Quotidiano della Federazione Ordini Farmacisti Italiani
18 APRILE 2021
Studi e Analisi
Segui ilFarmacistaOnline
Studi e Analisi
Giornata mondiale della Salute 2021. “Costruire un mondo più giusto e più sano perché il Covid ha aumentato le diseguaglianze in sanità”. Ecco le 5 azioni promosse dall’Oms
Le malattie e le morti per COVID-19 sono state più elevate tra i gruppi che affrontano discriminazioni, povertà, esclusione sociale e condizioni di vita e di lavoro quotidiane avverse, comprese le crisi umanitarie. L’Oms stima che l'anno scorso la pandemia abbia portato in povertà estrema tra i 119 ei 124 milioni di persone in più. E ci sono prove convincenti che abbia ampliato il divario di genere nell'occupazione, con le donne uscite dal mondo del lavoro in numero maggiore rispetto agli uomini.
07 APR - Il COVID-19 ha aumentato le disuguaglianze esistenti in materia di salute e benessere nel Mondo e proprio da qui parte lo slogan della Giornata mondiale della salute 2021 che si celebra oggi, 7 aprile: “Costruire un mondo più giusto e più sano”.
 
Le malattie e le morti per COVID-19 sono state più elevate tra i gruppi che affrontano discriminazioni, povertà, esclusione sociale e condizioni di vita e di lavoro quotidiane avverse, comprese le crisi umanitarie.
 
L’Oms stima che l'anno scorso la pandemia abbia portato in povertà estrema tra i 119 ei 124 milioni di persone in più. E ci sono prove convincenti che abbia ampliato il divario di genere nell'occupazione, con le donne uscite dal mondo del lavoro in numero maggiore rispetto agli uomini.
 
Queste disuguaglianze, sottolinea l’Oms, nelle condizioni di vita delle persone, nei servizi sanitari e nell'accesso al potere, al denaro e alle risorse non sono però una novità come dimostrano i principali indicatori di salute: i tassi di mortalità sotto i 5 anni tra i bambini delle famiglie più povere sono il doppio di quelli dei bambini delle famiglie più ricche; l'aspettativa di vita per le persone nei paesi a basso reddito è di 16 anni inferiore a quella per le persone nei paesi ad alto reddito e, ad esempio, 9 decessi su 10 a livello globale per cancro cervicale si verificano nei paesi a basso e medio reddito.
 
Ma mentre i paesi continuano a combattere la pandemia, emerge un'opportunità unica per ricostruire un mondo più giusto e più sano, implementando gli impegni, le risoluzioni e gli accordi esistenti e assumendo allo stesso tempo nuovi e audaci impegni.
 
"La pandemia COVID-19 ha prosperato tra le disuguaglianze nelle nostre società e le lacune nei nostri sistemi sanitari", afferma il dott. Tedros Adhanom Ghebreyesus, direttore generale dell'OMS. "È fondamentale che tutti i governi investano nel rafforzamento dei loro servizi sanitari e per rimuovere le barriere che impediscono a così tante persone di utilizzarli, in modo che più persone abbiano la possibilità di vivere una vita sana", ha aggiunto.
 
L'OMS lancia quindi cinque azioni rivolte a tutti i governi mondiali per:
Accelerare l'accesso equo alle tecnologie COVID-19 tra e all'interno dei paesi
Vaccini sicuri ed efficaci sono stati sviluppati e approvati a velocità record. La sfida ora è garantire che siano disponibili per tutti coloro che ne hanno bisogno. La svolta sarà il supporto aggiuntivo a COVAX, il pilastro del vaccino nell'ACT-Accelerator, che si spera possa raggiungere 100 paesi ed economie nei prossimi giorni.
 
Ma i vaccini da soli non supereranno COVID-19. Sono vitali anche materie prime come l'ossigeno medico e i dispositivi di protezione individuale (DPI), nonché test diagnostici affidabili e medicinali. Quindi sono meccanismi forti per distribuire equamente tutti questi prodotti entro i confini nazionali. L'ACT-Accelerator mira a stabilire test e trattamenti per centinaia di milioni di persone nei paesi a basso e medio reddito che altrimenti perderebbero. Ma sono ancora necessari 22,1 miliardi di dollari per fornire questi strumenti vitali laddove sono così disperatamente necessari.
 
Investire nell'assistenza sanitaria di base
Almeno metà della popolazione mondiale non ha ancora accesso ai servizi sanitari essenziali; più di 800 milioni di persone spendono almeno il 10% del reddito familiare in assistenza sanitaria e le spese vive portano quasi 100 milioni di persone in povertà ogni anno.
 
Man mano che i paesi progrediscono dopo il COVID-19, sarà fondamentale evitare tagli alla spesa pubblica per la salute e altri settori sociali. È probabile che tali tagli aumentino le difficoltà tra i gruppi già svantaggiati, indeboliscano le prestazioni del sistema sanitario, aumentino i rischi per la salute, aumentino la pressione fiscale in futuro e minino i guadagni di sviluppo.
 
