Quotidiano della Federazione Ordini Farmacisti Italiani
Martedì 16 APRILE 2024
Flebinec Plus
Studi e Analisi
Farma Talk - Farmacia dei servizi
Segui ilFarmacistaOnline
Studi e Analisi
Obesità e sovrappeso stanno minando il futuro dell’Europa. Oms: 1 bambino su 3 ci convive e il fenomeno è destinato a peggiorare. L’Italia si conferma maglia nera con numeri allarmanti
E il fenomeno è destinato a peggiorare senza interventi: si tima che un totale di 17 milioni di ragazzi e 11 milioni di ragazze di età compresa tra 5 e 19 anni vivrà con l'obesità nella regione europea nel 2035. Per allora, si prevede che il sovrappeso e l'obesità in tutte le fasce d'età costeranno alla regione 800 miliardi di dollari all'anno. IL RAPPORTO
11 MAG -

I dati sull'obesità infantile i Europa dipingono un quadro allarmante. Secondo l'European Regional Obesity Report 2022 dell'OMS, circa 1 bambino in età scolare su 3 nella regione convive con l'obesità o il sovrappeso, e questo numero è destinato solo ad aumentare ulteriormente. E l’Italia purtroppo è ai vertici delle classifiche: nella classe di età 5-9 anni siamo il Paese con la percentuale più elevata (42%) di bimbi in sovrappeso od obesi. Ma l’Italia è ai vertici (4° posto) anche nella classe di età 10-19 anni con il 34,2% di ragazzi in sovrappeso od obesi.

Numeri che hanno portato i coniugi di 16 leader europei e capi di stato a riunirsi nella capitale croata, sotto gli auspici della First Lady of Croatia Dr Sanja Musić Milanović, per lanciare la prima rete di coniugi di leader europei sulla prevenzione dell'obesità infantile nella Regione Europea dell'OMS. Al termine del vertice è stata adottata all'unanimità la Dichiarazione di Zagabria, esponendo il loro impegno politico per affrontare l'obesità infantile nei loro paesi e sollecitando altri paesi a fare lo stesso.

Il problema è che il fenomeno sembra inarrestabile. Sulla base delle tendenze attuali e guardando esclusivamente all'obesità nella regione europea dell'OMS, che copre 53 paesi in Europa e Asia centrale, il World Obesity Atlas 2023 della World Obesity Federation prevede che tra il 2020 e il 2035 ci saranno:

un aumento del 61% del numero di ragazzi che vivono con l'obesità

un aumento del 75% del numero di ragazze che vivono con l'obesità.

L'Atlante stima che un totale di 17 milioni di ragazzi e 11 milioni di ragazze di età compresa tra 5 e 19 anni vivrà con l'obesità nella regione nel 2035. Per allora, si prevede che il sovrappeso e l'obesità in tutte le fasce d'età costeranno alla regione 800 miliardi di dollari all'anno.

L'OMS/Europa ha individuato 3 azioni specifiche per contrastare le proiezioni attuali e aiutare a prevenire il peggioramento di questa silenziosa epidemia.

1)Enfatizzare la prevenzione . Gli sforzi per ridurre l'obesità infantile devono iniziare presto, fin dalla gravidanza e dalla prima infanzia. La prevenzione dovrebbe concentrarsi su una buona alimentazione in tutte le fasi della vita di un bambino e sono necessari sforzi nelle case, nelle scuole e nella comunità in generale.

2)Regolamentare l'industria alimentare e delle bevande . Le politiche più efficaci per affrontare l'obesità infantile includono l'imposizione di una tassa sulle bevande zuccherate, la richiesta di un'etichettatura chiara sulla parte anteriore della confezione e la limitazione della commercializzazione di cibi malsani ai bambini.

3)Promuovere l'attività fisica . Ciò include una migliore progettazione urbana e politiche di trasporto, attività fisica nel curriculum scolastico e attività extrascolastiche e messaggi chiari per supportare stili di vita attivi durante tutto il corso della vita.

