Quotidiano della Federazione Ordini Farmacisti Italiani
Lunedì 16 SETTEMBRE 2019
Studi e Analisi
ATTENZIONE: Mancano soltanto 106 giorni alla fine del
triennio ECM 2017-2019. Clicca qui per saperne di pił...
Segui ilFarmacistaOnline
Studi e Analisi
Epilessia: basterebbero 5 dollari l’anno per curare il 70% dei malati. Più colpiti i paesi a basso-medio reddito. Nuovo rapporto Oms
Questo il costo della terapia giornaliera per evitare le crisi a 7 pazienti su dieci che soffrono della malattia in tutto il mondo. I risultati di un nuovo studio sono pubblicati su "Epilessia, un imperativo di salute pubblica", rapporto pubblicato dall'Oms il 20 giugno, realizzato da leader di organizzazioni non governative per l'epilessia, la Lega internazionale contro l'epilessia e l'Ufficio internazionale per l'epilessia. EPILESSIA UN IMPERATIVO PER LA SALUTE PUBBLICA
24 GIU - Nuovo rapporto Oms sull'epilessia: tre quarti delle persone che vivono con l'epilessia nei paesi a basso reddito non ricevono il trattamento di cui hanno bisogno, aumentando il rischio di morire prematuramente e condannando molti a una vita di stigma. Ma esistono terapie efficiaci che costano 5 dollari l'anno e il 70% dei 50 milioni di malati al mondo potrebbero vivere senza crisi con diagnosi e trattamenti corretti. 

Questi risultati sono pubblicati su "Epilessia, un imperativo di salute pubblica" nuovo rapporto pubblicato dall'Oms il 20 giugno, realizzato da leader di organizzazioni non governative per l'epilessia, la Lega internazionale contro l'epilessia e l'Ufficio internazionale per l'epilessia.

Le convulsioni possono essere controllate. Fino al 70% delle persone che convivono con l'epilessia potrebbe essere libero da crisi con l'uso appropriato di farmaci antiretrovirali. È disponibile un trattamento a basso costo, con farmaci giornalieri che costano appena 5 dollari l'anno. L'interruzione della terapia può essere presa in considerazione dopo 2 anni senza convulsioni e deve tenere conto dei fattori clinici, sociali e personali rilevanti. 

L'epilessia è una malattia cronica non trasmissibile del cervello che colpisce persone di tutte le età.

Circa 50 milioni di persone in tutto il mondo hanno l'epilessia, rendendola una delle malattie neurologiche più comuni a livello globale e quasi l'80% delle persone con epilessia vive in paesi a basso e medio reddito.

Si stima che fino al 70% delle persone che vivono con l'epilessia potrebbe vivere senza crisi se diagnosticato e trattato correttamente.
Il rischio di morte prematura nelle persone con epilessia è fino a tre volte superiore rispetto alla popolazione generale, ma tre quarti delle persone con epilessia che vivono in paesi a basso reddito non ricevono il trattamento di cui hanno bisogno.

In molte parti del mondo, le persone con epilessia e le loro famiglie soffrono di stigmatizzazione e discriminazione.

L'epilessia rappresenta lo 0,5% del carico globale di malattia, una misura basata sul tempo che combina anni di vita persi a causa della mortalità prematura e del tempo trascorso in condizioni di salute non ottimali. L'epilessia ha implicazioni economiche significative in termini di bisogni di assistenza sanitaria, morte prematura e perdita di produttività lavorativa.

L'impatto economico dell'epilessia varia significativamente a seconda della durata e della gravità della condizione, della risposta al trattamento e dell'assetto sanitario. I costi sostenuti e le perdite di produttività creano notevoli oneri per le famiglie. 

Le ragioni della mortalità prematura nei paesi a basso e medio reddito sono probabilmente associate alla mancanza di accesso alle strutture sanitarie quando le convulsioni sono di lunga durata o si verificano vicine tra loro senza recupero intermedio e cause prevenibili come annegamento, ferite alla testa e ustioni.

Circa la metà degli adulti con epilessia ha almeno un'altra condizione patologica di salute. Le più comuni sono la depressione e l'ansia: il 23% degli adulti affetti da epilessia sarà anche depresso durante la sua vita e il 20% avrà ansia. Condizioni di salute mentale come queste possono peggiorare le convulsioni e ridurre la qualità della vita. Le difficoltà di sviluppo e di apprendimento sono riscontrate nel 30-40% dei bambini con epilessia.