Invece, i governi dovrebbero soddisfare l'obiettivo raccomandato dall'OMS di spendere un ulteriore 1% del PIL per l'assistenza sanitaria di base (PHC). Le prove rivelano che i sistemi sanitari orientati alla PHC hanno costantemente prodotto migliori risultati di salute, maggiore equità e maggiore efficienza. Aumentare gli interventi di PHC nei paesi a basso e medio reddito potrebbe salvare 60 milioni di vite e aumentare l'aspettativa di vita media di 3,7 anni entro il 2030.
 
I governi devono anche ridurre il deficit globale di 18 milioni di operatori sanitari necessari per raggiungere la copertura sanitaria universale (UHC) entro il 2030. Ciò include la creazione di almeno 10 milioni di posti di lavoro a tempo pieno aggiuntivi a livello globale e il rafforzamento degli sforzi per l'uguaglianza di genere. Le donne forniscono la maggior parte dell'assistenza sanitaria e sociale nel mondo, rappresentando fino al 70% di tutti gli operatori sanitari e assistenziali, ma vengono negate loro pari opportunità per guidarla. Le soluzioni chiave includono la parità di retribuzione per ridurre il divario retributivo di genere e il riconoscimento del lavoro sanitario non retribuito da parte delle donne.
 
Dare priorità alla salute e alla protezione sociale
In molti paesi, gli impatti socioeconomici del COVID-19, attraverso la perdita di posti di lavoro, l'aumento della povertà, le interruzioni dell'istruzione e le minacce alla nutrizione, hanno superato l'impatto sulla salute pubblica del virus.
 
Alcuni paesi hanno già messo in atto programmi di protezione sociale ampliati per mitigare questi impatti negativi di un disagio sociale più ampio e hanno avviato un dialogo su come continuare a fornire sostegno alle comunità e alle persone in futuro. Ma molti devono affrontare delle difficoltà nel trovare le risorse per un'azione concreta. Sarà fondamentale garantire che questi preziosi investimenti abbiano il maggiore impatto su coloro che ne hanno più bisogno e che le comunità svantaggiate siano impegnate nella pianificazione e nell'attuazione dei programmi.
 
Costruire quartieri sicuri, sani e inclusivi
I leader delle città sono stati spesso potenti campioni per il miglioramento della salute, ad esempio migliorando i sistemi di trasporto e le strutture idriche e igieniche. Ma troppo spesso, la mancanza di servizi sociali di base per alcune comunità le intrappola in una spirale di malattia e insicurezza. L'accesso a alloggi sani, in quartieri sicuri, con adeguate strutture educative e ricreative, è la chiave per raggiungere la salute per tutti.
 
Nel frattempo, l'80% della popolazione mondiale che vive in condizioni di estrema povertà vive nelle aree rurali. Oggi, 8 persone su 10 che non dispongono di servizi di base per l'acqua potabile vivono in aree rurali, così come 7 persone su 10 che non dispongono di servizi igienici di base. Sarà importante intensificare gli sforzi per raggiungere le comunità rurali con servizi sanitari e altri servizi sociali di base (inclusi acqua e servizi igienico-sanitari). Queste comunità necessitano inoltre urgentemente di maggiori investimenti economici in mezzi di sussistenza sostenibili e un migliore accesso alle tecnologie digitali.
 
Rafforzare i dati e i sistemi di informazione sanitaria
Aumentare la disponibilità di dati tempestivi e di alta qualità disaggregati per sesso, ricchezza, istruzione, etnia, razza, genere e luogo di residenza è la chiave per capire dove esistono le disuguaglianze e affrontarle. Il monitoraggio della disuguaglianza sanitaria dovrebbe essere parte integrante di tutti i sistemi informativi sanitari nazionali.
 
Una recente valutazione globale dell'OMS mostra che solo il 51% dei paesi ha incluso la disaggregazione dei dati nei rapporti sulle statistiche sanitarie nazionali pubblicati. Lo stato di salute di questi diversi gruppi è spesso mascherato quando vengono utilizzate le medie nazionali. Inoltre, sono spesso coloro che vengono resi vulnerabili, poveri o discriminati, quelli che hanno maggiori probabilità di essere completamente assenti dai dati.
 
"Ora è il momento di investire nella salute come motore di sviluppo", ha affermato il dott. Tedros. “Non abbiamo bisogno di scegliere tra migliorare la salute pubblica, costruire società sostenibili, garantire la sicurezza alimentare e un'alimentazione adeguata, affrontare il cambiamento climatico e avere economie locali fiorenti. Tutti questi risultati vitali vanno di pari passo".
07 aprile 2021
Ultimi articoli in Studi e Analisi
iPiùLetti [ultimi 7 giorni]
IlFarmacistaOnline.it
Quotidiano della Federazione degli Ordini dei Farmacisti Italiani: www.fofi.it
Direttore responsabile
Andrea Mandelli
Editore
Edizioni Health Communication srl
contatti
P.I. 08842011002
Riproduzione riservata.
Copyright 2010 © Health Communication Srl. Tutti i diritti sono riservati | P.I. 08842011002 | iscritta al ROC n. 14025 | Per la Uffici Commerciali Health Communication Srl
94336