Quotidiano della Federazione Ordini Farmacisti Italiani
Martedì 18 DICEMBRE 2018
Studi e Analisi
Segui ilFarmacistaOnline
Studi e Analisi
Dall’antibiotico resistenza al morbillo. Report dell’ECDC sulle malattie infettive nella Ue
Pubblicato il bollettino sulle mallattie infettive rivolto ad epidemiologi ed operatori sanitari che monitora gli andamenti delle malattie infettive di origine europa ed extra europea. IL RAPPORTO ECDC - LE MAPPE RIASSUNTIVE.
15 NOV - Il CDTR (Comunicable Disease Threats Report) di ECDC è un bollettino per epidemiologi e operatori sanitari sulle minacce di salute pubblica attive. Questo numero copre il periodo dal 5 all'11 novembre 2018.

In evidenza uno studio ECDC sugli effetti dell’antibiotico resistenza, visto che è la settimana specifica e include aggiornamenti sulla sindrome respiratoria del Medio Oriente coronavirus della sindrome respiratoria mediorientale (MERS-CoV), morbillo, influenza, influenza A (H5N6), virus del Nilo occidentale, malattia del virus Ebola, dengue e malaria.

Secondo i dati pubblicati da ECDC, 33.000 persone muoiono ogni anno a causa di infezioni da batteri resistenti agli antibiotici.
Il peso delle infezioni dovute a batteri resistenti agli antibiotici è paragonabile a quello dell'influenza, tubercolosi e HIV/AIDS combinati, secondo uno studio pubblicato questa settimana su The Lancet Infectious Desease.

Le stime si basano sui dati del 2015 della resistenza antimicrobica europea Surveillance Network (EARS-Net) indica che circa 33000 persone muoiono ogni anno come diretta conseguenza di un'infezione dovuta a batteri resistenti agli antibiotici.

Lo studio rivela che il 75% del carico di malattia è dovuto a infezioni associate all'assistenza sanitaria e potrebbe essere ridotto attraverso adeguate misure di prevenzione e controllo delle infezioni e somministrazione di antibiotici.

Infezioni da batteri resistenti a antibiotici di ultima generazione come carbapenemi e colistina causano il 39% deila resistenza. Un dato in aumento rispetto al 2007 ed è preoccupante perché questi antibiotici sono considerate le ultime opzioni di trattamento disponibili. Quando non saranno più efficaci, sarà estremamente difficile o, in molti casi, impossibile curare le infezioni.

Lo studio è stato sviluppato da esperti dell'ECDC e del Burden of AMR Collaborative Group. I risultati sono utilizzati dall'Organizzazione per la cooperazione e lo sviluppo economico (OCSE) per stimare l'onere economico della resistenza agli antibiotici.

Nel periodo analizzato dallo studio sono stati stimate 671.689  infezioni con batteri resistenti agli antibiotici, di cui 63,5% ( 426.277 di 671.689) erano associate all'assistenza sanitaria.

Queste infezioni rappresentavano circa 33.110 decessi, appunto,  attribuibili e 874.541  DALY (Disability-Adjusted Lost Years: una misura dell’impatto complessivo di una malattia che tiene in considerazione sia disabilità che morte precoce). L'onere per l'Ue e il See era più alto nei neonati (di età inferiore a 1 anno) e nelle persone di età pari o superiore a 65 anni, era aumentato dal 2007, ed era più alto in Italia e in Grecia.

I risultati presentano il carico di salute di cinque tipi di infezione con batteri resistenti agli antibiotici espressi, per la prima volta, in DALY. Il carico stimato di infezioni con batteri resistenti agli antibiotici nell'Ue e nel See è sostanziale rispetto a quello di altre malattie infettive ed è aumentato dal 2007.

Le stime dell'impoatto della situazioone forniscono informazioni utili ai responsabili delle decisioni di sanità pubblica che danno priorità agli interventi per le malattie infettive.

Altre minacce sanitarie di origine europea

Trasmissione locale della malaria in Grecia. Dall'agosto 2018, le autorità sanitarie greche hanno segnalato diversi casi di malaria non falciparum acquisiti localmente, nel regioni di Evros e Macedonia centrale.

