Quotidiano della Federazione Ordini Farmacisti Italiani
21 LUGLIO 2019
Cronache
Segui ilFarmacistaOnline
Cronache
Giornata mondiale dei diritti umani: ecco come l’Oms difende il diritto alla salute
L'Oms sottolinea che un numero maggiore di persone deve poter accedere ai servizi sanitari essenziali oggi come non mai, mentre almeno metà della popolazione mondiale ne rimane senza.  Quest'anno è un'opportunità per difendere i loro diritti. È il 70 ° anniversario della Dichiarazione universale per i diritti umani e il 70 ° anniversario dell'Oms. Sia la Dichiarazione che la Costituzione dell'Oms, il documento fondante dell'organizzazione, affermano che la salute è un diritto fondamentale per tutte le persone. E l'Oms indica  gli ABC di ciò che ci serve per garantire il diritto alla salute.
11 DIC - Per la giornata dei diritti umani (10 dicembre) l’Oms ha come obiettivo quello di difendere il diritto alla salute. 

Questo significa per l’Organizzazione mondiale della sanità che un numero maggiore di persone deve poter accedere ai servizi sanitari essenziali oggi come non mai, mentre almeno metà della popolazione mondiale ne rimane senza. 

Chi vive nei paesi più poveri, nelle comunità più emarginate, affronta le maggiori sfide in termini di accesso, il più alto carico di malattie e i peggiori risultati in termini di salute. 

Quest'anno è un'opportunità per difendere i loro diritti. È il 70 ° anniversario della Dichiarazione universale per i diritti umani e il 70 ° anniversario dell'Oms. Sia la Dichiarazione che la Costituzione dell'Oms, il documento fondante dell'organizzazione, affermano che la salute è un diritto fondamentale per tutte le persone. 

Questi gli ABC di ciò che ci serve per garantire il diritto alla salute.

"A" è per l'accesso
Il diritto alla salute consiste nell'assicurare che tutti, ovunque, possano accedere a cure sanitarie accessibili e di qualità.
Questo è il principio che definisce la copertura sanitarioa universale: nessuno dovrebbe ammalarsi e morire solo perché è povero, per chi è o dove p nato, o perché non può accedere ai servizi sanitari di cui ha biosgno.  

Video: copertura sanitaria universale: il miglior investimento per un mondo più sicuro, più equo e più sano

"B" è per abbattere le barriere




  Raggiungere una copertura sanitaria universale richiede sforzi mirati per raggiungere coloro che sono maggiormente a rischio di essere lasciati indietro.   Che si tratti di un approccio sociale, culturale, strutturale o finanziario, un approccio basato sui diritti significa identificare gli svantaggi e abbattere le barriere relative all'accesso, alla convenienza, alla qualità o alla disponibilità dei servizi sanitari. 
La storia: I ragazzi e le ragazze invisibili - Comprendere gli ostacoli all'accesso all'assistenza sanitaria tra i giovani nigeriani svantaggiati 
Questa analisi deve essere facilitata da dati affidabili , suddivisi per sesso, età, istruzione, etnia e altri fattori, che informano gli sforzi per colmare le lacune e indirizzare le risorse. 

“C” è per la società civile
Garantire la partecipazione delle comunità alle politiche e ai programmi sanitari è un principio fondamentale dei diritti umani, ma anche positivo per i risultati di salute. 

Significa coinvolgere e responsabilizzare le persone nelle decisioni che riguardano la loro salute, progettare i sistemi sanitari in base ai bisogni delle persone invece che alle malattie e alle istituzioni sanitarie, in modo che tutti ricevano le giuste cure, al momento giusto, nel posto giusto.



Video: comunità potenziate in Sri Lanka
 
L'Oms si è recentemente impegnata a rafforzare il suo impegno con la società civile , anche attraverso il miglioramento dei meccanismi di governance, delle politiche, e assicurando maggiori opportunità di supervisione e responsabilità e un ruolo maggiore nei dati, nella ricerca e nell'innovazione.
 
