Quotidiano della Federazione Ordini Farmacisti Italiani
23 GIUGNO 2024
Insonnia bambino
Cronache
Flebinec Plus
Segui ilFarmacistaOnline
Cronache
Zanzare killer sempre più presenti in Europa. E cresce, anche in Italia, il rischio di malattie come dengue, febbre gialla, chikungunya, zika e virus del Nilo occidentale
Nel 2022, nell'UE/SEE sono stati segnalati 1.133 casi umani e 92 decessi di infezione da virus del Nilo occidentale, di cui 1.112 acquisiti localmente in 11 paesi, il numero più alto di casi dall'anno di picco dell'epidemia nel 2018. In Italia, sempre nel 2022, registrati 723 casi di infezione e 51 decessi. Ecdc: “Se continua così possiamo aspettarci di vedere più casi e anche morti per queste malattie. Gli sforzi devono concentrarsi sui modi per controllare le popolazioni di zanzare, migliorare la sorveglianza e applicare misure di protezione individuale”.
22 GIU -

Secondo gli ultimi dati del Centro europeo per la prevenzione e il controllo delle malattie (ECDC), la specie di zanzara Aedes albopictus, un noto vettore di virus chikungunya e dengue, si sta affermando a nord e a ovest dell'Europa.

Inoltre, un’altra specie di zanzare, la Aedes aegypti, nota per trasmettere dengue, febbre gialla, chikungunya, zika e virus del Nilo occidentale, è stata rilevata a Cipro dal 2022 e potrebbe continuare a diffondersi in altri paesi europei.

L'Europa sta vivendo una tendenza al riscaldamento in cui le ondate di calore e le inondazioni stanno diventando più frequenti e gravi e le estati si allungano e diventano più calde. Ciò crea condizioni più favorevoli per specie di zanzare invasive come Aedes albopictus e Aedes aegypti. Dieci anni fa, nel 2013, la zanzara Aedes albopictus si era insediata in 8 paesi UE/SEE, con 114 regioni colpite. Nel 2023 la presenza di questa zanzara è stata rilevata in 13 paesi e 337 regioni.

"Negli ultimi anni abbiamo assistito a una diffusione geografica di specie di zanzare invasive in aree precedentemente non colpite nell'UE/SEE", ha affermato Andrea Ammon, direttore dell'ECDC. “Se continua così – ha aggiunto - possiamo aspettarci di vedere più casi e anche morti per malattie come dengue, chikungunya e febbre del Nilo occidentale. Gli sforzi devono concentrarsi sui modi per controllare le popolazioni di zanzare, migliorare la sorveglianza e applicare misure di protezione individuale”.

Nel 2022, nell'UE/SEE sono stati segnalati 1.133 casi umani e 92 decessi di infezione da virus del Nilo occidentale, di cui 1.112 acquisiti localmente in 11 paesi, il numero più alto di casi dall'anno di picco dell'epidemia nel 2018.

Casi acquisiti localmente sono stati segnalati da Italia (723), Grecia (286), Romania (47), Germania (16), Ungheria (14), Croazia (8), Austria (6), Francia (6), Spagna (4), Slovacchia ( 1) e Bulgaria (1).

I decessi, sempre nel 2022, sono stati segnalati da Italia (51), Grecia (33), Romania (5) e Ungheria (3).

Nel 2022, sono stati registrati 71 casi di dengue acquisita localmente nell'UE continentale/SEE, un numero che equivale al numero totale di casi segnalati tra il 2010 e il 2021. Casi di dengue acquisiti localmente sono stati segnalati da Francia (65 casi) e Spagna (6 casi).

I modi sostenibili per controllare le popolazioni di zanzare includono l'eliminazione delle fonti di acqua stagnante dove si riproducono le zanzare, l'uso di larvicidi ecologici e la promozione della consapevolezza della comunità sul controllo delle zanzare.

Le misure di protezione personale includono l'uso di zanzariere (preferibilmente reti trattate con insetticidi) o il sonno o il riposo in stanze schermate o climatizzate, l'uso di indumenti che coprano la maggior parte del corpo e l'uso di repellenti per zanzare.

Cos’è la Dengue
La dengue è un'infezione virale causata dal virus della dengue, trasmessa all'uomo attraverso la puntura di zanzare infette. La malattia è trasmessa dalle zanzare Aedes (in particolare Aedes aegypti a livello globale e Aedes albopictus in Europa), che si riproducono all'interno o intorno agli habitat umani. La dengue è endemica in più di 100 paesi in Africa, nelle Americhe, nel sud e nel sud-est asiatico e nella regione del Pacifico occidentale. L'incidenza della dengue è cresciuta notevolmente in tutto il mondo negli ultimi decenni.

Cos’è il virus del Nilo occidentale
Il virus del Nilo occidentale viene trasmesso tra gli uccelli attraverso la puntura di zanzare Culex infette e, incidentalmente, gli esseri umani e altri mammiferi (ad esempio i cavalli) possono essere infettati. Circa l'80% delle infezioni da virus del Nilo occidentale nell'uomo sono asintomatiche. La febbre del Nilo occidentale è la manifestazione clinica più comune ed è caratterizzata da un'insorgenza improvvisa di sintomi che possono includere mal di testa, malessere, febbre, mialgia, vomito, eruzione cutanea, affaticamento e dolore oculare. Le persone anziane e immunocompromesse sono a maggior rischio di sviluppare la malattia neuroinvasiva del Nilo occidentale che può essere fatale. Non esiste alcuna profilassi o trattamento specifico contro la malattia negli esseri umani.

22 giugno 2023
Ultimi articoli in Cronache
Fad - Fofi
EGStada
Colilen
iPiùLetti [ultimi 7 giorni]
IlFarmacistaOnline.it
Quotidiano della Federazione degli Ordini dei Farmacisti Italiani: www.fofi.it
Direttore responsabile
Andrea Mandelli
Editore
QS Edizioni srl
contatti
P.I. P.I. 12298601001
Riproduzione riservata.
Copyright 2022 © QS Edizioni srl Srl. Tutti i diritti sono riservati | P.I. 12298601001