Quotidiano della Federazione Ordini Farmacisti Italiani
Martedì 30 MAGGIO 2023
Scienza e Farmaci
Segui ilFarmacistaOnline
Scienza e Farmaci
American College of Cardiology: "Insegnare a riconoscere un attacco di cuore e a salvare una vita? Si può già dai 4 anni di età"
La metanalisi di un gruppo di esperti finalizzata a informare comunità medica e famiglie sull'importanza di sensibilizzare fin dalla più tenera età su come riconoscere un attacco di cuore e come intervenire correttamente per salvare una vita
22 MAG - Lo sviluppo delle competenze per la rianimazione cardiopolmonare (RCP) può iniziare già all’età di 4 anni e svilupparsi man mano che i bambini crescono, in modo che all’età di 10 anni possano essere in grado di eseguire compressioni toraciche efficaci. E’ quanto sottolineato dall’American Heart Association e dall’European Resuscitation Council che hanno pubblicato una raccomandazione sulla rivista ‘Circulation’. Il gruppo di lavoro composto da scienziati della rianimazione di tutto il mondo ha esaminato più di 100 articoli di ricerca sulla formazione degli studenti alla RCP. La revisione ha rilevato che i bambini in età scolare sono fortemente motivati ad apprendere abilità salvavita e spesso “moltiplicano” la loro formazione trasmettendo ciò che hanno imparato ad altri compagni.

Questa revisione della ricerca mira a sollecitare i medici, i responsabili politici, i funzionari scolastici locali e il pubblico in generale ad agire in caso di emergenza cardiaca, quando possibile. La formazione degli studenti è diventata un elemento chiave per aumentare il numero di persone pronte a eseguire la RCP quando si verifica un arresto cardiaco al di fuori di un ospedale e contribuire così ad aumentare i tassi di sopravvivenza alla RCP e all’arresto cardiaco a livello globale”, ha affermato Bernd W. Böttiger, a capo del gruppo di esperti e professore ordinario di Anestesiologia e terapia intensiva presso l’ospedale universitario di Colonia a Colonia, in Germania.“Dato che la maggior parte degli arresti cardiaci al di fuori di un ospedale avviene in casa, è importante che tutti i membri della famiglia capiscano cosa fare se qualcuno va incontro a un evento del genere”, aggiunge Comilla Sasson, membro del comitato per la stesura di questo statement e vicepresidente per la scienza e l’innovazione presso l’American Heart Association.

“Sviluppare competenze in giovane età, che vengono costantemente rafforzate durante gli anni scolastici, ha il potenziale di educare generazioni di studenti e i loro genitori su come rispondere all’arresto cardiaco, eseguire compressioni toraciche e ventilazioni di soccorso, utilizzare un defibrillatore, in ultima analisi, aumentare la sopravvivenza“.
L’arresto cardiaco al di fuori di un ambiente ospedaliero è una delle principali cause di morte in tutto il mondo. I tassi di sopravvivenza variano tra il 2% e il 20% a livello globale e sono particolarmente bassi senza un riconoscimento immediato e un’azione da parte di una persona vicina in quel momento al paziente. Secondo gli esperti, anche se i bambini sono troppo piccoli per eseguire un’efficace compressione toracica, possono iniziare a imparare i passaggi e il ritmo per una corretta RCP e iniziare a conoscere i defibrillatori. La ricerca ha mostrato soprattutto risultati di grande impatto nell’amplificazione della preparazione della comunità in quanto i bambini in età scolare condividono ciò che stanno imparando con le loro famiglie, amici e vicini.
22 maggio 2023
Ultimi articoli in Scienza e Farmaci
IlFarmacistaOnline.it
Quotidiano della Federazione degli Ordini dei Farmacisti Italiani: www.fofi.it
Direttore responsabile
Andrea Mandelli
Editore
Edizioni Health Communication srl
contatti
P.I. 08842011002
Riproduzione riservata.
Copyright 2010 © Health Communication Srl. Tutti i diritti sono riservati | P.I. 08842011002 | iscritta al ROC n. 14025 | Per la Uffici Commerciali Health Communication Srl
114017