Quotidiano della Federazione Ordini Farmacisti Italiani
Mercoledì 28 FEBBRAIO 2024
ZzzQuil Natura
Governo e Parlamento
Farma Talk - Farmacia dei servizi
Segui ilFarmacistaOnline
Governo e Parlamento
Tra favorevoli e contrari ecco le reazioni dei presidenti di Regione
02 FEB -

Per il presidente della Regione Lombardia, Attilio Fontana, “questa riforma non spacca un bel niente, semplicemente chiede che dei compiti che oggi svolge lo Stato vengano svolti dalle Regioni, ottenendo le cifre che oggi spende lo Stato. Quindi è soltanto una diversa organizzazione amministrativa". Il governatore lombardo riflette che il progetto di Calderoli "non parla assolutamente delle materie, parla della procedura che si dovrà seguire per arrivare all'applicazione di una parte della Costituzione. Io credo che sia un passaggio per il momento che deve portare soltanto alla predisposizione delle modalità, poi sulle materie si discuterà”.

Va all'attacco il presidente della Regione Emilia-Romagna e candidato alla segreteria dem Stefano Bonaccini: “La bozza Calderoli è proprio sbagliata e quindi non se ne farà nulla. Se vogliono andare avanti faremo una mobilitazione con tanta gente nel Paese". Bonaccini, però è fiducioso sul fatto che alla fine "non se ne farà nulla". Convinzione che si basa sulla "freddezza nel Governo; Fratelli d'Italia è un partito molto centralista, quindi non credo veda di buon occhio questa proposta".  E "può un Paese rischiare di avere 20 pubbliche istruzioni diverse? Noi faremmo veramente ridere il mondo. Non so se il ministro Calderoli se ne stia rendendo conto”, aggiunge Bonaccini. “Abbiamo già un Paese a troppe velocità diverse”.

In Puglia si registra, invece, l'ira del governatore Emiliano. “Ci indigna profondamente questa cosa di voler fare l'autonomia differenziata prima delle elezioni in Lombardia” per evitare di “far fare brutta figura alla Lega", ha detto il governatore, ospite a SkyTg24. Secondo Emiliano, quindi, il governo starebbe accelerando sull'attuazione dell'Autonomia "solo per non far fare brutta figura alla Lega”. “Possiamo accettare - rileva Emiliano - un progetto di autonomia differenziata se le Regioni sono messe tutte più o meno sullo stesso livello di partenza, se facciamo un lavoro preliminare di riequilibrio. Se il governo dice che per questo riequilibrio, che costa almeno 50-60 miliardi, non c'è una lira di questa questione dell'autonomia differenziata non se ne può nemmeno parlare”.

“Su cosa noi potremmo essere d'accordo?” è la domanda che si fa Emiliano: “Sul fatto che lo Stato fa un progetto decennale di riequilibrio tra nord e sud basato su diritti uguali per tutti, che si stabilisce che da una certa data, non immediata, le Regioni una volta equiparate possono chiedere materie supplementari. Nulla, a quel punto, vieta di dare più poteri alle Regioni”.

Dal Veneto, il governatore Luca Zaia osserva che quello odierno è il primo giorno di scuola. “È una bellissima notizia che fa di oggi una giornata storica. Oggi diamo corso alla volontà dei Padri costituenti che scrissero la Carta costituzionale in vigore dal ‘48 e ai dettami della modifica del titolo quinto. Ma non è il traguardo di un percorso; è l’inizio. Si apre una grande sfida per questo Paese perché stiamo scrivendo una vera e propria pagina di storia. Va riconosciuto a questo Governo che con molta coerenza e rispetto per gli elettori ha mantenuto gli impegni, avviando il percorso dell’autonomia. Un vero nuovo cammino che viene avviato dopo solo un centinaio di giorni dall’insediamento. Ringrazio il Presidente Meloni e tutto il Consiglio dei Ministri, in particolare il ministro Calderoli che ha seguito in prima persona questa partita, svolgendo un grande lavoro con tanto buon senso e capacità d’ascolto, a cominciare dal dialogo con le Regioni fin dalla stesura della prima bozza”.

