Quotidiano della Federazione Ordini Farmacisti Italiani
Venerdì 19 LUGLIO 2019
Studi e Analisi
Segui ilFarmacistaOnline
Studi e Analisi
La salute dei migranti. Dopo la ratifica del Global Compact l’Oms in campo con 5 guide dedicate a bambini, donne, anziani, adulti e salute mentale. Dal 2015 al 2017 un milione di bambini migranti di cui 200mila soli
Nella Giormata internazionale dei migranti (che si è celebrata ieri) e a una settimana dalla firma del Global Compact l'Oms ha lanciato cinque pubblicazioni prodotte in collaborazione con la Commissione europea. Ciascuna pubblicazione affronta uno specifico aspetto della salute dei rifugiati e dei migranti fornendo strumenti, casi di studio e prove per informare pratiche e politiche per migliorare la loro salute. 
19 DIC - L'Oms ha caratterizzato la Giornata internazionale dei migranti - il ​​18 dicembre 2018 - con il lancio di una serie di orientamenti tecnici sulla salute dei rifugiati e dei migranti. 

Prodotte in collaborazione con la Commissione europea, ciascuna pubblicazione affronta uno specifico aspetto della salute dei rifugiati e dei migranti fornendo strumenti, casi di studio e prove per informare pratiche e politiche per migliorare la loro salute.

Sono attualmente disponibili cinque pubblicazioni, ognuna con un focus particolare su:

salute dei bambini;

la promozione della salute dei migranti in generale;

invecchiamento sano;

salute materna e neonatale

salute mentale.

Questa serie di orientamenti tecnici completa il prossimo "Rapporto sulla salute dei rifugiati e dei migranti nella regione europea dell'Oms", che sarà pubblicato online nel primo trimestre del 2019.
 
Salute dei bambini rifugiati e migranti

Tra il 2015 e il 2017, quasi un milione di bambini richiedenti asilo si sono registrati nell'Unione europea e 200.000 di questi sono arrivati ​​non accompagnati da un caregiver. 

Questi bambini hanno affrontato rischi particolari, tra cui l'essere esposti a discriminazione, emarginazione, istituzionalizzazione ed esclusione. 

Le considerazioni politiche includono un approccio intersettoriale per promuovere la buona salute e il benessere, in particolare la salute mentale, nei bambini migranti che prendono di mira fattori di rischio a livello individuale, familiare e comunitario.

Quando si considerano gli interventi sanitari e di assistenza sanitaria per i bambini migranti, le aree che richiedono un'attenzione specifica includono i loro diversi background, indipendentemente dal fatto che siano non accompagnati e separati dalla famiglia, siano stati vittime di tratta e se siano stati lasciati indietro.

Questa guida tecnica sottolinea il ruolo importante dei governi nazionali / locali nel favorire o ostacolare condizioni di vita eque per i bambini rifugiati e migranti nei settori dell'edilizia abitativa, dei servizi sanitari e dell'istruzione.
 
Promozione della salute per migliorare la salute dei rifugiati e dei migranti

Come per tutte le persone, i rifugiati e i migranti hanno il diritto fondamentale di godere dello standard di salute più alto raggiungibile. Affrontare l'impatto della migrazione e dello sfollamento sul benessere fisico e mentale di ciascuna persona e sostenere le diverse e uniche esigenze dei rifugiati e dei migranti è quindi una priorità. È anche una buona pratica di sanità pubblica che avvantaggia tutta la società, poiché i sani rifugiati e migranti diventano membri validi e produttivi delle loro comunità.

Questa guida tecnica delinea le migliori pratiche, prove e conoscenze attuali per informare lo sviluppo di politiche e programmi nel campo della promozione della salute per rifugiati e migranti nella Regione Europea dell'Oms. Evidenzia i principi chiave, riassume le azioni e le sfide prioritarie, mette a disposizione le risorse e gli strumenti disponibili e fornisce considerazioni politiche e raccomandazioni pratiche per migliorare le attività di promozione della salute.
 