Anche se gli effetti sociali variano da paese a paese, lo stigma e la discriminazione che circondano l'epilessia in tutto il mondo sono spesso più difficili da superare rispetto alle crisi stesse. Le persone che vivono con l'epilessia possono essere bersagli del pregiudizio. Lo stigma della malattia può scoraggiare le persone dal cercare un trattamento per i sintomi, in modo da evitare di identificarsi con la malattia.

"Lo stigma associato all'epilessia è uno dei principali fattori che impediscono alle persone di cercare un trattamento", ha dichiarato Martin Brodie, presidente dell'International Bureau for Epilepsy. "Molti bambini con epilessia non vanno a scuola e agli adulti viene negato il lavoro, il diritto di guidare e persino di sposarsi. Queste violazioni dei diritti umani vissute da persone con epilessia devono finire".

Campagne di informazione pubblica nelle scuole, nei luoghi di lavoro e nella più ampia comunità per contribuire a ridurre la stigmatizzazionee l'introduzione di una legislazione per prevenire la discriminazione e le violazioni dei diritti umani sono anche elementi importanti della risposta alla salute pubblica.

Il rapporto mostra anche che quando esiste la volontà politica, la diagnosi e il trattamento dell'epilessia possono essere integrati con successo nei servizi sanitari primari. I programmi pilota introdotti in Ghana, Mozambico, Myanmar e Vietnam come parte del programma "Ridurre il deficit di trattamento dell'epilessia" dell'Oms hanno portato a un notevole aumento dell'accesso, in modo che 6,5 milioni di persone abbiano accesso al trattamento per l'epilessia qualora ne avessero bisogno.

"Sappiamo come ridurre il divario di trattamento dell'epilessia. Ora è necessario accelerare l'azione per introdurre le misure necessarie per fare la differenza ", ha affermato Samuel Wiebe, presidente della Lega internazionale contro l'epilessia. "Garantire una fornitura ininterrotta di accesso ai farmaci antiretrovirali è una delle massime priorità, così come la formazione di operatori sanitari non specializzati che lavorano nei centri di assistenza sanitaria di base".

Le cause dell'epilessia includono lesioni intorno al momento della nascita, trauma cranico, infezioni del cervello (come meningite o encefalite) e ictus. Si stima che il 25% dei casi possa essere prevenuto.

Interventi efficaci per la prevenzione dell'epilessia possono essere erogati come parte di più ampie risposte di salute pubblica nell'assistenza sanitaria materna e neonatale, nel controllo delle malattie trasmissibili, nella prevenzione degli infortuni e nella salute cardiovascolare. 

Lo screening per le complicazioni della gravidanza e la presenza di assistenti al parto addestrati può aiutare a prevenire gli infortuni durante il parto; immunizzazione contro la polmonite e la meningite; programmi di controllo della malaria nelle aree endemiche; iniziative per ridurre gli incidenti stradali, le violenze e le cadute; e gli interventi sanitari e comunitari per prevenire l'ipertensione, il diabete, l'obesità e il consumo di tabacco possono tutti contribuire a ridurre i tassi di epilessia.

La salute del cervello è un'area di lavoro prioritaria per l'Oms per il grande carico di morte e disabilità causato da disturbi neurologici. Al centro del lavoro c'è il programma d'azione Mental Health Gap (mhGAP). Attraverso il programma mhGAP, i non specialisti sono formati per fornire supporto di prima linea per disturbi mentali, neurologici e di uso di sostanze. L'Oms fornisce sostegno agli Stati membri per aiutarli a integrare la salute del cervello nelle politiche e nei piani pertinenti e a migliorare la gestione dei disturbi neurologici attraverso modelli di assistenza integrati nel sistema sanitario primario.

Gli episodi di convulsioni sono il risultato di eccessive scariche elettriche in un gruppo di cellule cerebrali. Diverse parti del cervello possono essere il sito di tali scariche. Le convulsioni possono variare da brevi interruzioni di attenzione o cretini muscolari a convulsioni gravi e prolungate. Le convulsioni possono anche variare in frequenza, da meno di 1 all'anno a più al giorno.
 
VIDEO  WHO: EPILESSIA, TRATTA, SCONFIGGI

 

 
 

 
24 giugno 2019
Ultimi articoli in Studi e Analisi
IlFarmacistaOnline.it
Quotidiano della Federazione degli Ordini dei Farmacisti Italiani: www.fofi.it
Direttore responsabile
Andrea Mandelli
Direttore editoriale
Cesare Fassari
Editore
Edizioni Health Communication srl
contatti
P.I. 08842011002
Riproduzione riservata.
Copyright 2010 © Health Communication Srl. Tutti i diritti sono riservati | P.I. 08842011002 | iscritta al ROC n. 14025 | Per la Uffici Commerciali Health Communication Srl
75172