Quotidiano della Federazione Ordini Farmacisti Italiani
Venerdì 20 SETTEMBRE 2019
Studi e Analisi
ATTENZIONE: Mancano soltanto 102 giorni alla fine del
triennio ECM 2017-2019. Clicca qui per saperne di pił...
Segui ilFarmacistaOnline
Studi e Analisi
Salute sul lavoro: servono cambiamenti fondamentali per evitare 1,2 milioni di morti l’anno. La strategia OIL e Oms
La salute sui luoghi di lavoro richiede cambiamenti fondamentali nel modo di lavorare nella globalizzazione attuale caratterizzata da un rapido sviluppo tecnologico, transizione demografica e cambiamenti climatici. Secondo uno studio Oms del 2018 posti di lavoro più sani e sicuri possono prevenire almeno 1,2 milioni di morti ogni anno. Si stima che il 2,1% di tutti i decessi e il 2,7% del carico di malattia a livello mondiale possa essere attribuito a rischi occupazionali quantificati. RAPPORTO OIL "LAVORO PER UN FUTURO PIÙ LUMINOSO" - RAPPORTO OMS "PREVENIRE LE MALATTIE ATTRAVERSO UN LUOGO DI LAVORO PIÙ SANO E PIÙ SICURO" - PROGRAMMA QUINQUENNALE OMS, OIL, OCSE 'LAVORARE PER LA SALUTE'.
23 GEN - La Commissione globale dell'OIL (Organizzazione internazionale del lavoro), nel suo ultimo rapporto ‘Lavoro per un futuro più luminoso’ richiede cambiamenti fondamentali nel modo di lavorare nella globalizzazione attuale caratterizzata da un rapido sviluppo tecnologico, transizione demografica e cambiamenti climatici.

Il rapporto esamina come raggiungere un futuro migliore del lavoro per tutti in un momento di cambiamenti senza precedenti e sfide eccezionali nel mondo del lavoro.

Dare maggiore importanza alla salute nell'agenda del lavoro
Questi cambiamenti richiedono di collocare la salute a un livello più alto nell'agenda del mondo del lavoro. Ognuno ha il diritto alla salute, definito dall'Oms come uno stato di completo benessere fisico e mentale e non solo l'assenza di malattia e infermità. I lavoratori hanno anche il diritto alla salute e all'assistenza sanitaria il più vicino possibile a dove vivono e lavorano.

Secondo uno studio Oms del 2018 posti di lavoro più sani e sicuri possono prevenire almeno 1,2 milioni di morti ogni anno.
"Molte più morti e disabilità possono essere prevenute affrontando le principali minacce per la salute sul posto di lavoro, come stress, lunghi orari di lavoro e turni, lavoro sedentario, malattie sensibili al clima e inquinamento atmosferico sul posto di lavoro", ha detto Maria Neira, direttore dell'Oms per la sanità pubblica, determinanti ambientali e sociali della salute. "Il posto di lavoro è un ambiente chiave per l'azione in molte iniziative dell'Oms su ambiente e cambiamenti climatici, malattie non trasmissibili, salute mentale, tubercolosi, HIV e altre malattie trasmissibili".

"Condividiamo l'interesse della Commissione Globale sui possibili effetti sulla salute mentale delle nuove tecnologie e dell'organizzazione del lavoro nell'economia digitale e siamo ansiosi di collaborare con l'OIL per sviluppare raccomandazioni per migliorare la salute mentale sul luogo di lavoro", ha affermato Dévora Kestel, Direttore Oms per la salute mentale e l'abuso di sostanze.
Il rapporto "Prevenire le malattie attraverso un luogo di lavoro più sano e più sicuro" fornisce informazioni sugli impatti sulla salute che potrebbero essere evitati attraverso luoghi di lavoro più sani e sicuri. Si stima che il 2,1% di tutti i decessi e il 2,7% del carico di malattia a livello mondiale possa essere attribuito a rischi occupazionali quantificati. 
 
Le malattie non trasmissibili contribuiscono per il 70% al carico totale di malattia dai rischi professionali, con malattie polmonari croniche e cancro che causano il più alto numero di morti legate al lavoro, unite da dolore alla schiena e al collo. I lavoratori nei paesi a basso e medio reddito detengono la quota maggiore di decessi e invalidità dalle esposizioni sul posto di lavoro.  
La relazione identifica chiaramente anche le strategie di prevenzione disponibili per evitare una percentuale significativa di decessi correlati al lavoro e del carico di malattia. L'implementazione di queste strategie è importante negli sforzi per raggiungere gli obiettivi di sviluppo sostenibile. Un'azione mirata verso luoghi di lavoro più sani e più sicuri contribuirà secondo l'Oms a migliorare e proteggere la vita di milioni di persone in tutto il mondo.   Copertura sanitaria per un miliardo di lavoratori in più
L'Oms accoglie con favore la raccomandazione della Commissione globale di istituire una garanzia universale del lavoro che includa una serie di condizioni lavorative di base, come un salario di sussistenza adeguato, limiti alle ore di lavoro e luoghi di lavoro sicuri e salubri. Un'occupazione equa e condizioni di lavoro dignitose sono determinanti per la salute.

L'Oms sta lavorando con i paesi per estendere la copertura sanitaria universale a 1 miliardo di persone in più, e gli interventi e i servizi di base per luoghi di lavoro più sicuri e salubri per i lavoratori in tutte le forme di occupazione, inclusi i lavoratori migranti e le piattaforme digitali.
 
