Quotidiano della Federazione Ordini Farmacisti Italiani
Martedì 18 GIUGNO 2024
Insonnia bambino
Scienza e Farmaci
Flebinec Plus
Segui ilFarmacistaOnline
Scienza e Farmaci
Covid. Tedros (Oms): “Volevamo un accordo pandemico per tempo, resto fiducioso. Il lavoro di prevenzione è meno visibile ma importante”
"Il compito che vi attendeva era immenso, tecnicamente, giuridicamente e politicamente. Avete dimostrato un chiaro impegno a raggiungere un accordo, avete affrontato il compito con determinazione e buona fede. Avete fatto molta strada e trovato molti punti in comune. E avete dimostrato che il multilateralismo è vivo e vegeto. Ora l'auspicio è di raggiungere la meta dell'accordo, consapevoli che la minaccia di future pandemie è solo una minaccia tra le tante che dovremo affrontare".
28 MAG -

"Due anni e mezzo fa le nazioni del mondo hanno concordato di sviluppare un accordo giuridicamente vincolante sulla prevenzione, preparazione e risposta alla pandemia, oltre a rafforzare il Regolamento sanitario internazionale (Ihr). Naturalmente, tutti vorremmo essere riusciti a raggiungere un consenso sull'accordo in tempo per questa Assemblea mondiale della sanità. Ma resto fiducioso che ci riuscirete comunque, perché dove c'è la volontà, si trova un modo per realizzarla".

Lo ha spiegato il direttore generale dell'Organizzazione mondiale della sanità (Oms), Tedros Adhanom Ghebreyesus, all'apertura della prima giornata di lavori della 77esima Assemblea mondiale della sanità a Ginevra.

"So che rimane tra voi una volontà comune per raggiungere questo obiettivo. Quindi deve esserci anche una via per arrivarci. Spetta ora all'Assemblea mondiale della sanità decidere quale sia. La soluzione è nelle vostre mani. Nessuno ha detto che il multilateralismo sia facile, ma non c'è altro modo", ha aggiunto.

"Il compito che vi attendeva era immenso, tecnicamente, giuridicamente e politicamente - ammette il Dg Tedros -. E stavate operando secondo una linea temporale molto ambiziosa. Ringrazio tutti gli Stati membri per il modo in cui si sono impegnati in questo processo negli ultimi 2 anni e mezzo. Avete dimostrato un chiaro impegno a raggiungere un accordo, avete affrontato il compito con determinazione e buona fede, lavorato giorno e notte a lungo, operato in mezzo a un torrente di disinformazione. Avete fatto molta strada e trovato molti punti in comune. E avete dimostrato che il multilateralismo è vivo e vegeto".

"Ora l'auspicio è di raggiungere la meta dell'accordo, consapevoli che - puntualizza il Dg Oms - la minaccia di future pandemie è solo una minaccia tra tante. Il nostro mondo sta affrontando tante altre sfide: conflitti e insicurezza a Gaza, Haiti, Sudan e Ucraina; cambiamenti climatici, sfollamenti, povertà, disuguaglianza e polarizzazione; donne che muoiono per complicazioni prevenibili della gravidanza e del parto; i bambini che muoiono perché non ricevono i vaccini; epidemie di colera, Dengue e altro; il peso crescente delle malattie non trasmissibili e dei problemi di salute mentale e potrei continuare ancora".

"Mentre il nostro lavoro in risposta alle emergenze spesso fa notizia, il nostro lavoro a sostegno dei paesi nella prevenzione e nella preparazione alle emergenze è meno visibile, ma ugualmente importante. Ad esempio, il Fondo pandemico è ora attivo e funzionante e la domanda è enorme. Nella prima fase il Fondo ha erogato 338 milioni di dollari a 37 paesi, ma ha ricevuto richieste da oltre 120 paesi con richieste di finanziamento per oltre 2 miliardi di dollari. La domanda per il secondo turno si è appena chiusa e la domanda rimane forte. Continuiamo a sostenere molti Stati membri nel rafforzare le loro principali capacità di emergenza sanitaria, compresa la capacità di laboratorio, con il supporto del nostro ufficio a Lione.

Abbiamo anche lanciato i-MCM-net, un meccanismo di coordinamento provvisorio per facilitare un accesso globale tempestivo ed equo a contromisure mediche di qualità, sicure, efficaci e convenienti. L’Hub dell’Oms per l’intelligence sulle pandemie e le epidemie ha lanciato la rete internazionale di sorveglianza dei patogeni, che si è estesa a 94 organizzazioni in 43 paesi. Il sistema BioHub dell’Oms ospita ora 30 campioni biologici e più di 100 materiali sono stati scambiati tra gli Stati membri. Dopo il successo della fase pilota dell’Universal Health and Preparedness Review, 10 paesi in cinque regioni si sono iscritti per la fase successiva. Abbiamo inoltre lanciato l’iniziativa Preparazione e resilienza alle minacce emergenti, un approccio integrato alla pianificazione pandemica. E abbiamo sostenuto la Francia e il Comitato Olimpico Internazionale nella preparazione dei Giochi Olimpici di quest'anno a Parigi", ha concluso Tedros.

28 maggio 2024
Ultimi articoli in Scienza e Farmaci
<
IlFarmacistaOnline.it
Quotidiano della Federazione degli Ordini dei Farmacisti Italiani: www.fofi.it
Direttore responsabile
Andrea Mandelli
Editore
QS Edizioni srl
contatti
P.I. P.I. 12298601001
Riproduzione riservata.
Copyright 2022 © QS Edizioni srl Srl. Tutti i diritti sono riservati | P.I. 12298601001