Quotidiano della Federazione Ordini Farmacisti Italiani
21 LUGLIO 2024
Flebinec Plus
Scienza e Farmaci
Insonnia bambino
Segui ilFarmacistaOnline
Scienza e Farmaci
Farmaci. Kyriakides (UE): “Non tutti i pazienti europei hanno pari accesso a quelli innovativi”
"Non possiamo avere cittadini o pazienti di prima e seconda classe nell’UE. L’accesso ai farmaci di nuova approvazione varia dal 90% in alcuni Stati membri occidentali e più grandi rispetto al 10% nei paesi orientali e più piccoli dell’UE. Da qui la proposta di un pacchetto di misure per un accesso paritario e più tempestivo ai farmaci da parte dei pazienti in tutti gli Stati membri.
21 GIU -

"Fin dall’inizio, attraverso le proposte di riforma farmaceutica dell’UE, ci siamo posti due obiettivi politici principali. In primo luogo, creare un mercato unico per i medicinali in cui tutti i pazienti in tutta l’UE abbiano accesso tempestivo ed equo a farmaci sicuri, efficaci e convenienti. In secondo luogo, continuare a garantire che l’UE sia un luogo attraente per l’innovazione e promuovere la competitività della nostra industria farmaceutica. Oggi sappiamo che non tutti i pazienti nell’UE hanno pari accesso ai farmaci innovativi".

Così la commissaria Stella Kyriakides al Consiglio di Sanità. "Non possiamo avere cittadini o pazienti di prima e seconda classe nell’UE - ha aggiunto -. L’accesso ai farmaci di nuova approvazione varia dal 90% in alcuni Stati membri occidentali e più grandi rispetto al 10% nei paesi orientali e più piccoli dell’UE. Questo Consiglio ha sottolineato più e più volte la necessità di garantire che i medicinali siano disponibili, accessibili e convenienti. Noi come Commissione abbiamo risposto a questo appello".

"Le nostre proposte di riforma prevedono: accesso più ampio ai farmaci, attraverso un sistema di modulazione degli incentivi che premi l’innovazione e l’offerta in tutti gli Stati membri; farmaci a prezzi accessibili, grazie alla disponibilità anticipata di farmaci generici e biosimilari; un quadro normativo competitivo a livello globale con strumenti che accoglieranno terapie all’avanguardia, autorizzazioni più rapide e semplificazione. Come risultato di quanto abbiamo proposto, ciò significherebbe che i nuovi medicinali raggiungerebbero circa 60-70 milioni di pazienti in più nell’UE".

"Voglio sottolineare che il nostro incentivo all’accesso è inteso a raggiungere un obiettivo su cui siamo tutti d’accordo: un accesso paritario e più tempestivo ai farmaci da parte dei pazienti in tutti gli Stati membri. Questo deve rimanere l’obiettivo chiave della riforma farmaceutica, che noi come Commissione continueremo a difendere. Lavoriamo insieme per far avanzare rapidamente le discussioni e per fornire ciò che i pazienti dell’UE si aspettano da noi", ha concluso.

21 giugno 2024
Ultimi articoli in Scienza e Farmaci
<
IlFarmacistaOnline.it
Quotidiano della Federazione degli Ordini dei Farmacisti Italiani: www.fofi.it
Direttore responsabile
Andrea Mandelli
Editore
QS Edizioni srl
contatti
P.I. P.I. 12298601001
Riproduzione riservata.
Copyright 2022 © QS Edizioni srl Srl. Tutti i diritti sono riservati | P.I. 12298601001