Salute dei profughi e dei migranti più anziani

Sia l'invecchiamento che la migrazione sono di per sé complessi processi multidimensionali plasmati da una serie di fattori a livello micro, meso e macro lungo il corso della vita dell'individuo, ma hanno anche traiettorie intrecciate. La migrazione aggiunge un ulteriore livello di complessità alla già grande diversità in salute e benessere nelle popolazioni più anziane in generale.

L'invecchiamento della popolazione causato da tassi di natalità costantemente bassi e una maggiore aspettativa di vita è una tendenza attuale importante in tutta Europa. Questa guida tecnica mira a informare lo sviluppo di politiche e pratiche relative al miglioramento della salute dei profughi e dei migranti più anziani.

Sia l'invecchiamento che la migrazione sono di per sé processi complessi e multidimensionali plasmati da una serie di fattori nel corso della vita dell'individuo. Rispondere ai bisogni dei profughi e dei migranti più anziani, quindi, deve essere integrato in tutte le dimensioni delle politiche e delle pratiche legate all'invecchiamento.
 
Migliorare l'assistenza sanitaria delle donne incinte rifugiate e migranti e dei neonati

Sia la proporzione di donne tra rifugiati e migranti che il loro numero assoluto sono aumentati dal 2000, con le donne che ora costituiscono più della metà della popolazione di rifugiati e migranti (47.3 milioni). 
 
Le donne sono anche sovrarappresentate in gruppi ad alto rischio, come quelli che hanno subito violenza o traffico. Ciò ha comportato un aumento della pressione non solo sui sistemi sanitari in generale, ma anche specificamente sui servizi di salute riproduttiva. Anche le nascite di rifugiati e migranti sono distribuite in modo disuguale geograficamente, ponendo particolari sfide per l'assistenza sanitaria nelle aree ad alta concentrazione.
Essere un migrante può essere considerato un fattore di rischio per i peggiori esiti di salute materna e neonatale. Questa guida tecnica identifica i problemi e i punti di ingresso per gli interventi per la salute materna e neonatale tra rifugiati e migranti nella regione.

Delinea le considerazioni politiche per 4 aree principali che riguardano la salute materna e neonatale dei rifugiati e dei migranti:

stato di salute individuale;

accessibilità delle cure sanitarie;

qualità dell'assistenza

- politica sanitaria e sistemi di finanziamento.

Promozione della salute mentale e assistenza alla salute mentale in rifugiati e migranti

Per tutti i rifugiati e i migranti, il processo di migrazione può essere complesso e stressante poiché comporta l'uscita dal paese di origine e l'adattamento a un ambiente, una cultura e una situazione di vita diversi. Inoltre, rifugiati e migranti possono essere esposti a eventi stressanti prima della partenza, durante il transito e dopo l'arrivo, e possono faticare a integrarsi pienamente nel contesto sociale dei paesi ospitanti. Tutto ciò può portare a disturbi della salute mentale, sebbene la prevalenza sia molto variabile tra studi e gruppi di popolazione.

La complessità e lo stress della migrazione sono legati agli eventi prima della partenza, durante i viaggi e il transito e dopo l'arrivo. Di conseguenza, i rifugiati e i migranti possono soffrire di disturbi mentali, sebbene la prevalenza sia altamente variabile tra studi e gruppi di popolazione.

Questa guida tecnica rivede la prevalenza di alcuni disturbi come il disturbo da stress post-traumatico e i disturbi depressivi e d'ansia. Sulla base delle migliori prove disponibili in merito ai fattori di rischio e alle aree di intervento, identifica 8 aree di azione prioritaria da prendere in considerazione dai responsabili delle politiche in merito alla salute mentale dei rifugiati e dei migranti.

Sulla migrazione, una conferenza intergovernativa ha concluso 18 mesi di consultazione e negoziazione con l'adozione del Global Compact for Safe, Orderly and Regular Migration (GCM) l'11 dicembre 2018.

