Quotidiano della Federazione Ordini Farmacisti Italiani
21 LUGLIO 2024
Insonnia bambino
Scienza e Farmaci
Flebinec Plus
Segui ilFarmacistaOnline
Scienza e Farmaci
Covid. Negli Usa parte la sperimentazione di un vaccino nasale contro le varianti emergenti di SARS-CoV-2
Lo studio mira ad arruolare 60 partecipanti adulti, di età compresa tra 18 e 64 anni, che in precedenza avevano ricevuto almeno tre dosi di un vaccino mRNA COVID-19 approvato o autorizzato dalla FDA. I centri di sperimentazione sono il Baylor College of Medicine, Houston; La Clinica della Speranza della Emory University, Decatur, Georgia e l'Università di New York, Long Island.
02 LUG - Al via negli Stati Uniti uno studio di Fase 1 che testa la sicurezza di un vaccino nasale che possa fornire una protezione più ampia contro le varianti emergenti di SARS-CoV-2, il virus che causa COVID-19. L'iniziativa sta ora arruolando adulti sani in tre centri del Paese. I National Institutes of Health (NIH) stanno sponsorizzando questa prima sperimentazione sull'uomo, dopo studi preclinici portati avanti da scienziati del Laboratorio di malattie infettive del National Institute of Allergy and Infectious Diseases (NIAID) del NIH.

“Il rapido sviluppo di vaccini anti-COVID-19 sicuri ed efficaci è stato un trionfo della scienza e il loro utilizzo ha notevolmente mitigato il bilancio della pandemia” ha affermato la direttrice del NIAID Jeanne M. Marrazzo. “Sebbene i vaccini di prima generazione continuino a essere efficaci nel prevenire malattie gravi, ricoveri ospedalieri e morte, hanno meno successo nel prevenire infezioni e forme più lievi di malattia. Con la continua comparsa di nuove varianti virali, esiste la necessità fondamentale di sviluppare vaccini COVID-19 di nuova generazione, compresi i vaccini nasali, che potrebbero ridurre le infezioni e la trasmissione di SARS-CoV-2”.

Lo studio mira ad arruolare 60 partecipanti adulti, di età compresa tra 18 e 64 anni, che in precedenza avevano ricevuto almeno tre dosi di un vaccino mRNA COVID-19 approvato o autorizzato dalla FDA. I centri di sperimentazione sono il Baylor College of Medicine, Houston; La Clinica della Speranza della Emory University, Decatur, Georgia; e l'Università di New York, Long Island. I volontari dello studio saranno divisi in tre gruppi. Quelli della prima coorte riceveranno una dose del vaccino sperimentale somministrata in spray nasale al dosaggio più basso, mentre gli arruolati nelle due coorti successive riceveranno dosi progressivamente più elevate. Durante sette visite di follow-up nell'arco di circa un anno, gli scienziati misureranno quanto bene è tollerato il candidato vaccino e se genera una risposta immunitaria nel sangue e nel naso. Il vaccino sperimentale, MPV/S-2P, utilizza il virus della polmonite murina (MPV) come vettore per fornire una versione della proteina spike SARS-CoV-2 (S-2P) stabilizzata. L’MPV non causa malattie negli esseri umani o nei primati non umani, ma ha un’affinità per le cellule epiteliali che rivestono il tratto respiratorio e può essere efficace nel somministrare il vaccino nei luoghi in cui iniziano le infezioni naturali da coronavirus. Negli studi preclinici sui primati non umani, MPV/S-2P si è rivelato sicuro e ben tollerato. Ha prodotto robuste risposte immunitarie sistemiche, inclusi anticorpi diretti contro SARS-CoV-2, nonché immunità locale nelle cellule dei tessuti della mucosa che rivestono il naso e le vie respiratorie.
02 luglio 2024
Ultimi articoli in Scienza e Farmaci
<
IlFarmacistaOnline.it
Quotidiano della Federazione degli Ordini dei Farmacisti Italiani: www.fofi.it
Direttore responsabile
Andrea Mandelli
Editore
QS Edizioni srl
contatti
P.I. P.I. 12298601001
Riproduzione riservata.
Copyright 2022 © QS Edizioni srl Srl. Tutti i diritti sono riservati | P.I. 12298601001