Quotidiano della Federazione Ordini Farmacisti Italiani
Giovedì 02 FEBBRAIO 2023
Scienza e Farmaci
Segui ilFarmacistaOnline
Scienza e Farmaci
Dall’Ema nuove informazioni sulla sicurezza per diversi farmaci, vaccini Covid compresi
Segnalata la necessità di inserire il sanguinamento mestruale abbondante a seguito di vaccinazione contro il Covid con i vaccini di Pfizer e Moderna tra i possibili effetti collaterali. E poi, indicazioni per l'uso degli inibitori della Janus chinasi per i disturbi infiammatori cronici e confermata la raccomandazione per il ritiro delle autorizzazioni all'immissione in commercio dei farmaci a base di amfepramone.
28 OTT - Dal comitato per la sicurezza dell'Ema (Prac) arrivano nuove indicazioni per pazienti e personale sanitario in riferimento a diversi farmaci. Tra queste si segnala anche la necessità di inserire il sanguinamento mestruale abbondante a seguito di vaccinazione contro il Covid con i vaccini di Pfizer e Moderna.

L'EMA raccomanda misure per minimizzare il rischio di effetti collaterali gravi con gli inibitori della Janus chinasi per i disturbi infiammatori cronici

Il Prac dell'Ema ha raccomandato misure per ridurre al minimo il rischio di effetti collaterali gravi associati agli inibitori della Janus chinasi (JAK) utilizzati per il trattamento di diverse patologie infiammatorie croniche. Questi effetti collaterali includono condizioni cardiovascolari, coaguli di sangue, cancro e infezioni gravi.

Il Comitato ha raccomandato di utilizzare questi farmaci nei seguenti pazienti solo se non sono disponibili alternative terapeutiche adeguate: persone di età pari o superiore a 65 anni, persone ad alto rischio di problemi cardiovascolari maggiori (come infarto o ictus), persone che fumano o che lo hanno fatto per lungo tempo in passato e persone ad alto rischio di cancro.

Il Comitato ha inoltre raccomandato di usare gli inibitori della JAK con cautela nei pazienti con fattori di rischio per coaguli di sangue nei polmoni e nelle vene profonde (tromboembolismo venoso, VTE) diversi da quelli sopra elencati. Inoltre, le dosi dovrebbero essere ridotte in alcuni gruppi di pazienti che possono essere a rischio di TEV, cancro o problemi cardiovascolari maggiori.

Le raccomandazioni fanno seguito a una revisione dei dati disponibili, compresi i risultati finali di uno studio clinico1 sull'inibitore della JAK Xeljanz (tofacitinib) e i risultati preliminari di uno studio osservazionale su Olumiant (baricitinib), un altro inibitore della JAK. Durante la revisione, il PRAC ha chiesto il parere di un gruppo di esperti composto da reumatologi, dermatologi, gastroenterologi e rappresentanti dei pazienti.

La revisione ha confermato che Xeljanz aumenta il rischio di problemi cardiovascolari maggiori, cancro, TEV, infezioni gravi e morte per qualsiasi causa rispetto agli inibitori del TNF-alfa. Il PRAC ha ora concluso che questi risultati sulla sicurezza si applicano a tutti gli usi approvati degli inibitori della JAK nei disturbi infiammatori cronici (artrite reumatoide, artrite psoriasica, artrite idiopatica giovanile, spondiloartrite assiale, colite ulcerosa, dermatite atopica e alopecia areata).

Le informazioni sul prodotto per gli inibitori della JAK utilizzati per il trattamento dei disturbi infiammatori cronici saranno aggiornate con le nuove raccomandazioni e avvertenze. Inoltre, il materiale educativo per i pazienti e gli operatori sanitari sarà rivisto di conseguenza. I pazienti che hanno domande sul loro trattamento o sul rischio di effetti collaterali gravi devono contattare il proprio medico.

L'EMA conferma la raccomandazione di ritirare le autorizzazioni all'immissione in commercio dei farmaci a base di amfepramone
Il PRAC ha confermato la raccomandazione di ritirare le autorizzazioni all'immissione in commercio dei farmaci per l'obesità a base di amfepramone. Ciò fa seguito a un riesame della sua precedente raccomandazione del giugno 2022, richiesta dalle aziende che commercializzano questi farmaci.

