Quotidiano della Federazione Ordini Farmacisti Italiani
21 LUGLIO 2024
Flebinec Plus
Scienza e Farmaci
Insonnia bambino
Segui ilFarmacistaOnline
Scienza e Farmaci
Antibiotico-resistenza. La proposta nel Regno Unito: una tassa su questi farmaci per razionalizzarne l'uso
In un nuovo studio pubblicato sull’International Journal of Industrial Organization, gli economisti hanno esaminato la fattibilità di ‘tassare’ i medici di base per l’utilizzo di particolari medicinali ad ampio spettro – con l’idea che quando li prescrivono, l’importo della tassa verrebbe addebitato al loro budget per i farmaci.
02 LUG - Tassare alcuni antibiotici potrebbe contribuire ad affrontare la crescente minaccia della resistenza dei superbatteri negli esseri umani, secondo un nuovo studio condotto dal Centro per la politica della concorrenza dell’Università dell’East Anglia, dall’Università di Loughborough e da E.CA Economics del Regno Unito. Come ormai noto, ricordano gli esperti, la resistenza antimicrobica (AMR) causa circa 700.000 decessi ogni anno. Se non controllata, potrebbe mettere in pericolo 10 milioni di vite all’anno e comportare una perdita di produzione economica di 100 trilioni di dollari entro il 2050, secondo stime recenti.

L’uso umano di antibiotici è il principale fattore di resistenza antimicrobica, e nel Regno Unito la maggior parte di questi farmaci viene prescritta tramite il medico di famiglia. Classificati come a spettro ristretto o ad ampio spettro, i primi prendono di mira batteri specifici, aiutando a rallentare la resistenza, ma richiedono la conoscenza dell’organismo che causa l’infezione. Gli antibiotici ad ampio spettro vengono utilizzati più in generale quando il microrganismo è sconosciuto, esacerbando la resistenza antimicrobica. Un rapporto del governo del Regno Unito, pubblicato nel 2016, raccomandava di eseguire test per gli agenti patogeni prima di prescrivere e di utilizzare farmaci a spettro ristretto, con test costosi o dispendiosi in termini di tempo. In questo nuovo studio, gli economisti hanno esaminato la fattibilità di ‘tassare’ i medici di base per l’utilizzo di particolari medicinali ad ampio spettro – con l’idea che quando li prescrivono, l’importo della tassa verrebbe addebitato al loro budget per i farmaci.

Scrivendo sull’International Journal of Industrial Organization, gli esperti spiegano che, poiché i medici di base possono scegliere quale farmaco prescrivere, l'idea di una tassa potrebbe incoraggiare un maggiore utilizzo di farmaci a spettro ristretto e mirare a ridurre tempi e costi dei test. Potrebbe anche potenzialmente aiutare a gestire la domanda di antibiotici adeguando i loro prezzi. Il coautore dello studio, Farasat Bokhari, già membro della School of Economics dell’UEA e ora in forze presso l’Università di Loughborough, ha dichiarato: “La resistenza agli antibiotici è una questione importante e una priorità per la politica sanitaria del nostro Paese. È la prossima più probabile bomba a orologeria nel sistema sanitario. Nella nostra analisi, l’onere finanziario della tassa non grava sui pazienti ma piuttosto sui medici di base che in alcuni casi potrebbero prescrivere in modo eccessivo. I nostri risultati mostrano che il passaggio da un prodotto ad ampio spettro a uno a spettro ristretto è possibile attraverso il sistema della tassazione, una politica che dovrebbe comunque consentire esenzioni basate sulla gravità della malattia, che i medici potrebbero certificare.

Lo studio si basa su 10 anni di dati sulle vendite mensili di antibiotici dispensati nelle farmacie del Regno Unito e utilizza modelli economici per valutare i sistemi di sostituzione tra diversi antibiotici, insieme all’impatto dei prezzi, della stagionalità, dello spettro e di altre caratteristiche di un farmaco sulla sua domanda. Il team ha esaminato l'impatto di due tipi di tasse su diversi gruppi di farmaci. In primo luogo, un’imposta percentuale (5% o 20%) su tutti gli antibiotici, tutti gli antibiotici ad ampio spettro e specifici antibiotici ad ampio spettro noti per contribuire maggiormente alla resistenza agli antibiotici (chinoloni e cefalosporine). In secondo luogo, un importo fisso di imposta per unità di farmaco. Ebbene, una tassa del 20% su tutti gli antibiotici riduce l’uso totale di antibiotici del 12,7%. Tuttavia, riduce l’uso degli antibiotici ad ampio spettro più problematici solo del 29,4%. Tuttavia, se la stessa tassa del 20% viene applicata solo agli antibiotici ad ampio spettro che contribuiscono maggiormente alla resistenza agli antibiotici, il loro utilizzo diminuisce del 37,7% e l’uso complessivo di antibiotici diminuisce solo del 2,38% perché la maggior parte dei pazienti passa ai farmaci a spettro ristretto.
02 luglio 2024
Ultimi articoli in Scienza e Farmaci
<
IlFarmacistaOnline.it
Quotidiano della Federazione degli Ordini dei Farmacisti Italiani: www.fofi.it
Direttore responsabile
Andrea Mandelli
Editore
QS Edizioni srl
contatti
P.I. P.I. 12298601001
Riproduzione riservata.
Copyright 2022 © QS Edizioni srl Srl. Tutti i diritti sono riservati | P.I. 12298601001