Quotidiano della Federazione Ordini Farmacisti Italiani
Giovedì 22 FEBBRAIO 2024
Farma Talk - Farmacia dei servizi
Cronache
ZzzQuil Natura
Segui ilFarmacistaOnline
Cronache
Intelligenza artificiale. All’Onu nasce un organismo consultivo per garantirne l’uso per il bene comune
Il segretario generale ha chiesto a esperti con esperienza nel governo, nel settore privato, nella tecnologia, nella società civile e nel mondo accademico di sostenere gli sforzi delle Nazioni Unite per garantire l'uso migliore dell’Intelligenza Artificiale. Tra i 39 membri del nuovo organismo c’è anche in italiano, Paolo Benanti, francescano del Terzo Ordine Regolare, insegna alla Pontificia Università Gregoriana.
14 NOV - Nasce, in seno all’Onu, un nuovo organo consultivo sull’Intelligenza Artificiale (IA), lanciato dal segretario generale António Guterres allo scopo di esaminare i rischi, le opportunità e la governance internazionale di queste tecnologie. L’organo consultivo è composto da 39 esperti provenienti da tutto il mondo. Tra loro anche in italiano, Paolo Benanti, francescano del Terzo Ordine Regolare, insegna alla Pontificia Università Gregoriana.

Entro la fine dell’anno, riferisce una nota dell’Onu, l’organismo dovrebbe formulare raccomandazioni sulle aree della governance internazionale dell’IA, sulla comprensione condivisa dei rischi e delle sfide e sulle opportunità e i fattori chiave per sfruttare l’IA al fine di accelerare gli SDG”, gli obiettivi di sviluppo sostenibile.

Le raccomandazioni confluiranno nei preparativi per il Vertice del futuro del prossimo settembre, volto a riaffermare l’impegno per lo sviluppo sostenibile, e in particolare nei negoziati per la proposta di un Patto digitale globale volto a garantire che tutti traggano vantaggio dalla nuova era tecnologica.

Nel presentare l’iniziativa, Guterres ha sottolineato lo straordinario progresso delle capacità e dell’uso dell’IA nell’ultimo anno, anche attraverso chatbot, clonazione vocale, generatori di immagini e app video. “Il potenziale trasformativo dell’IA per il bene è difficile da comprendere”, ha affermato, sottolineando l’urgente necessità di affrontare la questione, mentre i Paesi si confrontano con gli impatti del cambiamento climatico e gli sforzi verso lo sviluppo sostenibile si arenano.

“L’intelligenza artificiale potrebbe contribuire a invertire la tendenza”, ha affermato. “Potrebbe potenziare l’azione per il clima e gli sforzi per raggiungere i 17 Obiettivi di sviluppo sostenibile (SDG) entro il 2030”.

Il Segretario Generale ritiene che l’IA possa aumentare e amplificare il lavoro dei governi, della società civile e delle Nazioni Unite, dalla previsione e dalla gestione delle crisi all’implementazione di servizi sanitari ed educativi pubblici. Per i Paesi in via di sviluppo rappresenta “la possibilità di superare tecnologie obsolete e di portare i servizi direttamente alle persone dove i bisogni sono maggiori e per le persone che ne hanno più bisogno”. Ma questo dipenderà dal fatto che l’IA venga sfruttata in modo responsabile e resa accessibile a tutti, ha aggiunto.

Oggi le competenze sono concentrate in poche aziende e paesi, il che, ha avvertito, potrebbe “approfondire le disuguaglianze globali e trasformare i divari digitali in abissi”. I potenziali danni che potrebbero scatenarsi includono l’accelerazione della diffusione della disinformazione, il radicamento di pregiudizi e discriminazioni, la sorveglianza e l’invasione della privacy, le frodi e altre violazioni dei diritti umani. Inoltre, un uso improprio potrebbe minare la fiducia nelle istituzioni, indebolire la coesione sociale e minacciare la democrazia.

Guterres ha raccontato la sua “esperienza surreale” con un’applicazione video, in cui ha visto se stesso pronunciare un discorso in un cinese impeccabile – le sue labbra si muovevano in sincronia con ogni parola – anche se non parla la lingua. “Questo è solo un esempio delle incredibili possibilità – e dei potenziali pericoli – dell’IA”, ha detto.

Ad Amandeep Singh Gill, inviato del Segretario Generale per la tecnologia, è stato chiesto come gli esperti possano affrontare i problemi di disinformazione e di informazione, dato che gli sforzi della governance globale non tengono il passo con i progressi dell’intelligenza artificiale. Ha detto che i membri riuniscono le più recenti competenze su come la tecnologia sta impattando le società, le economie e la politica, “così saremo in grado di ridurre il divario tra l’avanzamento della tecnologia, la frontiera della tecnologia e la frontiera della risposta della governance”.

Si analizzeranno anche le risposte a queste sfide emergenti e le lacune esistenti, in modo che la governance dell’IA possa essere più efficace. “Questo è il primo passo in questa direzione e speriamo di farne altri l’anno prossimo”, ha dichiarato Gill. “Con il Global Digital Compact abbiamo l’opportunità di inserire questo tema in una prospettiva sostenibile a lungo termine, in modo da non farci prendere alla sprovvista dai rapidi sviluppi della tecnologia”.
14 novembre 2023
Ultimi articoli in Cronache
IlFarmacistaOnline.it
Quotidiano della Federazione degli Ordini dei Farmacisti Italiani: www.fofi.it
Direttore responsabile
Andrea Mandelli
Editore
QS Edizioni srl
contatti
P.I. P.I. 12298601001
Riproduzione riservata.
Copyright 2022 © QS Edizioni srl Srl. Tutti i diritti sono riservati | P.I. 12298601001