Quotidiano della Federazione Ordini Farmacisti Italiani
Martedì 18 GIUGNO 2024
Flebinec Plus
Scienza e Farmaci
Insonnia bambino
Segui ilFarmacistaOnline
Scienza e Farmaci
Malattia invasiva da meningococco. Ecdc: “Segnalati casi in viaggiatori di ritorno dall’Arabia Saudita”
Al 17 maggio 2024, sono stati segnalati dodici casi, provenienti da Francia (4), Regno Unito (UK) (3) e Stati Uniti (USA) (5). Quasi tutti i casi hanno riferito di aver compiuto il pellegrinaggio all'Umrah mentre si trovavano nell'Arabia Saudita. La maggior parte dei casi appartiene al sierogruppo W del meningococco e non ha alcuna storia di vaccinazione contro il meningococco.
20 MAG -

L’Ecdc sta monitorando le segnalazioni provenienti da tre paesi (Francia, Regno Unito e Stati Uniti) di casi di malattia invasiva da meningococco (IMD) associati a viaggi nel Regno dell’Arabia Saudita (KSA).

Al 17 maggio 2024, sono stati segnalati dodici casi, provenienti da Francia (4), Regno Unito (UK) (3) e Stati Uniti (USA) (5). Quasi tutti i casi hanno riferito di aver compiuto il pellegrinaggio all'Umrah mentre si trovavano nell'Arabia Saudita. La maggior parte dei casi appartiene al sierogruppo W del meningococco e non ha alcuna storia di vaccinazione contro il meningococco.

Le sequenze dell'intero genoma depositate su pubmlst.org rientrano in un cluster multi-paese, con sequenze del 2024 segnalate da Francia (3), Regno Unito (4) e Stati Uniti (1), insieme a isolati storici segnalati dalla Germania (una sequenza, 2015) e la Federazione Russa (due sequenze, 2019 e 2020). Di questi, una sequenza proveniente dalla Francia, quattro dal Regno Unito e una dagli Stati Uniti, tutti provenienti da campioni raccolti nel 2024, formano un sottocluster molto ristretto, che indica un collegamento epidemiologico.

L'IMD è un'infezione batterica acuta grave, con un elevato tasso di mortalità, che si presenta con meningite e/o sepsi, spesso con una progressione rapida, che richiede supporto medico e trattamento tempestivo con antibiotici. L’incidenza più elevata si verifica nei bambini piccoli, negli adolescenti e nei giovani adulti.

Secondo i dati di sorveglianza di routine presentati all'Ecdc, nel 2022 sono stati segnalati 1.149 casi di IMD nei paesi UE/SEE. Tra i casi per cui erano disponibili informazioni sul sierotipo, il sierogruppo B era il più frequente (62%), mentre il sierogruppo W rappresentava il 10% dei casi. Complessivamente, tra il 2018 e il 2022, sono stati registrati 1.096 casi di infezioni da sierogruppo W. Il meningococco sierogruppo W è stato associato a una maggiore gravità della malattia e mortalità.

L’Ecdc valuta il rischio di IMD per il pubblico in generale nell’UE come molto basso a causa della probabilità molto ridotta di esposizione e potenziale infezione. Per i pellegrini che visitano le zone dell’Hajj e dell’Umrah in Arabia Saudita e che sono vaccinati con il vaccino meningococcico quadrivalente, la probabilità di infezione è bassa, poiché sono protetti grazie all’immunità indotta dal vaccino. Per i pellegrini non vaccinati che visitano questi siti, la probabilità di infezione è moderata.

In relazione a questo incidente, l’Ecdc raccomanda le seguenti misure alle autorità sanitarie pubbliche dell’UE/SEE:
- Garantire che ai viaggiatori che si recano nelle zone Hajj e Umrah in Arabia Saudita idonei alla vaccinazione venga consigliato di ricevere il vaccino meningococcico quadrivalente (ACWY) almeno 10 giorni prima della partenza.

- Sensibilizzare i medici al sospetto precoce di meningite nei viaggiatori di ritorno e includere la cronologia dei viaggi nella loro valutazione dei casi di IMD, in particolare laddove vi è stato un viaggio in Arabia Saudita per scopi religiosi.

- Gestire in modo appropriato i casi appena rilevati. Il sospetto e il trattamento precoce, l'isolamento dei casi di meningite, l'identificazione dei contatti stretti, la fornitura di chemioprofilassi e il monitoraggio dei contatti stretti per i sintomi clinici per almeno 10 giorni dall'ultima possibile esposizione sono essenziali per la gestione dei casi. Gli operatori sanitari che gestiscono casi sospetti o confermati dovrebbero seguire i protocolli nazionali di infezione, prevenzione e controllo.

- Continuare la sorveglianza, inclusa la sorveglianza molecolare, nonché i test di sensibilità agli antibiotici di tutti i casi di IMD, per informare le misure di prevenzione e controllo. I casi di IMD, in particolare se collegati a viaggi nelle zone di Hajj e Umrah, dovrebbero essere tempestivamente segnalati alla piattaforma EpiPulse [tramite persone designate] per consentire una migliore valutazione del rischio e la fornitura di raccomandazioni aggiornate.

- Gli isolati meningococcici devono essere genotipizzati mediante sequenziamento dell'intero genoma e segnalati a pubmlst.org o al database europeo Meningococco Epidemiology in Real Time (EMERT-II) per consentire la rapida identificazione e il controllo dei cluster multinazionali. L'ECDC può fornire supporto per il sequenziamento su richiesta.

20 maggio 2024
Ultimi articoli in Scienza e Farmaci
<
IlFarmacistaOnline.it
Quotidiano della Federazione degli Ordini dei Farmacisti Italiani: www.fofi.it
Direttore responsabile
Andrea Mandelli
Editore
QS Edizioni srl
contatti
P.I. P.I. 12298601001
Riproduzione riservata.
Copyright 2022 © QS Edizioni srl Srl. Tutti i diritti sono riservati | P.I. 12298601001