La raccomandazione fa seguito a una revisione che ha rilevato che le misure per limitare l'uso di questi farmaci per motivi di sicurezza non sono state sufficientemente efficaci. È emerso che i farmaci venivano utilizzati per un periodo superiore a quello massimo raccomandato di 3 mesi, aumentando così potenzialmente il rischio di effetti collaterali gravi, come l'ipertensione arteriosa polmonare (pressione alta nei polmoni) e la dipendenza. I farmaci venivano utilizzati anche in pazienti con una storia di malattie cardiache o disturbi psichiatrici, aumentando il rischio di problemi cardiaci e psichiatrici. Inoltre, è stato dimostrato l'uso durante la gravidanza, che potrebbe comportare rischi per il nascituro.

La revisione ha preso in considerazione tutte le informazioni disponibili relative a questi problemi, compresi i dati di due studi sull'uso di farmaci a base di amfepramone in Germania e in Danimarca. Inoltre, il PRAC ha ricevuto il parere di un gruppo di esperti composto da endocrinologi, cardiologi e un rappresentante dei pazienti.

Il PRAC ha preso in considerazione l'introduzione di ulteriori misure per ridurre al minimo il rischio di effetti collaterali, ma non è riuscito a identificarne nessuna sufficientemente efficace. Il PRAC ha quindi concluso che i benefici dei farmaci a base di amfepramone non superano i loro rischi e ha raccomandato che i farmaci vengano ritirati dal mercato dell'UE.

La raccomandazione del PRAC sarà ora inviata al CMDh per la sua valutazione.

Comirnaty (Pfizer) e Spikevax (Moderna): sanguinamento mestruale abbondante aggiunto come effetto collaterale
Il PRAC ha raccomandato di aggiungere alle informazioni sul prodotto il sanguinamento mestruale abbondante come effetto collaterale di frequenza non nota dei vaccini mRNA COVID-19 Comirnaty e Spikevax.

Il sanguinamento mestruale abbondante (mestruazioni abbondanti) può essere definito come un sanguinamento caratterizzato da un aumento del volume e/o della durata che interferisce con la qualità della vita fisica, sociale, emotiva e materiale della persona. Sono stati segnalati casi di sanguinamento mestruale abbondante dopo la prima, la seconda e la dose di richiamo di Comirnaty e Spikevax.

Il PRAC ha concluso la valutazione di questo segnale di sicurezza dopo aver esaminato i dati disponibili, compresi i casi riportati durante gli studi clinici, i casi segnalati spontaneamente in Eudravigilance e i risultati della letteratura medica.

Dopo aver esaminato i dati, il Comitato ha concluso che esiste almeno una ragionevole possibilità che la comparsa di forti emorragie mestruali sia causalmente associata a questi vaccini e ha quindi raccomandato l'aggiornamento delle informazioni sul prodotto.

I dati disponibili esaminati riguardavano per lo più casi che sembravano essere non gravi e di natura temporanea.

I disturbi mestruali in generale sono piuttosto comuni e possono verificarsi per un'ampia gamma di ragioni. Tra queste, alcune condizioni mediche sottostanti. Chiunque abbia un sanguinamento in postmenopausa o sia preoccupato per un cambiamento delle mestruazioni dovrebbe consultare il proprio medico.

Non ci sono prove che indichino che i disturbi mestruali riscontrati da alcune persone abbiano un impatto sulla riproduzione e sulla fertilità. I dati disponibili rassicurano sull'uso del vaccino mRNA COVID-19 prima e durante la gravidanza. Una revisione condotta dalla task force di emergenza dell'EMA ha dimostrato che i vaccini mRNA COVID-19 non causano complicazioni in gravidanza per le future madri e i loro bambini, e sono altrettanto efficaci nel ridurre il rischio di ospedalizzazione e di decessi nelle persone in gravidanza come nelle persone non in gravidanza.

Il Comitato ribadisce che la totalità dei dati disponibili conferma che i benefici di questi vaccini superano ampiamente i rischi.

Gli operatori sanitari e le pazienti sono incoraggiati a continuare a segnalare alle autorità nazionali i casi di sanguinamento mestruale abbondante.

Il PRAC continuerà a monitorare i casi di questa condizione e comunicherà ulteriormente se sono necessarie nuove raccomandazioni.

Ustekinumab (Stelara): avvertenza sull'uso di vaccini vivi nei neonati le cui madri hanno ricevuto ustekinumab durante la gravidanza
Il PRAC ha raccomandato di aggiungere alle informazioni sul prodotto di ustekinumab (Stelara) un'avvertenza sull'uso di vaccini vivi nei neonati le cui madri hanno ricevuto ustekinumab durante la gravidanza.

