Quotidiano della Federazione Ordini Farmacisti Italiani
Martedì 18 GIUGNO 2024
Flebinec Plus
Scienza e Farmaci
Insonnia bambino
Segui ilFarmacistaOnline
Scienza e Farmaci
Attività fisica. Oms Europa e Commissione Europea uniscono le forze per promuoverla. Possibile evitare 10 mila decessi l’anno
Un persona sutre nell’UE non è abbastanza attiva. L’attività fisica regolare può rendere le persone più felici, ridurre significativamente il numero di casi di malattie non trasmissibili e salvare vite umane. Se tutte le persone nell’UE praticassero 150 minuti di esercizio fisico a intensità moderata a settimana, oltre 10 000 decessi evitati ogni anno e 8 miliardi di euro risparmiati ogni anno in spese sanitarie.
22 MAG -

L’Oms Europa e la Commissione Europea stanno entrando in una nuova fase della loro cooperazione per promuovere l’attività fisica benefica per la salute e aiutare gli stati membri dell’Unione Europea (UE) a migliorare le loro politiche e azioni a sostegno di una popolazione più sana. Le malattie cardiache, il diabete, il cancro e altre malattie non trasmissibili (NCD) rappresentano un grave onere in Europa, sia in termini di vite umane che di costi sanitari. Ma esiste un’arma potente contro queste minacce: l’attività fisica.

Migliori pratiche per un’UE più sana
Gli ultimi dati di Eurobarometro mostrano che 1 persona su 3 nell’UE non è abbastanza attiva. L’attività fisica regolare può rendere le persone più felici, ridurre significativamente il numero di casi di malattie non trasmissibili e salvare vite umane. Se tutte le persone nell’UE praticassero 150 minuti di esercizio fisico a intensità moderata a settimana come raccomandato dall’Oms, ciò comporterebbe:
- oltre 10 000 decessi evitati ogni anno
- 8 miliardi di euro risparmiati ogni anno in spese sanitarie.

“Con l’incontro della rete dei punti focali dell’attività fisica dell’UE a Bruxelles, entriamo in una nuova fase nella nostra cooperazione con l’OMS. Si tratta di un nuovo passo nell'attuazione della raccomandazione dell'UE sull'attività fisica benefica in tutti i settori a partire dal 2013", ha affermato Floor van Houdt, capo dell'Unità Sport presso la Commissione europea.

Strumenti Hepa per politiche migliori
“La collaborazione tra Oms Europa e la Commissione Europea va ben oltre la promozione dei benefici diretti dell’esercizio fisico. Le politiche sull’attività fisica a favore della salute (Hepa) raccomandate dall’Oms Europa e dall’UE comprendono un’intera serie di misure in molteplici contesti, come scuole, luoghi di lavoro e città, creando un effetto positivo cumulativo sulla salute, sulle economie e sul benessere sociale, ", ha affermato Kremlin Wickramasinghe, consigliere regionale per la nutrizione, l'attività fisica e l'obesità presso l'OMS/Europa.

Con la nuova fase, l’Oms Europa e la Commissione Europea stanno supportando gli Stati membri dell’UE nell’attuazione delle politiche Hepa e monitorando i progressi attraverso il quadro di monitoraggio dell’Hepa.

Il quadro, con i suoi 23 indicatori, consente aggiustamenti politici su misura basati su dati reali raccolti ogni 3 anni. Inoltre, la rete dei punti focali dell’UE svolge un ruolo cruciale nel coordinare la raccolta di dati nazionali e nel promuovere la cooperazione in settori come lo sport, l’istruzione, i trasporti e la progettazione urbana.

Politiche dell’attività fisica per lo sviluppo sostenibile
Investire nell’attività fisica può contribuire a un mondo più equo, sostenibile e prospero raggiungendo molti degli obiettivi di sviluppo sostenibile (SDG) delle Nazioni Unite. Per supportare gli Stati membri in questo percorso, l’Oms Europa ha lanciato la campagna Race to the Finish concentrandosi sui progressi verso il raggiungimento degli obiettivi di sviluppo sostenibile relativi alle malattie non trasmissibili.

In tale contesto, la collaborazione Oms Europa con la Commissione Europea mira ad accelerare i progressi verso gli obiettivi sanitari globali:
- in linea con il Piano d’azione globale dell’Oms sull’attività fisica 2018-2030 per una riduzione del 15% dell’inattività fisica
- contribuire all’SDG 3.4 per una riduzione di un terzo delle morti premature per malattie non trasmissibili entro il 2030.
- compiere passi avanti verso altri obiettivi di sviluppo sostenibile legati alla promozione dell’attività fisica nell’UE, tra cui gli obiettivi di sviluppo sostenibile 4.1 e 4.2 (istruzione di qualità), l’obiettivo di sviluppo sostenibile 5.1 (uguaglianza di genere), l’obiettivo di sviluppo sostenibile 8 (lavoro dignitoso e crescita economica) e gli obiettivi di sviluppo sostenibile 16.1 e 16b (pace, giustizia e istituzioni forti).

22 maggio 2024
Ultimi articoli in Scienza e Farmaci
<
IlFarmacistaOnline.it
Quotidiano della Federazione degli Ordini dei Farmacisti Italiani: www.fofi.it
Direttore responsabile
Andrea Mandelli
Editore
QS Edizioni srl
contatti
P.I. P.I. 12298601001
Riproduzione riservata.
Copyright 2022 © QS Edizioni srl Srl. Tutti i diritti sono riservati | P.I. 12298601001