L’ipotesi di autonomia proposta è inaccettabile, è una proposta propagandistica che spacca l’Italia”, così il presidente della regione Campania Vincenzo De Luca, in merito al provvedimento all’esame del Consiglio dei ministri.

Secondo Vito Bardi, governatore della Basilicata, “è stato fatto un passo avanti, ma adesso occorre dare importanza ai Livelli essenziali delle prestazioni per colmare il gap tra le varie aree del paese". Bardi si è detto soddisfatto perché "sono state accolte le proposte dei presidenti del Sud e soprattutto è stata archiviata la spesa storica che ha penalizzato il Mezzogiorno”.

“Siamo favorevoli alle richieste delle regioni che chiedono maggiori livelli di autonomia. Non credo che queste richieste rappresentino in alcun modo un ostacolo alla nostra autonomia, che ha solide basi statutarie e ancoraggi internazionali”. Ha detto all’ANSA il presidente della Provincia autonoma di Trento, Maurizio Fugatti. “La crescita dell'autonomia in altri territori può rappresentare un'occasione importante di buon autogoverno, di cui noi siamo un modello. Inoltre, ciò legittima anche la nostra autonomia di fronte alle spinte centraliste”, ha aggiunto Fugatti.

“Questa è una legge che si aspettava da tempo, non solo in virtù del dettato costituzionale ma anche di un referendum che ha visto protagoniste delle Regioni. Quindi credo che sia in linea con un percorso che comunque si debba fare”. È quanto ha affermato la presidente della Regione Umbria, Donatella Tesei, in merito al ddl sull’autonomia differenziata. “Come Regione Umbria - ha detto all’ANSA - abbiamo partecipato ai tavoli con il ministro Calderoli che ha illustrato a tutte le Regioni la legge quadro, perché in realtà si tratta di una legge quadro. All'interno di questa normativa le Regioni potranno fare richiesta di autonomia differenziata in varie materie, in tutte quelle previste dalla Costituzione, ma anche in parte, e noi naturalmente come Regione Umbria stiamo facendo tutta una serie di valutazioni per capire che cosa è di nostro interesse”.

Mentre Stefano Bonaccini, presidente della regione Emilia-Romagna, ritiene che “un conto è un’autonomia differenziata che non sposti risorse e che non tocchi materie divisive. Abbiamo chiesto una legge quadro da approvare prima e che vengano individuati i Lep. La bozza Calderoli a noi non va assolutamente bene, è irricevibile e va messa in un cassetto per non dire cestinata”.

Il governatore ligure Giovanni Toti osserva che “tutti coloro che si stanno stracciando le vesti in queste ore dovrebbero ricordare che i margini di autonomia differenziata tra territori sono una delle prerogative previste dal Titolo quinto della nostra Costituzione fin dai primi anni 2000 e non è  mai stato attuato”. “I livelli di prestazione sono molto differenti già oggi senza alcuna autonomia - ha ricordato Toti -, per colpa di un centralismo che spesso ha sbagliato le scelte e per colpa di classi dirigenti locali che non sono stati capaci di valorizzare i propri territori come avrebbero  dovuto e potuto”.

02 febbraio 2023
Ultimi articoli in Governo e Parlamento
Fad - Fofi
Transforming lives
Flomax
iPiùLetti [ultimi 7 giorni]
IlFarmacistaOnline.it
Quotidiano della Federazione degli Ordini dei Farmacisti Italiani: www.fofi.it
Direttore responsabile
Andrea Mandelli
Editore
QS Edizioni srl
contatti
P.I. P.I. 12298601001
Riproduzione riservata.
Copyright 2022 © QS Edizioni srl Srl. Tutti i diritti sono riservati | P.I. 12298601001