Ustekinumab è autorizzato nell'Unione Europea per il trattamento della psoriasi a placche grave, dell'artrite psoriasica, della malattia di Crohn e della colite ulcerosa.

Nelle informazioni sul prodotto è già indicato che è preferibile evitare l'uso di ustekinumab durante la gravidanza. Alle persone con potenziale fertile si consiglia di evitare una gravidanza e di utilizzare una contraccezione adeguata durante l'uso di Stelara e per almeno 15 settimane dopo l'ultimo trattamento con Stelara.

Il Comitato ha esaminato le evidenze disponibili sull'uso di ustekinumab in gravidanza, compresi gli studi osservazionali condotti nell'UE, negli Stati Uniti e in Canada, nonché una revisione cumulativa richiesta al titolare dell'autorizzazione all'immissione in commercio.

Ustekinumab può attraversare la placenta. È stato rilevato nel siero (la componente fluida del sangue) di neonati esposti a ustekinumab in utero (neonati le cui madri sono state trattate con il farmaco durante la gravidanza).

Sebbene i dati su ustekinumab siano limitati, il rischio di infezione potrebbe essere aumentato dopo la nascita nei neonati che sono stati esposti a ustekinumab in utero.

Pertanto, il PRAC ha raccomandato che, nei neonati che sono stati esposti a ustekinumab in utero, la somministrazione di vaccini vivi (vaccini fatti da un virus o da un batterio indebolito) non è raccomandata per i sei mesi successivi alla nascita o fino a quando i livelli sierici di ustekinumab nel neonato non sono rilevabili. In caso di chiaro beneficio clinico per il singolo neonato, la somministrazione di un vaccino vivo potrebbe essere presa in considerazione prima, se i livelli sierici di ustekinumab del neonato non sono rilevabili.

La raccomandazione del PRAC sarà trasmessa al comitato per i medicinali per uso umano dell'EMA (CHMP) per l'adozione.

Nuove informazioni sulla sicurezza per gli operatori sanitari
Nell'ambito della sua consulenza sugli aspetti relativi alla sicurezza ad altri comitati dell'EMA, il PRAC ha discusso le comunicazioni dirette agli operatori sanitari (DHPC) contenenti informazioni importanti per gli inibitori della Janus chinasi (JAK) e i farmaci a base di amfepramone.

Inibitori della Janus chinasi (JAK): misure per minimizzare il rischio di effetti collaterali gravi
Questo DHPC informa gli operatori sanitari sulle misure di minimizzazione del rischio di alcuni effetti collaterali gravi associati agli inibitori della Janus chinasi (JAK) utilizzati nei disturbi infiammatori cronici.

Farmaci a base di amfepramone: consigli ai pazienti su altre opzioni di trattamento
Il DHPC informerà gli operatori sanitari sulla conclusione del riesame della raccomandazione dell'EMA sui medicinali contenenti amfepramone e sulla necessità di consigliare ai pazienti altre opzioni terapeutiche.

Il DHPC per i farmaci a base di amfepramone sarà trasmesso al Gruppo di Coordinamento per il Mutuo Riconoscimento e le Procedure Decentrate - Umani (CMDh) e il DHPC per gli inibitori della Janus chinasi sarà trasmesso al comitato per i medicinali per uso umano dell'EMA (CHMP). Dopo il parere del CMDh e del CHMP, i DHPC saranno diffusi agli operatori sanitari dal titolare dell'autorizzazione all'immissione in commercio, secondo un piano di comunicazione concordato, e pubblicati sulla pagina "Comunicazioni dirette agli operatori sanitari" e nei registri nazionali degli Stati membri dell'UE.
28 ottobre 2022
Ultimi articoli in Scienza e Farmaci
IlFarmacistaOnline.it
Quotidiano della Federazione degli Ordini dei Farmacisti Italiani: www.fofi.it
Direttore responsabile
Andrea Mandelli
Editore
Edizioni Health Communication srl
contatti
P.I. 08842011002
Riproduzione riservata.
Copyright 2010 © Health Communication Srl. Tutti i diritti sono riservati | P.I. 08842011002 | iscritta al ROC n. 14025 | Per la Uffici Commerciali Health Communication Srl
108455