“D” è per i determinanti della salute 

La salute è più che assistenza sanitaria. Si riferisce anche ai determinanti sottostanti che influiscono sulla nostra salute attuale e futura: fattori come il cibo che mangiamo, l'acqua che beviamo, l'aria che respiriamo, le case in cui viviamo o l'educazione che riceviamo. 
Il lavoro dell'Oms sui determinanti sociali della salute
 .
 
Questi fattori sono plasmati da politiche e sistemi legali ed economici, programmi di sviluppo, norme sociali, politiche e sistemi politici e richiedono risposte coordinate per garantire che le persone siano in grado di raggiungere il più alto livello di salute raggiungibile.

Questo è il motivo per cui la recente Dichiarazione di Astana di quest'anno, concordata da tutti gli Stati membri dell'Oms, parla non solo della necessità di fornire assistenza sanitaria di qualità, ma anche di creare società e ambienti sani che proteggano la salute della popolazione mondiale. 


Video: lo spirito di Astana

 


"E" è per l'uguagliana e la non discriminazione





Le disuguaglianze possono sempre avere un impatto sulla salute - legate a dove qualcuno vive o dove è nato, al genere, etnia, età, razza, sessualità, asilo o migrazione, salute o qualsiasi altro status. 

La disuguaglianza può anche riflettersi in discriminazioni e abusi che si verificano nella sanità stessa, che riguardano sia gli operatori sanitari che gli utenti dei servizi. Questo mina la copertura della salute universale in molti modi: mettendo a repentaglio gli investimenti in salute, scoraggiando le persone dal cercare assistenza sanitaria e depotenziando o privando le persone della loro dignità. 

Affrontare la discriminazione nell'assistenza sanitaria richiede una risposta olistica e unita. Significa lavorare per rafforzare la qualità del servizio, sensibilizzare i diritti degli operatori sanitari e degli utenti dei servizi - con meccanismi di riparazione - e affrontare le pratiche dannose per la salute.

Fatti nelle immagini: il diritto alla salute


Mentre il mondo commemora il 70° anniversario dell'Oms e la Dichiarazione universale, l'Oms rinnova il suo impegno per la salute come diritto umano. 

Non si può raggiungere la salute per tutti se non si pongono i diritti saldamente al centro dell'agenda. Ogni attore sanitario, ovunque nel mondo, ha un ruolo da svolgere nel difendere il fondamentale, universale diritto alla salute. 
 
Difendersi dalle violazioni dei diritti 
La salute e i diritti umani devono sempre andare di pari passo. Le persone hanno il diritto all'assistenza sanitaria e devono essere trattati con dignità e rispetto quando accedono a questo. Tuttavia, le leggi, le politiche e le pratiche dannose, incluse le discriminazioni e gli abusi nei confronti degli operatori sanitari, spesso impediscono alle persone di ricevere le cure di cui hanno bisogno e possono causare gravi danni alla salute fisica e mentale. 

Alcuni gruppi - tra cui donne e ragazze, persone che vivono in condizioni di povertà, persone con disabilità, migranti e popolazioni sfollate e minoranze sessuali e di genere - hanno maggiori probabilità di subire abusi ed essere esposti a terapie e pratiche dannose o degradanti.

L'Oms lavora con chi è coinvolto nella salute - dai responsabili delle politiche a operatori sanitari, pazienti e comunità - per garantire che tutti stiano svolgendo un ruolo nel proteggere i diritti umani e la dignità delle persone e nel far fronte agli abusi ogni volta che si verificano. Questi includono sforzi per:
 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 
 
11 dicembre 2018
Ultimi articoli in Cronache
iPiùLetti [ultimi 7 giorni]
IlFarmacistaOnline.it
Quotidiano della Federazione degli Ordini dei Farmacisti Italiani: www.fofi.it
Direttore responsabile
Andrea Mandelli
Direttore editoriale
Cesare Fassari
Editore
Edizioni Health Communication srl
contatti
P.I. 08842011002
Riproduzione riservata.
Copyright 2010 © Health Communication Srl. Tutti i diritti sono riservati | P.I. 08842011002 | iscritta al ROC n. 14025 | Per la Uffici Commerciali Health Communication Srl
68938