Quotidiano della Federazione Ordini Farmacisti Italiani
Venerdì 18 OTTOBRE 2019
Studi e Analisi
ATTENZIONE: Mancano soltanto 74 giorni alla fine del
triennio ECM 2017-2019. Clicca qui per saperne di pił...
Segui ilFarmacistaOnline
Studi e Analisi
Giornata mondiale TBC. Ogni giorno 4.400 morti nel mondo. La malattia resta uno dei grandi killer dell’umanità. In Italia 4.000 casi
La tubercolosi è una delle prime 10 cause di morte in tutto il mondo. Nel 2017, 10 milioni di persone si sono ammalate e 1,6 milioni sono morte a causa di questa malattia (tra cui 0,3 milioni di persone con HIV). Nel 2017, circa 1 milione di bambini si è ammalato di tubercolosi e 230.000 di questi sono morti. IL REPORT ECDC/OMS EUROPA SULLA TUBERCOLOSI.
20 MAR - Il 24 marzo 1882 Robert Koch annunciò di aver scoperto il batterio che causa la tubercolosi, aprendo la strada alla diagnosi e alla cura di questa malattia.
 
E il 24 marzo di ciascun anno in occasione della Giornata mondiale della tubercolosi l’Oms scende in campo per sensibilizzare l'opinione pubblica sulle devastanti conseguenze sanitarie, sociali ed economiche della malattia e per intensificare gli sforzi per porre fine all'epidemia globale.
 
La tubercolosi è una delle prime 10 cause di morte in tutto il mondo. Nel 2017, 10 milioni di persone si sono ammalate  e 1,6 milioni sono morte a causa di questa malattia (tra cui 0,3 milioni di persone con HIV).
 
Nel 2017, circa 1 milione di bambini si è ammalato di tubercolosi e 230.000 di questi sono morti.
 
La TBC multiresistente (MDR-TB) resta una minaccia per la sicurezza sanitaria. L'OMS stima che ci siano stati 558.000 nuovi casi con resistenza alla rifampicina - il farmaco di prima linea più efficace - di cui l'82% presentava MDR-TB.
 
A livello globale, l'incidenza della tubercolosi è in calo del 2% circa all'anno. Ma non basta: se non ci sarà una svolta con questi ritmi ci vorranno 130 anni per eradicare la malattia.
 
Gli sforzi globali per combattere la tubercolosi hanno comunque salvato circa 54 milioni di vite umane tra il 2000 e il 2017 e hanno ridotto il tasso di mortalità della tubercolosi del 42 per cento.
 
Il tema della Giornata mondiale della tubercolosi 2019 - "È ora" - pone l'accento sull'urgenza di agire sugli impegni assunti dai leader globali per:
 
- accrescere l'accesso alla prevenzione e al trattamento;
 
- costruire responsabilità;
 
- assicurare finanziamenti sufficienti e sostenibili anche per la ricerca;
 
- promuovere la fine dello stigma e della discriminazione;
 
- promuovere una risposta alla TB equa, basata sui diritti e incentrata sulle persone.
 
L'Oms ha lanciato un'iniziativa congiunta "Trovare. Trattare. Tutti. #EndTB " con il Global Fund e Stop TB Partnership, con l'obiettivo di accelerare la risposta alla tubercolosi e assicurare l'accesso alle cure, in linea con la spinta generale dell'Oms verso la copertura sanitaria universale e chiede ai governi, alle comunità colpite, alle organizzazioni della società civile, ai fornitori di assistenza sanitaria e ai partner nazionali / internazionali di unire le forze per garantire che nessuno resti indietro.

Dal punto di vista degli investimenti, per colmare il divario di risorse per l'attuazione degli attuali interventi TB sarebbero necessari 2,3 miliardi di dollari l’anno, eppure attualmente azioni e investimenti concreti sul campo per raggiungere questi obiettivi e adempiere a questi impegni sono molto scarsi.
 
La situazione in Europa. Oms Europa ed ECDC (Centro europeo per la prevenzione e il controllo delle malattie) sottolineano nel loro report che ogni ora a 30 persone viene diagnosticata la tubercolosi nella Regione Europea. 
 
Limitandosi ai 31 Paesi della UE/SEE, nel 2017 sono stati segnalati 55.337 casi di tubercolosi con un tasso di notifica di 10,7 ogni 100 000 abitanti nell'UE / SEE. Il tasso di notifica globale e il tasso nella maggior parte dei paesi sono diminuiti negli ultimi cinque anni.
 
In Italia (vedi scheda) i casi segnalati sono stati 3.944.

Di tutti i casi notificati di tubercolosi, 39.903 (72,1%) sono stati diagnosticati di recente e 37.700 (68,1%) sono stati confermati da test di amplificazione con coltura.

Complessivamente, i gruppi di età adulta hanno registrato un tasso di notifica della tubercolosi maggiore e di recidiva maggiore rispetto ai bambini sotto i 15 anni.

I bambini sotto i 15 anni hanno rappresentato il 4,4% di tutti i casi di tubercolosi nuova e di recidiva, corrispondenti a un tasso di notifica di 2,9 per 100.000 abitanti.

I tassi più alti tra gli 0-4 anni sono stati rilevati in Bulgaria e Romania. Per ogni caso femminile di nuova tubercolosi di recidiva nell'UE / EEA, sono stati segnalati quasi due casi maschili nuovi e recidivanti.
 
Il 33% di tutti i casi di tubercolosi segnalati nell'UE / SEE erano di origine straniera.
La MDR-TB è stata segnalata in 1.041 (3,8%) di 27.339 casi e continua ad essere più elevata (più del 10%) nei tre Stati baltici. XDR-TB è stato segnalato nel 24,3% di 770 casi di MDR-TB testati per la suscettibilità ai farmaci di seconda generazione.

Di tutti i casi riferiti di tubercolosi anche con HIV, il 3,9% è stato coinfettato con il virus.

La tubercolosi nelle carceri rimane scarsamente segnalata. Per i 15 paesi dell'UE/SEE che hanno comunicato dati, il tasso di notifica è stato pari a 155 nuovi casi di recidiva di tubercolosi per 100.000 detenuti, ovvero un rischio relativo di 11,4 rispetto alla popolazione generale negli stessi paesi.
Di tutti i 54 casi di 612 tubercolosi notificati nel 2016 con un risultato del trattamento segnalato nel 2017, il 70,7% è stato trattato con successo e il 7,3% è deceduto.

Dei 1.217 casi di MDR-TB notificati nel 2015 con un risultato del trattamento segnalato nel 2017, il 44,8% è stato trattato con successo e il 16,2% è deceduto.

Il rapporto sulla sorveglianza e il monitoraggio della tubercolosi in Europa 2019 (dati 2017) mostra che, nonostante una diminuzione generale del numero di persone affette da tubercolosi, la malattia rimane una delle principali sfide di sanità pubblica anche nella regione Europea dell’Oms.

 
 
20 marzo 2019
Ultimi articoli in Studi e Analisi
IlFarmacistaOnline.it
Quotidiano della Federazione degli Ordini dei Farmacisti Italiani: www.fofi.it
Direttore responsabile
Andrea Mandelli
Direttore editoriale
Cesare Fassari
Editore
Edizioni Health Communication srl
contatti
P.I. 08842011002
Riproduzione riservata.
Copyright 2010 © Health Communication Srl. Tutti i diritti sono riservati | P.I. 08842011002 | iscritta al ROC n. 14025 | Per la Uffici Commerciali Health Communication Srl
72132