Quotidiano della Federazione Ordini Farmacisti Italiani
Lunedì 22 OTTOBRE 2018
Studi e Analisi
Segui ilFarmacistaOnline
Studi e Analisi
Morbillo. In Italia il 25% dei casi registrati in tutta l’Ue. Coperture vaccinali insufficienti in quasi tutti gli Stati. L’ultimo report ECDC
L'Italia ha registrato 260 casi a giugno 2018, in calo rispetto ai 413 di maggio e ai 465 di aprile. A livello europeo, la maggior parte delle segnalazioni tra luglio 2017 e giugno 2018 sono arrivate dal nostro Paese (3.341), seguito dalla Grecia (3.193), dalla Francia (2.740) e dalla Romania (1.354). In tutto i casi in Europa sono stati oltre 13mila. Tra gli 11.957 casi di cui è noto lo stato di vaccinazione, l'83% è risultato non vaccinato, il 10% vaccinato con una dose di morbillo vaccino. IL REPORT ECDC.
19 AGO - Diminuiscono i casi di morbillo in Italia, ma il nostro Paese resta comunque tra quelli dove la malattia è più diffusa, tanto che i casi registrati rappresentano ben il 25% di tutti i casi registrati in Ue. E' quanto emerge dall'ultimo aggiornamento sul morbillo dell’Ecdc, il Centro europeo per la prevenzione e il controllo delle malattie, che il 13 agosto ha pubblicato i dati nel periodo 1 ° luglio 2017 e il 30 giugno 2018 (i precedenti erano di marzo).

Nel solo mese di giugno 2018 sono 17 (su 30) i paesi UE / SEE che hanno segnalato casi di morbillo, per un totale di 1.054 (fonte: TESSy, il sistema di sorveglianza internazionale). Francia, Germania, Grecia, Italia e Regno Unito hanno continuato a riportare elevati numeri di casi, ma con una tendenza decrescente.
 


La Slovacchia ha registrato un marcato aumento nel giugno 2018. La Repubblica ceca, la Lituania e il Portogallo non hanno riportato dati per giugno 2018.

L'Italia ha segnalato 260 casi a giugno 2018, in diminuzione rispetto ai 413 e 465 casi segnalati per maggio e aprile 2018.

A giugno 2018, la Francia ha segnalato 181 casi, che sono diminuiti da 251 e 623 casi (compreso un decesso) segnalato per maggio e aprile 2018.

La Grecia ha segnalato 155 casi per il giugno 2018, una diminuzione rispetto a 290 casi segnalati a maggio 2018 e 352 casi (compreso un decesso) ad aprile 2018.

Novanta casi sono stati segnalati dalla Germania a giugno 2018, rispetto a 100 casi a maggio e 95 casi ad aprile 2018.

Il Regno Unito ha segnalato 89 casi a giugno 2018, un calo rispetto a 174 (maggio 2018) e 207 casi (aprile 2018).

La Slovacchia ha segnalato 72 casi a giugno 2018, un netto aumento da 18 e 3 casi segnalati a maggio e aprile 2018.


Tra il 1 ° luglio 2017 e il 30 giugno 2018, 29 Stati membri dell'UE / del SEE hanno segnalato 13.234 casi di morbillo. Solo Malta ha riportato zero casi durante questo periodo.

 


Il numero di casi di morbillo segnalati a TESSy può essere una sottostima, in particolare per la Romania. L'epidemia sostenuta nel paese ha causato ritardi nel riferire i casi all'ECDC e i dati più aggiornati sono disponibili presso l'Istituto nazionale rumeno di Salute pubblica del Paese.

L'ECDC ha pubblicato in precedenza una rapida valutazione del rischio sull'epidemia rumena a marzo 2017.

