Quotidiano della Federazione Ordini Farmacisti Italiani
Lunedì 29 NOVEMBRE 2021
Studi e Analisi
Segui ilFarmacistaOnline
Studi e Analisi
Sorveglianza Covid. Ecdc: “È  ora di cambiare. Troppi test agli asintomatici e poi serve sistema unico integrato con monitoraggio influenza”
“I paesi dovrebbero concentrarsi sulla segnalazione di casi sintomatici, ovvero casi che sono stati testati a causa di sintomi compatibili con COVID-19, per migliorare la comparabilità della situazione tra Paesi” Il Centro europeo per la prevenzione e il controllo delle malattie ha redatto una guida per incoraggiare i Paesi europei a passare dalla sorveglianza di emergenza per il Covid a sistemi di monitoraggio più sostenibili e integrati con quelli di controllo di altre malattie dell’apparato respiratorio. LA GUIDA.
19 OTT - La maggior parte dei paesi dell'Unione europea/Spazio economico europeo (UE/SEE) ha istituito sistemi di sorveglianza completi per COVID-19 con un'ampia percentuale di segnalazione di tutti i casi positivi indipendentemente dall'indicazione per il test. Inoltre, le politiche di test sono state diverse tra i paesi, influenzando così la comparabilità dei dati a livello UE/SEE.
 
Partendo da queste premesse l’Ecdc (Centro europeo per la prevenzione e il controllo delle malattie) ha messo a punto una guida metodologica per incoraggiare i paesi europei a passare dalla sorveglianza di emergenza a sistemi di sorveglianza più sostenibili e basati su obiettivi secondo i seguenti punti chiave:
• I sistemi dovrebbero consentire la sorveglianza integrata di COVID-19, influenza e altri agenti patogeni respiratori che potrebbero co-circolare nella popolazione.
 
• Gli attuali sistemi di sorveglianza dell'influenza non sono sufficientemente sensibili e rappresentativi per consentire la sorveglianza congiunta di COVID-19, pertanto i paesi dovrebbero considerare di espandere la copertura dei soggetti sentinella per migliorare la sensibilità e raccogliere campioni sufficienti per un'ulteriore caratterizzazione.
 
• I paesi dovrebbero concentrarsi sulla segnalazione di casi sintomatici, ovvero casi che sono stati testati a causa di sintomi compatibili con COVID-19, poiché ciò migliorerà la comparabilità.
 
• Se non è possibile eseguire un test completo di tutti coloro che presentano sintomi, dovrebbe essere testato un sottoinsieme rappresentativo di casi sintomatici, preferibilmente mediante PCR.
 
• È necessario sequenziare un sottoinsieme rappresentativo di campioni positivi per SARS-CoV-2. La sorveglianza genomica di campioni rappresentativi dovrebbe essere associata a un campionamento completo mirato in ambienti o popolazioni speciali.
 
• Il monitoraggio dell'efficacia del vaccino dovrebbe essere effettuato attraverso studi ad hoc, possibilmente integrati in sistemi di sorveglianza.
 
• I paesi dovrebbero continuare il monitoraggio della mortalità e prendere in considerazione indagini siero-epidemiologiche tra sistemi complementari che aiuteranno a raggiungere i principali obiettivi di sorveglianza.
19 ottobre 2021
Ultimi articoli in Studi e Analisi
iPiùLetti [ultimi 7 giorni]
IlFarmacistaOnline.it
Quotidiano della Federazione degli Ordini dei Farmacisti Italiani: www.fofi.it
Direttore responsabile
Andrea Mandelli
Editore
Edizioni Health Communication srl
contatti
P.I. 08842011002
Riproduzione riservata.
Copyright 2010 © Health Communication Srl. Tutti i diritti sono riservati | P.I. 08842011002 | iscritta al ROC n. 14025 | Per la Uffici Commerciali Health Communication Srl
99168