È sul posto di lavoro dove la copertura sanitaria universale e la garanzia universale del lavoro possono fare una differenza visibile nella vita quotidiana dei lavoratori e delle loro strutture. L'Oms è impegnato a lavorare con l'OIL per far sì che ciò accada.

Nel 2018, Oms e OIL hanno istituito una coalizione globale sulla sicurezza e la salute sul lavoro come iniziativa multipartner di agenzie internazionali e nazionali per creare soluzioni comuni per le sfide per la salute e la sicurezza sul lavoro e per stimolare azioni congiunte da parte della salute e del lavoro nei paesi.

L'Oms apprezza inoltre l'attenzione data dalla Commissione globale all'economia assistenziale di cui l'assistenza sanitaria costituisce una parte importante.

L’Oms sta lavorando con OIL e OCSE per l'attuazione del programma quinquennale 'Lavorare per la Salute' piano d'azione globale per creare nuove opportunità di lavoro nel settore sanitario, garantendo così la forza lavoro necessaria per la copertura sanitaria universale e stimolare la crescita economica.

"Un lavoro dignitoso nel settore sanitario richiede luoghi di lavoro salubri e sicuri in tutte le strutture sanitarie per tutti gli operatori sanitari, ovunque: dagli ospedali alle cure primarie, nelle città, villaggi e ambienti fragili e in qualsiasi momento - nel lavoro quotidiano e nelle emergenze sanitarie pubbliche ", ha affermato Jim Campbell, direttore del Dipartimento per la salute del personale dell'Oms.

Il Rapporto OIL
Il rapporto dell’Oil propone un programma centrato sull'uomo per il futuro del lavoro, rafforza il contratto sociale mettendo le persone e il loro lavoro al centro della politica economica e sociale e delle pratiche commerciali.

Il programma consiste in tre pilastri di azione, che in combinazione guideranno la crescita, l'equità e la sostenibilità per il presente e il futuro.

1. Aumentare gli investimenti nelle capacità delle persone
Questo si raggiunge consentendo loro di prosperare in un'era digitale a emissioni zero, L’approccio va oltre il capitale umano verso le dimensioni più ampie dello sviluppo e del progresso degli standard di vita, inclusi i diritti e un ambiente favorevole che amplia le opportunità e migliora le persone il loro benessere.

Tra le altre indicazioni c’è quella di fornire protezione sociale universale dalla nascita alla vecchiaia. Il futuro del lavoro richiede un sistema di protezione sociale forte e reattivo basato sui principi di solidarietà e condivisione del rischio, che sostiene i bisogni delle persone durante il ciclo di vita. Questo richiede secondo l’OIL un piano di protezione sociale che offre un livello base di protezione a tutti i bisognosi, integrato da regimi contributivi di assicurazione sociale che offrono livelli più elevati di protezione.

2. Aumentare gli investimenti nelle istituzioni di lavoro
Le raccomandazioni cercano di rafforzare e rivitalizzare le istituzioni di lavoro. E’ necessario passare da regolamenti e contratti di lavoro ad accordi collettivi e sistemi di ispezione del lavoro, elementi costitutivi della società che vanno verso la riduzione della povertà lavorativa e garantiscono un futuro di lavoro con dignità, sicurezza economica ed uguaglianza.

In questo senso, tra le altre iniziative, si deve sfruttare e gestire la tecnologia per un lavoro dignitoso. Significa adottare un approccio "human-in-command" all'intelligenza artificiale per garantire che le decisioni finali che influenzano il lavoro siano prese da esseri umani. In un sistema di governance internazionale per il lavoro digitale le piattaforme dovrebbero essere stabilite per rispettare determinati diritti minimi e protezioni. I progressi tecnologici richiedono anche una regolamentazione dell'uso dei dati e della responsabilità algoritmica nel mondo del lavoro.

3. Aumentare gli investimenti per un lavoro dignitoso e sostenibile
Si raccomandano investimenti in linea con l’Agenda 2030 per lo sviluppo sostenibile con il rimodellamento delle strutture di incentivazione aziendale per investimenti a più lungo termine, esplorando gli indicatori supplementari di sviluppo e benessere. Queste azioni possono includere politiche fiscali eque, standard contabili rivisti, stakeholder rafforzati rappresentazione e cambiamenti nelle pratiche di segnalazione.

Nuove misure devono essere sviluppate per tenere conto delle dimensioni distributive della crescita, del valore del lavoro non retribuito svolto al servizio delle famiglie e delle comunità e le esternalità di attività economiche, come il degrado ambientale.

L’Oil, infine,  raccomanda che tutte le istituzioni rafforzino il loro lavoro comune su questi punti. In particolare con l’istituzione di più rapporti di lavoro sistemici e sostanziali tra la World Trade Organization (WTO), la Bretton Woods e l'OIL.

“Ci sono collegamenti forti, complessi e cruciali – afferma il Rapporto - tra politiche commerciali, finanziarie, economiche e sociali. Il successo del programma di crescita e sviluppo incentrato sull'uomo che proponiamo dipende fortemente dalla coerenza tra queste politiche”.
23 gennaio 2019
Ultimi articoli in Studi e Analisi
IlFarmacistaOnline.it
Quotidiano della Federazione degli Ordini dei Farmacisti Italiani: www.fofi.it
Direttore responsabile
Andrea Mandelli
Direttore editoriale
Cesare Fassari
Editore
Edizioni Health Communication srl
contatti
P.I. 08842011002
Riproduzione riservata.
Copyright 2010 © Health Communication Srl. Tutti i diritti sono riservati | P.I. 08842011002 | iscritta al ROC n. 14025 | Per la Uffici Commerciali Health Communication Srl
70181