“I nostri bambini crescono sempre più in ambienti che rendono molto difficile per loro mangiare bene ed essere attivi. Questa è una delle cause principali dell'epidemia di obesità", ha affermato il dott. Hans Henri P. Kluge, direttore regionale dell'OMS per l'Europa. "Come società e paesi, finora non siamo riusciti a invertire i crescenti tassi di obesità infantile, ed è per questo che l'OMS/Europa è qui in Croazia, su invito della dott.ssa Milanović, moglie del presidente, per galvanizzare il sostegno politico a questo vero insidiosa crisi di salute pubblica prima che diventi ancora più difficile da affrontare”.

Il dott. Milanović ha dichiarato: “L'obesità infantile è una malattia di proporzioni epidemiche e la Croazia, insieme a tutta la nostra regione europea, è tra le più colpite. È una malattia che non solo influisce negativamente sulla salute, sulla qualità della vita e sull'aspettativa di vita della nostra popolazione, ma rappresenta anche un onere economico significativo per la nostra società. Si stima che in Croazia, così come in tutta la Regione Europea, più del 2% del prodotto interno lordo vada a spese legate all'obesità”.

Ha aggiunto: "Qui al vertice di Zagabria, abbiamo avuto l'opportunità di dimostrare chiaramente che l'obesità non conosce confini: è un nostro problema comune e possiamo affrontarlo solo insieme, a livello europeo, e coinvolgendo numerosi settori della società . Credo che la Dichiarazione di Zagabria sia un passo importante per arrestare l'aumento dell'obesità infantile nell'intera Regione europea e che con un'azione congiunta miglioreremo e preserveremo la salute delle generazioni future".

Il legame tra l'obesità e una serie di malattie

Sovrappeso e obesità sono tra le principali cause di morte e disabilità nella Regione. Stime recenti suggeriscono che causino più di 1,2 milioni di morti all'anno, corrispondenti a più del 13% della mortalità totale.

L'obesità aumenta il rischio di molte malattie non trasmissibili (NCD), comprese le malattie cardiovascolari, il diabete di tipo 2 e le malattie respiratorie croniche. L'obesità è anche considerata una causa di almeno 13 diversi tipi di cancro ed è probabile che sia direttamente responsabile di almeno 200.000 nuovi casi di cancro all'anno in tutta la regione, con questa cifra destinata ad aumentare ulteriormente nei prossimi anni.

Anche le persone in sovrappeso e quelle che convivono con l'obesità sono state colpite in modo sproporzionato dalle conseguenze della pandemia di COVID-19, spesso sperimentando malattie più gravi e altre complicazioni.

"Poiché l'obesità è così complessa, influenzata da diversi fattori come la genetica, l'ambiente e lo stato socioeconomico, nessun singolo intervento può arrestarne l'aumento", ha spiegato il dott. Kluge. “Qualsiasi politica nazionale volta ad affrontare i problemi del sovrappeso e dell'obesità deve avere alle spalle un impegno politico di alto livello. Dovrebbero anche essere completi, raggiungere le persone lungo tutto il corso della vita e prendere di mira le disuguaglianze”.

Il direttore regionale ha concluso: “Speriamo di poter contare sui coniugi dei leader e dei capi di stato europei per sostenere la lotta all'obesità infantile nei loro paesi e contribuire a elevarla nelle agende politiche e aziendali. La Dichiarazione di Zagabria pubblicata oggi è un primo passo importante. Solo lavorando insieme, attraverso culture, settori e divisioni politiche, saremo in grado di arginare l'ondata di obesità infantile e contribuire a un futuro più sano per tutti".

11 maggio 2023
Ultimi articoli in Studi e Analisi
IlFarmacistaOnline.it
Quotidiano della Federazione degli Ordini dei Farmacisti Italiani: www.fofi.it
Direttore responsabile
Andrea Mandelli
Editore
QS Edizioni srl
contatti
P.I. P.I. 12298601001
Riproduzione riservata.
Copyright 2022 © QS Edizioni srl Srl. Tutti i diritti sono riservati | P.I. 12298601001