West Nile virus - Multistate (Europa) - Monitoraggio stagione 2018. Durante la stagione di trasmissione del West Nile virus (prevista tra giugno e novembre 2018), l'Ecdc monitora il insorgenza di infezioni negli Stati membri dell'Ue/See e nei paesi confinanti con l'Ue e pubblica aggiornamenti epidemiologici per informare le autorità per la sicurezza del sangue delle aree in cui è in corso la trasmissione del virus.

Secondo l’aggiornamento della settimana Tra il 31 ottobre e l'8 novembre 2018, gli Stati membri dell'Ue hanno segnalato 26 infezioni West Nile cvirus (WNV) in Italia (19), Repubblica ceca (3), Grecia (2), Austria (1) e Cipro (1).

Le date di inizio più recenti sono dalla settimana 43, 22 - 28 ottobre. Questa settimana, i paesi confinanti con l'Ue non hanno segnalato casi. Tutti i casi umani sono stati segnalati da aree che sono state colpite durante le precedenti stagioni di trasmissione. Questa settimana sono stati segnalati 3 decessi, tutti dalla Grecia. Nella stessa settimana, 9 epidemie tra equidi sono state segnalate da Italia (5), Francia (2), Ungheria (1) e Spagna (1).

Morbillo: monitoraggio epidemie europee. I casi di morbillo nell'Ue/See si verificano principalmente nelle popolazioni non vaccinate sia negli adulti che nei bambini. Grandi epidemie con decessi sono in corso in paesi che avevano precedentemente eliminato o interrotto la trasmissione endemica.

Dal precedente Rapporto sulle malattie trasmissibili trasmesse (CDTR) pubblicato il 13 ottobre 2018, sono previsti aggiornamenti 21 Paesi Ue/ EFTA: Austria, Bulgaria, Repubblica Ceca (Praga), Danimarca, Finlandia, Francia, Germania, Grecia, Ungheria, Irlanda, Italia, Lettonia, Lituania, Paesi Bassi, Norvegia, Polonia, Romania, Slovacchia, Spagna, Svezia e Svizzera.

Nel 2018 e dal 7 novembre, la maggior parte dei casi nell'Ue sono stati segnalati da Romania (5.222), Francia (2.727), Italia (2.295) e Grecia (2.290).
Trentatre morti sono stati segnalati nel 2018 da Romania (22), Italia (6), Francia (3) e Grecia (2).

Al di fuori dei paesi Ue/ EFTA, l'Ucraina presenta il più grande focolaio epidemico, con oltre 36.000 casi segnalati nel 2018, compresi 15 decessi. Un ampio focolaio in corso è stato segnalato dalla Serbia con oltre 5.700 casi e 15 morti.

Le epidemie sono segnalate anche nelle Americhe, in Bielorussia, Georgia, Israele, Mauritius, Russia e Tailandia.

Dengue autoctona in Spagna. Da ottobre 2018, il ministero della Salute spagnolo ha segnalato cinque casi di dengue autoctoni confermati in Spagna.

Il 2 novembre 2018, due nuovi casi di dengue autoctoni sono stati segnalati nella regione di Murcia. Entrambi i casi appartengono alla stessa famiglia che non ha viaggiato di recente al di fuori della regione. Questi casi hanno avuto esordio dei sintomi alla fine di settembre e sono stati completamente risolti. Secondo le stesse fonti questi nuovi casi hanno mostrato lo stesso sierotipo di dengue come i precedenti casi autoctoni riportati in Spagna.

Dengue autoctona in Francia. Nell'ottobre 2018, le autorità sanitarie francesi hanno segnalato cinque casi di dengue acquisiti localmente nella regione Provenza-Alpi-Costa Azzurra. Inoltre, nella regione Occitanie sono stati segnalati anche due casi di dengue localmente acquisiti.

Il 5 novembre 2018, le autorità sanitarie regionali hanno confermato un caso di dengue autoctono a Nîmes, dipartimento del Gard, Regione occitana nel sud della Francia.

Influenza, monitoraggio stagionale 2018. La trasmissione dell'influenza in Europa mostra un andamento stagionale, con attività di picco durante i mesi invernali. Finora in questa stagione, i virus dell'influenza sono stati rilevati sporadicamente in campioni provenienti da persone con malattie respiratorie che si presentavano alle cure mediche. Sono stati rilevati virus di tipo A e B dell'influenza.

