Quotidiano della Federazione Ordini Farmacisti Italiani
Mercoledì 29 MAGGIO 2024
Flebinec Plus
Scienza e Farmaci
Insonnia bambino
Segui ilFarmacistaOnline
Scienza e Farmaci
Efpia: “Alcune migliorie ma data protection ridotta di 6 mesi”
11 APR - I membri del Parlamento europeo hanno adottato la loro posizione sulla legislazione farmaceutica dell’UE. Il voto di oggi illustra come l’Europa vede il futuro della ricerca e dell’innovazione nel campo della sanità e delle scienze della vita e dell’assistenza ai pazienti nella regione”. Lo afferma, commentando il voto, Nathalie Moll, direttore generale dell'EFPIA, la Federazione europea delle aziende farmaceutiche.

“Garantire ai pazienti un accesso più rapido ed equo ai nuovi farmaci e come l’Europa possa colmare il divario di investimenti rispetto ad altre parti del mondo – evidenzia - è stato oggetto di un dibattito significativo negli ultimi mesi. Riteniamo che il Parlamento abbia votato alcuni emendamenti che hanno rafforzato le proposte originali della Commissione europea per sviluppare un quadro normativo a prova di futuro. Una mossa accolta favorevolmente dall’industria. I deputati hanno anche adottato un passo pragmatico e di buon senso per evitare di far dipendere due anni di protezione normativa dei dati (RDP) di un’azienda dalla disponibilità di un nuovo medicinale in tutti i 27 Stati membri dell’UE entro 2 anni dall’ottenimento dell’autorizzazione all’immissione in commercio. Hanno riconosciuto che la maggior parte dei fattori che determinano se un medicinale è reso disponibile o meno sfuggono al controllo di una singola azienda. Invece di aspettare una legislazione che non sia concepita per affrontare l’accesso ai farmaci negli Stati membri, siamo convinti che, mettendosi attorno al tavolo con pazienti, pagatori, fornitori e responsabili politici nazionali, possiamo trovare soluzioni praticabili per migliorare l’accesso dei pazienti oggi. Nonostante alcuni miglioramenti rispetto alle proposte originarie della Commissione europea, la posizione adottata in plenaria riduce di sei mesi la protezione normativa dei dati. È difficile comprendere come la riduzione degli incentivi alla ricerca, allo sviluppo e alla produzione di nuovi medicinali e vaccini possa mai essere nel migliore interesse dell’Europa o dei pazienti europei, soprattutto in un momento in cui l’Europa riconosce che ha bisogno di aumentare la competitività per competere per gli investimenti globali con nazioni ambiziose come gli Stati Uniti e la Cina. La sfida ora per i policy maker è quella di allineare la prossima iterazione della legislazione farmaceutica con le ricorrenti richieste dei leader europei di rilanciare la competitività europea e costruire un futuro industriale resiliente. Essendo l’industria che contribuisce più di qualsiasi altro alla bilancia commerciale dell’UE, riteniamo che la salute e le scienze della vita dovrebbero essere al centro della costruzione di quel futuro. Ciò può essere raggiunto solo attraverso l’attuazione di politiche coerenti e complementari nell’ambito della revisione della legislazione farmaceutica che rafforzeranno, e non indeboliranno, l’industria farmaceutica basata sulla ricerca in tutti gli Stati membri”.
11 aprile 2024
Ultimi articoli in Scienza e Farmaci
<
IlFarmacistaOnline.it
Quotidiano della Federazione degli Ordini dei Farmacisti Italiani: www.fofi.it
Direttore responsabile
Andrea Mandelli
Editore
QS Edizioni srl
contatti
P.I. P.I. 12298601001
Riproduzione riservata.
Copyright 2022 © QS Edizioni srl Srl. Tutti i diritti sono riservati | P.I. 12298601001