Quotidiano della Federazione Ordini Farmacisti Italiani
Giovedì 18 APRILE 2024
Farma Talk - Farmacia dei servizi
Governo e Parlamento
Flebinec Plus
Segui ilFarmacistaOnline
Governo e Parlamento
Aifa. Giorgio Palù si è dimesso dalla presidenza. “Umiliante la durata di un anno del mandato”. Schillaci: “Stupito da motivazioni. Non accolte richieste non in linea col progetto di riforma”
A due settimane dalla nomina ha lasciato l’incarico. Si riapre quindi la partita per il vertice della Agenzia che ad oltre un anno dalla riforma ancora non riesce a trovar pace. “Recrimino la totale assenza di ascolto da parte del Ministro nelle scelte operate per AIFA. La non retribuzione dell’incarico non mi preoccupa di certo”. La replica del Ministro: “Credo si sia volutamente confuso il mio silenzio con la chiara non accoglienza di richieste non in linea col progetto di profonda riforma dell'Agenzia”.
22 FEB -

Giorgio Palù si è dimesso dalla presidenza dell’Agenzia Italiana del farmaco. Era stato nominato due settimane fa e sarebbe dovuto restare in carica un anno e a titolo gratuito secondo i limiti di legge dovuti all’età. Si riapre quindi la partita per il vertice della Agenzia che ad oltre un anno dalla riforma ancora non riesce a trovar pace.

“Recrimino la totale assenza di ascolto da parte del Ministro nelle scelte operate per AIFA”, ha detto Palù incontrando i membri del Cda e i dirigenti dell’Agenzia cui ha comunicato la scelta di dimettersi.

“Trovo offensivo ed umiliante – ha detto - nei confronti della mia persona e del mio profilo scientifico- professionale il contenuto del DM 13:04:25 UTC; in particolare la durata di un anno del mandato conferitomi sulla base dell’art. 5 c. 9 del DL 6.7.2012 n. 95, scelta quantomeno equivoca sul piano giuridico (si rimanda a DFP-0081269-P-18/12/2020 e DFP-0036607-P- 28/05/2021 per interpretazione DL)”.

“Ne sia prova il fatto – ha precisato - che il mio primo incarico a Presidente (ero già in pensione) è avvenuto con mandato quinquennale da parte del precedente Ministro della Salute. Per di più, l’interpretazione restrittiva della norma da parte del Ministro attuale viene adottata esclusivamente nei miei confronti, in netto contrasto con i decreti di nomina appena assunti dallo stesso Ministro per pensionati ultrasettantenni chiamati a dirigere l’ISS o a partecipare come consulenti nella CSE di AIFA.

Palù ha poi chiarito che il problema non era la gratuità dell’incarico: “La non retribuzione dell’incarico non mi preoccupa di certo. Considerandomi al servizio della res publica, ho infatti già svolto per tre anni le funzioni di Presidente di AIFA senza ricevere alcun compenso né gettone di presenza, rifiutando anche di essere titolare di carta di credito dell’Ente. Mi sorprende invece la disparità di trattamento rispetto ad altri Presidenti di Ente pubblico in pensione, beneficiari, contestualmente alla nomina, della legge 24 gennaio 1978 n.14, legge che nel mio caso, ancora una volta, non trova applicazione”.

“Avendo concepito e promosso la riforma di AIFA – ha evidenziato -, ho sentito il dovere di convocarvi oggi per segnalarvi alcuni obiettivi che ritengo essenziali per rilanciare l’Agenzia: una forte e qualificata rappresentanza di AIFA in seno alle commissioni Europee, l’informatizzazione dei dati farmaco-economici, gli studi clinici e la RWE per stimare il valore delle cure, la comunicazione scientifica, il coinvolgimento di esperti di altissimo profilo a sostegno della CSE, la promozione della ricerca biomedico-farmaceutica, sicuramente uno dei settori più qualificanti per lo sviluppo scientifico-tecnologico del Paese”.

La replica di Schillaci: “Confuso il mio silenzio con la chiara non accoglienza di richieste non in linea col progetto di riforma”
“Apprendo con stupore le motivazioni che hanno portato il prof. Palù alle dimissioni da presidente dell'AIFA. Credo si sia volutamente confuso il mio silenzio con la chiara non accoglienza di richieste non in linea col progetto di profonda riforma dell'Agenzia”, ha replicato a Palù Il Ministro della Salute, Orazio Schillaci in una nota.

“Tuttavia – ha precisato - accolgo di buon grado il suggerimento di nominare un successore con un mandato temporale e professionale più ampio, in grado di aggiungere a una forte e qualificata rappresentanza di AIFA in seno alle commissioni Europee, all’informatizzazione dei dati farmaco-economici, gli studi clinici e la RWE per stimare il valore delle cure, la comunicazione scientifica, il coinvolgimento di esperti di altissimo profilo a sostegno della CSE, la promozione della ricerca biomedico-farmaceutica anche la capacità di lavorare in squadra per il bene del Paese”.

Nell’attesa delle nuove scelte sarà, secondo regolamento, Francesco Fera (vedi cv) il membro del Cda nominato dal Ministero della Salute a svolgere temporaneamente le funzioni di presidente.

Luciano Fassari

22 febbraio 2024
Ultimi articoli in Governo e Parlamento
IlFarmacistaOnline.it
Quotidiano della Federazione degli Ordini dei Farmacisti Italiani: www.fofi.it
Direttore responsabile
Andrea Mandelli
Editore
QS Edizioni srl
contatti
P.I. P.I. 12298601001
Riproduzione riservata.
Copyright 2022 © QS Edizioni srl Srl. Tutti i diritti sono riservati | P.I. 12298601001