Quotidiano della Federazione Ordini Farmacisti Italiani
Martedì 16 APRILE 2024
Farma Talk - Farmacia dei servizi
Scienza e Farmaci
Flebinec Plus
Segui ilFarmacistaOnline
Scienza e Farmaci
La placenta, non solo il cervello, svolge un ruolo centrale nel rischio genetico di schizofrenia
A rivelarlo un nuovo studio condotto dal Lieber Institute for Brain Development della Johns Hopkins a Baltimora e pubblicato su Nature Communications. Le future strategie di prevenzione potrebbero mirare al trattamento della placenta
16 MAG -

Più di 100 geni legati al rischio di schizofrenia sembrano causare malattie a causa del loro ruolo nella placenta piuttosto che nel cervello in via di sviluppo. A rivelarlo un nuovo studio condotto dal Lieber Institute for Brain Development, appena pubblicata su Nature Communications.

Gli scienziati per oltre un secolo avevano generalmente ipotizzato che i geni per il rischio di schizofrenia riguardassero principalmente, se non esclusivamente, il cervello. Ma l’ultima ricerca ha scoperto che la placenta svolge un ruolo molto più significativo nello sviluppo della malattia di quanto precedentemente noto.

“Il segreto della genetica della schizofrenia è stato nascosto in bella vista: la placenta, l’organo critico nel supportare lo sviluppo prenatale, avvia la traiettoria evolutiva del rischio – afferma Daniel Weinberger, MD, autore senior dell’articolo e Direttore e CEO del Lieber Institute for Brain Development, situato nel campus medico della Johns Hopkins a Baltimora – l’opinione comunemente condivisa sulle cause della schizofrenia è che i fattori di rischio genetici e ambientali svolgono un ruolo direttamente e solo nel cervello, ma questi ultimi risultati mostrano che anche la salute della placenta è fondamentale”.

I ricercatori hanno scoperto che i geni della schizofrenia influenzano una funzione critica della placenta per rilevare i nutrienti nel flusso sanguigno della madre, compreso l’ossigeno, e scambiare i nutrienti in base a ciò che trova. I geni del rischio di schizofrenia sono più umilmente espressi nelle cellule della placenta che costituiscono il nucleo di questo scambio nutritivo materno-fetale, chiamato trofoblasti, influenzando negativamente il ruolo della placenta nel nutrire il feto in via di sviluppo.

Il documento identifica anche diversi geni nella placenta che sono fattori causali di diabete, disturbo bipolare, depressione, autismo e disturbo da deficit di attenzione e iperattività o ADHD. Gli scienziati, tuttavia, hanno trovato molte più associazioni genetiche con i geni per la schizofrenia che per uno qualsiasi di questi altri disturbi.

I ricercatori hanno anche scoperto che i geni di rischio per la schizofrenia trovati nella placenta possono avere un effetto relativamente maggiore sull’ereditarietà, la probabilità di malattia ereditata dagli antenati, rispetto ai geni di rischio trovati nel cervello.

“Prendere di mira la biologia della placenta è un nuovo potenziale approccio cruciale alla prevenzione, che è il Santo Graal della salute pubblica – afferma Gianluca Ursini, MD, Ph.D., autore principale dell’articolo e ricercatore presso il Lieber Institute – gli scienziati potrebbero rilevare i cambiamenti nei geni del rischio placentare decenni prima della possibile insorgenza di un disturbo, forse anche nel flusso sanguigno della madre durante la gravidanza. Se i medici sapessero quali bambini sono maggiormente a rischio di disturbi dello sviluppo, potrebbero attuare interventi precoci per mantenerli sani”.

Gli scienziati hanno anche trovato interessanti differenze nei geni basate sul sesso. Diversi geni sono stati associati al rischio di schizofrenia in base al fatto che la placenta provenisse da un bambino maschio o femmina. Nelle gravidanze con figli maschi, i processi infiammatori della placenta sembrano svolgere un ruolo centrale. Precedenti ricerche hanno dimostrato che i maschi sono più vulnerabili delle femmine allo stress prenatale. In generale, i disturbi dello sviluppo come la schizofrenia si verificano più frequentemente negli uomini e nei ragazzi.

I ricercatori hanno anche scoperto risultati preoccupanti sulle gravidanze Covid-19. Gli scienziati hanno studiato un piccolo campione di placente di madri che avevano avuto il Covid-19 durante la gravidanza e hanno scoperto che i geni della schizofrenia per il rischio di placenta erano drammaticamente attivati in queste placente. La scoperta indica che l’infezione da Covid-19 durante la gravidanza può essere un fattore di rischio per la schizofrenia a causa del modo in cui l’infezione colpisce la placenta. Gli scienziati del Lieber Institute stanno perseguendo questa possibilità con una ricerca finanziata dal NIH che esamina le placente COVID-19 per saperne di più.

I ricercatori sperano che il loro studio in corso sui geni della placenta un giorno porterà a nuovi trattamenti e strumenti diagnostici, forse rivoluzionando il campo della medicina prenatale. “Nell’era moderna della medicina molecolare e genetica, il trattamento standard per una gravidanza complicata è ancora principalmente il riposo a letto - afferma il dott. Weinberger - queste nuove intuizioni molecolari su come i geni correlati ai disturbi del cervello e di altri organi si manifestano nella placenta offrono nuove opportunità per migliorare la salute prenatale e prevenire complicazioni più avanti nella vita”.

16 maggio 2023
Ultimi articoli in Scienza e Farmaci
<
IlFarmacistaOnline.it
Quotidiano della Federazione degli Ordini dei Farmacisti Italiani: www.fofi.it
Direttore responsabile
Andrea Mandelli
Editore
QS Edizioni srl
contatti
P.I. P.I. 12298601001
Riproduzione riservata.
Copyright 2022 © QS Edizioni srl Srl. Tutti i diritti sono riservati | P.I. 12298601001