Quotidiano della Federazione Ordini Farmacisti Italiani
Sabato 02 DICEMBRE 2023
Scienza e Farmaci
Segui ilFarmacistaOnline
Scienza e Farmaci
Accesso ai farmaci. La piattaforma europea sui nuovi prodotti dell’OMS lancia un gruppo di lavoro incentrato sulla solidarietà
L’NMP è una nuova iniziativa dell’OMS/Europa che mira a identificare misure specifiche che possano migliorare l’accesso dei pazienti a questi trattamenti, dai costi spesso proibitivi. Per centrare il bersaglio, l’iniziativa ha istituito 4 gruppi di lavoro che si concentrano su: trasparenza, solidarietà, sostenibilità e lotta per i nuovi antimicrobici.
13 NOV - La Piattaforma europea dei nuovi farmaci (NMP) dell’OMS/Europa ha convocato il suo primo gruppo di lavoro, concentrandosi sul tema della solidarietà, con l'obiettivo di facilitare il modo in cui le persone possono accedere a farmaci efficaci, nuovi e ad alto costo. “La solidarietà tra paesi e tra le parti interessate è il nostro principio guida. Oggi troppe persone nella nostra Regione non possono accedere ai farmaci di cui hanno bisogno, e troppo spesso ciò accade perché gli appelli alla solidarietà non sono risuonati abbastanza forte. Abbiamo bisogno di solidarietà ora più che mai”, ha sottolineato Natasha Azzopardi-Muscat, direttrice della Divisione delle politiche e dei sistemi sanitari nazionali dell’OMS/Europa, durante la riunione di lancio tenutasi a Praga in ottobre.

L’NMP è una nuova iniziativa dell’OMS/Europa che mira a identificare misure specifiche che possano migliorare l’accesso dei pazienti a questi trattamenti, dai costi spesso proibitivi. Per centrare il bersaglio, l’iniziativa ha istituito 4 gruppi di lavoro che si concentrano su: trasparenza, solidarietà, sostenibilità e lotta per i nuovi antimicrobici. In linea con il Programma di lavoro europeo 2020-2025, il Gruppo di lavoro 2 (WG2) si dedica al rafforzamento dei partenariati che danno priorità alla solidarietà nel garantire l’accesso dei pazienti ai farmaci. Ciò include attività legate alla produzione di studi, al consolidamento della domanda e all’elaborazione di strategie di approvvigionamento. Presieduto da Jakub Dvořáček, viceministro della Sanità ceco, e con Yann le Cam, amministratore delegato di Rare Diseases Europe (EURORDIS) e Neil Mulcock della Federazione europea delle industrie e delle associazioni farmaceutiche (EFPIA) come vicepresidenti, l'incontro ha riunito un gruppo eterogeneo di parti interessate provenienti da 12 paesi, nonché 3 organizzazioni di pazienti, 6 partner e 5 organizzazioni industriali.

Sebbene vi siano numerose attività e iniziative nella Regione europea dell’OMS legate all’accesso dei pazienti ai medicinali, i partecipanti hanno riconosciuto la necessità di un’attenzione più sostanziale ai paesi non appartenenti all’Unione Europea. Questi paesi spesso affrontano sfide uniche nell’accesso ai farmaci ad alto costo e dare spazio alle loro esigenze specifiche è fondamentale per ottenere un accesso equo. “Le attuali dinamiche del mercato non soddisfano le esigenze dei pazienti, soprattutto quelli dei paesi più piccoli. Vogliamo cambiarlo. Abbiamo un’opportunità unica attraverso il gruppo di lavoro della Piattaforma sui nuovi medicinali”, ha sottolineato Dvořáček. Uno dei temi centrali dell'incontro è stata l'importanza di favorire la collaborazione e la condivisione delle conoscenze tra diversi enti e tra i vari stakeholder. Mettendo in comune risorse, competenze ed esperienze, le parti interessate possono affrontare meglio le sfide associate all’accesso ai farmaci ad alto costo. Questa collaborazione aiuterà inoltre ad allineare i processi durante tutto il ciclo di vita dei medicinali, in particolare dopo l’approvazione regolatoria condizionata. Questo allineamento può informare le agenzie di valutazione delle tecnologie sanitarie e i pagatori, promuovendo un processo decisionale più efficace. I partecipanti hanno inoltre sottolineato l'importanza di condurre progetti dimostrativi come mezzo per accelerare il processo di apprendimento. Questi progetti possono facilitare lo scambio di conoscenze e fornire prove concrete dei benefici della solidarietà. “Questo primo incontro del Gruppo di Lavoro 2 dell’NMP ha dimostrato una reale solidarietà, coinvolgendo gli Stati membri di tutta Europa e diverse parti interessate, condividendo nuovi approcci alla generazione di prove, gettando le basi per la discussione di potenziali progetti dimostrativi che potrebbero implementare le migliori pratiche e promuovere una migliore cura dei pazienti”, ha affermato Karen Facey, Visiting Senior Research Fellow, Università di Edimburgo, Regno Unito.
13 novembre 2023
Ultimi articoli in Scienza e Farmaci
<
IlFarmacistaOnline.it
Quotidiano della Federazione degli Ordini dei Farmacisti Italiani: www.fofi.it
Direttore responsabile
Andrea Mandelli
Editore
QS Edizioni srl
contatti
P.I. P.I. 12298601001
Riproduzione riservata.
Copyright 2022 © QS Edizioni srl Srl. Tutti i diritti sono riservati | P.I. 12298601001
118232