Quotidiano della Federazione Ordini Farmacisti Italiani
Giovedì 22 FEBBRAIO 2024
ZzzQuil Natura
Studi e Analisi
Farma Talk - Farmacia dei servizi
Segui ilFarmacistaOnline
Studi e Analisi
Più di un terzo delle donne sperimenta problemi di salute duraturi dopo il parto
Le condizioni più diffuse sono dispareunia (35%), lombalgia (32%), incontinenza urinaria (8-31%), ansia (9-24%), incontinenza anale (19%), depressione (11-17%).È quanto emerge da  una nuova ricerca pubblicata su The Lancet Global Health. Gli esperti dell’Oms chiedono una maggiore attenzione alle sfide a lungo termine per la salute di donne e ragazze
07 DIC -

Ogni anno, almeno 40 milioni di donne rischiano di sperimentare un problema di salute a lungo termine causato dal parto, secondo un nuovo studio pubblicato oggi su The Lancet Global Health. Parte di una serie speciale sulla salute materna, lo studio mostra un elevato carico di condizioni postnatali che persistono nei mesi o addirittura negli anni successivi al parto. Questi includono il dolore durante i rapporti sessuali (dispareunia), che colpisce più di un terzo (35%) delle donne dopo il parto, la lombalgia (32%), l'incontinenza anale (19%), l'incontinenza urinaria (8-31%), l'ansia (9-24%), la depressione (11-17%), il dolore perineale (11%), la paura del parto (tocofobia) (6-15%) e l'infertilità secondaria (11%).

Gli autori del documento chiedono un maggiore riconoscimento all'interno del sistema sanitario di questi problemi comuni, molti dei quali si verificano oltre il punto in cui le donne hanno tipicamente accesso ai servizi postnatali. Un'assistenza efficace durante la gravidanza e il parto è anche un fattore preventivo critico, sostengono, per rilevare i rischi e prevenire complicazioni che possono portare a problemi di salute duraturi dopo la nascita.

"Molte condizioni post-partum causano notevoli sofferenze nella vita quotidiana delle donne molto tempo dopo la nascita, sia emotivamente che fisicamente, eppure sono in gran parte sottovalutate, sottovalutate e sottostimate", ha affermato la dott.ssa Pascale Allotey, direttore della salute sessuale e riproduttiva e della ricerca presso l'OMS. "Per tutta la vita, e oltre la maternità, le donne hanno bisogno di accedere a una serie di servizi da parte di operatori sanitari che ascoltino le loro preoccupazioni e soddisfino le loro esigenze, in modo che non solo sopravvivano al parto, ma possano godere di buona salute e qualità di vita".

Nonostante la loro prevalenza, queste condizioni sono state in gran parte trascurate nella ricerca clinica, nella pratica e nella politica, osserva il documento. Durante una revisione della letteratura che copre gli ultimi 12 anni, gli autori non hanno identificato linee guida recenti di alta qualità per supportare un trattamento efficace per il 40% delle 32 condizioni prioritarie analizzate nel loro studio e non hanno trovato una singola linea guida di alta qualità da un paese a basso o medio reddito. Anche le lacune nei dati sono significative: non ci sono stati studi rappresentativi a livello nazionale o globali per nessuna delle condizioni identificate attraverso la ricerca.

Nel suo insieme, la serie, intitolata La salute materna nel periodo perinatale e oltre , richiede una maggiore attenzione alla salute a lungo termine delle donne e delle ragazze, dopo e anche prima della gravidanza.

Secondo il documento di apertura, è necessario un approccio olistico per ridurre le morti materne, concentrandosi non solo sulle loro cause biomediche immediate, ma anche sulla complessa interazione di condizioni sociali, economiche e ambientali più ampie che influenzano la salute delle donne. Questi includono fattori come le disuguaglianze razziali e di genere, nonché il contesto economico, l'alimentazione, i servizi igienico-sanitari, i rischi ambientali o l'esposizione a violenza e conflitti. La mancanza di attenzione a tali questioni fondamentali aiuta a spiegare perché 121 paesi su 185 non sono riusciti a progredire in modo significativo nella riduzione delle morti materne negli ultimi due decenni.

"La salute materna non è solo qualcosa di cui dovremmo iniziare a preoccuparci quando appare il pancione della gravidanza", ha detto Joao Paulo Souza, direttore del Centro Latinoamericano e Caraibico per l'Informazione sulle Scienze della Salute (BIREME) per l'Organizzazione Mondiale della Sanità e uno degli autori del primo articolo. "Ci sono molti fattori che influenzano la probabilità che una donna abbia una gravidanza sana, dall'ambiente che la circonda ai sistemi politici ed economici in cui vive, o all'accesso a cibo nutriente e al livello di azione che ha sulla sua vita: tutti questi devono essere affrontati per migliorare la sua salute, insieme all'accesso a un'assistenza sanitaria di alta qualità per tutta la vita".

Fondamentalmente, la serie sostiene la necessità di un sistema sanitario forte e multidisciplinare, che non solo fornisca servizi di maternità di alta qualità e rispettosi, ma prevenga anche le malattie e mitighi l'impatto di disuguaglianze più ampie, compresi interventi specifici che sostengano le donne e le ragazze più vulnerabili.

07 dicembre 2023
Ultimi articoli in Studi e Analisi
IlFarmacistaOnline.it
Quotidiano della Federazione degli Ordini dei Farmacisti Italiani: www.fofi.it
Direttore responsabile
Andrea Mandelli
Editore
QS Edizioni srl
contatti
P.I. P.I. 12298601001
Riproduzione riservata.
Copyright 2022 © QS Edizioni srl Srl. Tutti i diritti sono riservati | P.I. 12298601001