoma, la presentazione di tutti gli isolati sospetti ai laboratori nazionali di riferimento e misure rafforzate di prevenzione e controllo delle infezioni nelle strutture sanitarie interessate. In passato, i ceppi hvKp si trovavano principalmente in Asia, erano per lo più acquisiti in comunità e solo raramente erano resistenti agli antibiotici. Tuttavia, rapporti recenti indicano un aumento della distribuzione geografica, dell’associazione sanitaria e della resistenza multifarmaco. La raccolta di dati aggiuntivi sui casi di hvKp, inclusi dati epidemiologici e fattori di rischio associati ai dati, è necessaria per comprendere meglio la diffusione nazionale e le vie di trasmissione e determinare la necessità di ulteriori misure di sorveglianza e controllo.
14 febbraio 2024
Ultimi articoli in Studi e Analisi
IlFarmacistaOnline.it
Quotidiano della Federazione degli Ordini dei Farmacisti Italiani: www.fofi.it
Direttore responsabile
Andrea Mandelli
Editore
QS Edizioni srl
contatti
P.I. P.I. 12298601001
Riproduzione riservata.
Copyright 2022 © QS Edizioni srl Srl. Tutti i diritti sono riservati | P.I. 12298601001