Per la settimana tra il 29 ottobre e il 4 novembre 2018, l'attività influenzale è stata bassa in tutta Europa.

Minacce non Ue
Influenza A (H5N6), Cina. Monitoraggio dei casi umani. I virus dell'influenza animale che si trasmettono all’uomo sono considerati nuovi e quindi hanno il potenziale per diventare minacce pandemiche. Nel 2014, un nuovo ceppo di influenza aviaria A (H5N6) ha provocato in un essere umano l'infezione ed è stato rilevato in Cina.

Un nuovo caso umano di influenza aviaria A (H5N6) è stato segnalato nell'ottobre 2018 dalla Cina. Il caso è un uomo di 44 anni dalla regione autonoma di Guangxi Zhuang che ha sviluppato sintomi il 18 ottobre 2018 ed è deceduta il 27 ottobre 2018.

Malattia del virus Ebola: decima epidemia - Repubblica Democratica del Congo 2018. Il 1° agosto 2018, il ministero della Sanità della Repubblica Democratica del Congo ha dichiarato la decima epidemia di virus Ebola. L'epidemia colpisce le province del Nord Kivu e dell'Ituri nel Nord-Est del paese vicino al confine con l'Uganda.

Il 17 ottobre 2018, il comitato di emergenza delle norme sanitarie internazionali (IHR) ha concluso che l'epidemia non costituisce in questa fase un'emergenza sanitaria pubblica di rilevanza internazionale.

Dal precedente CDTR, il ministero della Sanità della Repubblica Democratica del Congo ha segnalato 36 casi aggiuntivi in Beni (18), Butembo (7), Kalunguta (6), Mabalako (2), Mutwanga (1) e Vuhovi (2).

Sono stati segnalati nuovi casi confermati in una nuova zona, Mutwanga. area vicino a Beni.

A partire dal 7 novembre 2018, sono stati rilevati 312 casi di malattia da virus Ebola (277 confermati, 35 probabili), compresi 191 decessi (di cui 156 casi confermati), dall'inizio dell'epidemia.

Il ministero della Salute dell'Uganda ha iniziato a vaccinare operatori sanitari di prima linea contro la malattia da virus Ebola. Vaccinazioni a tappeto devono essere condotte in cinque distretti ad alto rischio confinanti con la Repubblica Democratica del Congo. Questo fa parte del piano di preparazione dell'Uganda dove non sono stati rilevati casi di malattia da virus Ebola.

Sindrome respiratoria del Medio Oriente coronavirus (MERS-CoV). Dopo che la malattia è stata identificata per la prima volta in Arabia Saudita nel settembre 2012, più di 2.000 casi di Sindrome respiratoria coronavirus (MERS-CoV) sono stati rilevati in oltre 20 paesi del Medio Oriente. In Europa, otto paesi hanno riferito di aver confermato casi, tutti con connessioni dirette o indirette verso il Medio Oriente. La maggior parte dei casi MERS-CoV continua a essere segnalata in Medio Oriente.

La fonte del virus rimane sconosciuta, ma il modello di trasmissione e i punti di studio virologici si orientano verso  cammelli e dromedari come serbatoio da cui gli esseri umani vengono infettati sporadicamente con trasmissione zoonotica. La trasmissione da uomo a uomo è amplificata tra i contatti della famiglia e nelle strutture sanitarie.

Durante il mese di ottobre, nove casi di MERS-CoV, compresi due decessi, sono stati segnalati dall'Arabia Saudita. Tutti i casi tranne uno erano maschi. In cinque casi è stato segnalato il contatto con il cammello, uno era un contatto familiare e tre erano casi primari senza indicazione per la via di trasmissione.
15 novembre 2018
Ultimi articoli in Studi e Analisi
iPiùLetti [ultimi 7 giorni]
IlFarmacistaOnline.it
Quotidiano della Federazione degli Ordini dei Farmacisti Italiani: www.fofi.it
Direttore responsabile
Andrea Mandelli
Direttore editoriale
Cesare Fassari
Editore
Edizioni Health Communication srl
contatti
P.I. 08842011002
Riproduzione riservata.
Copyright 2010 © Health Communication Srl. Tutti i diritti sono riservati | P.I. 08842011002 | iscritta al ROC n. 14025 | Per la Uffici Commerciali Health Communication Srl
67926