Quotidiano della Federazione Ordini Farmacisti Italiani
21 LUGLIO 2024
Flebinec Plus
Scienza e Farmaci
Insonnia bambino
Segui ilFarmacistaOnline
Scienza e Farmaci
Influenza aviaria. L’Ecdc raccomanda una “maggiore vigilanza”
Sebbene attualmente non sia stata registrata alcuna infezione da virus dell'influenza aviaria A(H5N1) negli esseri umani nell'UE/SEE, l'Ecdc sottolinea l'importanza di continuare a sensibilizzare gli operatori sanitari. "Raccomandiamo inoltre di testare l'influenza in tutti i casi ospedalizzati a causa di sintomi compatibili con l'influenza aviaria e di indagare ulteriormente su quei campioni positivi all'influenza A che sono negativi al virus dell'influenza stagionale".
08 LUG -

Negli Stati Uniti è stata recentemente osservata la trasmissione del virus dell'influenza aviaria altamente patogeno HPAI A(H5N1) nei bovini da latte e sono stati segnalati quattro casi di influenza aviaria umana tra i lavoratori agricoli esposti al bestiame da aprile 2024. "Sebbene la trasmissione dagli animali infetti all'uomo rimanga un evento raro, i virus dell'influenza aviaria possono contagiare animali selvatici, da fattoria e domestici, provocando infezioni e focolai nel pollame e, occasionalmente, nei mammiferi".

A spiegarlo è l'Ecdc raccomandando un maggiore livello di vigilanza sul fenomeno.

"Mentre monitoriamo attentamente la situazione attuale dell'influenza aviaria, sia nell'UE che a livello globale, vi è motivo di una maggiore consapevolezza ma non di una maggiore preoccupazione. L'Ecdc rimane impegnato nel nostro supporto alle azioni intraprese dalle autorità nazionali negli Stati membri dell'UE. Questa minaccia per la salute umana non deve essere sottovalutata ed è importante che restiamo vigili e proattivi nella nostra collaborazione congiunta", afferma Pamela Rendi-Wagner, Direttore dell'Ecdc.

Sebbene attualmente non sia stata registrata alcuna infezione da virus dell'influenza aviaria A(H5N1) negli esseri umani nell'UE/SEE, l'Ecdc sottolinea l'importanza di continuare a sensibilizzare gli operatori sanitari, sia a livello di assistenza primaria che secondaria, sulla possibilità di riscontrare casi umani di infezione.

Nell'ambito del suo impegno costante a favore della salute pubblica, l'Ecdc sta implementando una strategia completa per supportare l'individuazione precoce e il contenimento di potenziali casi umani nell'UE.

È importante notare che attualmente il rischio di influenza aviaria zoonotica, vale a dire infezioni umane, per l'UE/SEE rimane basso per la popolazione generale e basso-moderato per gli individui esposti per motivi professionali o di altro tipo.

L'Ecdc ricorda di aver adottato numerose iniziative per affrontare la potenziale minaccia dell'influenza aviaria per la salute umana e negli ultimi mesi ha prodotto diversi documenti guida e relazioni sui test effettuati sugli individui esposti, sulla sorveglianza, sulle indagini sui focolai e sulle opzioni di sanità pubblica per rispondere.

Nelle linee guida di sorveglianza recentemente aggiornate per il periodo estivo, l'Ecdc raccomanda di abbassare la soglia per i test per l'influenza aviaria negli esseri umani, incluso l'uso di un approccio basato sul rischio per gli individui asintomatici esposti. "Raccomandiamo inoltre di testare l'influenza in tutti i casi ospedalizzati a causa di sintomi compatibili con l'influenza aviaria e di indagare ulteriormente su quei campioni positivi all'influenza A che sono negativi al virus dell'influenza stagionale. Le misure di biosicurezza e di protezione personale in atto nei siti occupazionali e ricreativi con un rischio aumentato di influenza aviaria rimangono fondamentali per ridurre al minimo il rischio di eventi di spillover agli esseri umani. Queste misure di protezione devono essere rispettate nella misura più ampia possibile".

Inoltre, l'Ecdc ha rafforzato il suo supporto ai paesi dell'UE per le attività di laboratorio sull'influenza aviaria zoonotica, incluso il supporto alla preparazione di laboratorio per rilevare e caratterizzare i virus dell'influenza zoonotica. L'Ecdc offre anche test centralizzati dell'UE e un'ulteriore caratterizzazione per campioni umani noti o sospettati di contenere un virus dell'influenza aviaria.

08 luglio 2024
Ultimi articoli in Scienza e Farmaci
<
IlFarmacistaOnline.it
Quotidiano della Federazione degli Ordini dei Farmacisti Italiani: www.fofi.it
Direttore responsabile
Andrea Mandelli
Editore
QS Edizioni srl
contatti
P.I. P.I. 12298601001
Riproduzione riservata.
Copyright 2022 © QS Edizioni srl Srl. Tutti i diritti sono riservati | P.I. 12298601001