Il GCM è un impegno dei 164 firmatari (ndr. L'Italia non ha firmato in attesa di un parere del Parlamento) per garantire che i paesi osservino i diritti umani fondamentali per i migranti in tutte le loro politiche e pratiche. Il documento è stato sviluppato in consultazione con gli Stati membri, le organizzazioni delle Nazioni Unite e le società civili. Comprende 23 obiettivi, uno dei quali è dedicato all'aspetto sanitario della migrazione.
 
L'Organizzazione internazionale per le migrazioni (IOM) coordinerà l'attuazione del GCM. Fornirà inoltre il Segretariato per la nuova rete di migrazione delle Nazioni Unite istituita per sostenere l'attuazione del GCM a livello nazionale. In qualità di principale agenzia per la salute pubblica, l'Oms sosterrà l'implementazione e continuerà la sua collaborazione con l'IOM.

L'Oms e l'OIM hanno lavorato a stretto contatto su questioni relative alla salute dei migranti per offrire opportunità di migliorare la salute dei rifugiati e dei migranti e il loro potenziale contributo alla società.

Esempi di questa collaborazione includono la prima Consultazione globale sulla salute dei migranti a Madrid, in Spagna, nel 2010 e la seconda Consultazione globale sulla salute dei migranti a Colombo, Sri Lanka, nel 2017. Quest'ultima si è conclusa con la ratifica della Dichiarazione di Colombo, un impegno a portare avanti l'agenda sulla salute dei migranti. Consultazioni regolari hanno anche portato all'inclusione dell'obiettivo della salute nel GCM.

L'Oms appoggia pienamente questo approccio coordinato, che considera la salute come un principio guida per il riconoscimento dei migranti sulla base del concetto di "una popolazione". È pronta a fornire supporto tecnico per l'attuazione del GCM e ad assicurare che gli aspetti sanitari della migrazione siano affrontati in collaborazione con le agenzie delle Nazioni Unite competenti e altre parti interessate nazionali e internazionali. L'Oms sta anche lavorando per rafforzare gli sforzi per definire meglio i meccanismi di condivisione degli oneri e delle responsabilità.

Attraverso il GCM, l'Oms lavorerà con gli Stati membri e le società civili per:

evitare i servizi paralleli per i migranti e rafforzare invece i sistemi sanitari nazionali sia per le comunità ospitanti che per i migranti;

rafforzare la preparazione per rispondere alle esigenze di salute dei migranti e sostenere le capacità degli Stati membri; 

rafforzare i sistemi sanitari locali e nazionali per essere preparati, resilienti e sensibili ai migranti, tenendo conto delle diversità culturali e delle specifiche esigenze sanitarie dei migranti, in particolare donne e bambini.

L'Oms si impegna a promuovere e raggiungere una copertura sanitaria universale nel contesto dell'agenda 2030 per lo sviluppo sostenibile. Ciò significa lavorare per garantire che ogni individuo - incluso ogni migrante - abbia accesso ai servizi sanitari di base.

Nel 2019, l'Assemblea Mondiale della Sanità adotterà il piano d'azione globale per promuovere la salute dei rifugiati e dei migranti (GAP), che è stato richiesto in una risoluzione dell'Assemblea Mondiale della Sanità del 2017. L'Oms ha condotto un'analisi della situazione in ciascuna delle sue regioni per servire da base per lo sviluppo del progetto di GAP. Il documento sarà presentato alla prossima riunione del comitato esecutivo dell'OMS, che si svolgerà a gennaio 2019.
19 dicembre 2018
Ultimi articoli in Studi e Analisi
IlFarmacistaOnline.it
Quotidiano della Federazione degli Ordini dei Farmacisti Italiani: www.fofi.it
Direttore responsabile
Andrea Mandelli
Direttore editoriale
Cesare Fassari
Editore
Edizioni Health Communication srl
contatti
P.I. 08842011002
Riproduzione riservata.
Copyright 2010 © Health Communication Srl. Tutti i diritti sono riservati | P.I. 08842011002 | iscritta al ROC n. 14025 | Per la Uffici Commerciali Health Communication Srl
69249