Nel periodo compreso tra il 1 ° luglio 2017 e il 30 giugno 2018, la maggior parte dei casi è stata segnalata dall'Italia (3.341), Grecia (3. 193), Francia (2.740) e Romania (1 354), che rappresentano rispettivamente il 25%, il 24%, il 21% e il 10% di tutti i casi segnalati dai paesi UE / SEE.

La diagnosi di morbillo è stata confermata da risultati di laboratorio positivi (sierologia, virus rilevazione o isolamento) nel 69% di tutti i casi segnalati.
 
 

 
Diciotto morti attribuibili al morbillo sono stati segnalati a TESSy durante il periodo di 12 mesi, con sei in Romania, cinque in Italia, quattro in Grecia e tre in Francia.

La situazione dell'importazione di morbillo è stata segnalata da 28 paesi e nota per 12.186 casi (92%). Tra i casi noti, 8.316 (68%) erano endemici, 3.332 (27%) erano legati alle importazioni e 538 (4%) sono stati importati I casi sono stati classificati come importati se ci sono prove virologiche e / o epidemiologiche di esposizione al di fuori della regione o del paese 7-18 giorni prima dell'eruzione cutanea, mentre i casi sono stati classificati come correlati all'importazione per infezioni acquisite localmente causate da virus importati, come supportato da prove epidemiologiche e/o virologiche.

Di 13.233 casi con età nota, 3.924 (30%) erano bambini di età inferiore ai 5 anni, mentre 6 796 casi (51%) erano all'età di 15 anni o più.

La più alta incidenza è stata riportata nei bambini al di sotto di un anno di età (257,3 casi per milione) e bambini da 1 a 4 anni (123,7 casi per milione).

Di tutti i casi, 1.276 (10%) aveva uno stato di vaccinazione sconosciuto.

La proporzione di casi con vaccinazione sconosciuta ha raggiunto il 19% tra gli adulti di età pari o superiore a 30 anni.

Di 11.957 casi (il 90% di tutti i casi) con età e stato di vaccinazione conosciuto, l'83% non era vaccinato, il 10% era vaccinato con una dose di morbillo vaccino, il 6% è stato vaccinato con due o più dosi e l'1% è stato vaccinato con un numero sconosciuto di dosi.

La proporzione di casi non vaccinati era più alta tra i bambini al di sotto di un anno di età (94%). I bambini di età inferiore a un anno sono particolarmente vulnerabili alle complicanze del morbillo e sono meglio protetti dall'immunità di gregge.

Tra i casi di età compresa tra uno e quattro anni, l'82% dei casi non era vaccinato, il 13% era vaccinato con una dose, 2% con due dosi o più e il 3% ha uno stato di vaccinazione sconosciuto.

Il morbillo continua a diffondersi in tutta Europa perché la copertura vaccinale in molti paesi è subottimale.

Solo quattro paesi UE / SEE hanno riportato almeno il 95% di copertura vaccinale per entrambi dosi di vaccino contenente il morbillo per il 2017. Se si vuole raggiungere l'obiettivo di eliminazione, secondo l’Ecdc la copertura vaccinale per i bambini e gli adulti deve aumentare in un certo numero di paesi perché la copertura vaccinale per entrambi i primi e la seconda dose deve essere almeno del 95% a tutti i livelli subnazionali e in tutte le comunità per interrompere il morbillo circolazione.

Rosolia

Anche per la rosolia, per quanto i casi siano inferiori, la situazione non è milgioe.

Tra il 1 ° luglio 2017 e il 30 giugno 2018, 13 Stati membri dell'UE / SEE hanno riferito un totale di 624 casi di rosolia. Belgio e Francia non segnalano casi di rosolia a TESSy. Lituania e Portogallo non hanno segnalato dati a giugno 2018; la Repubblica ceca non ha riferito a marzo, aprile, maggio e giugno 2018.

In questo periodo di 12 mesi, il più alto numero di casi è stato segnalato da Polonia (490), Germania (60), Italia (27) e Austria (21), che rappresentano rispettivamente il 79%, il 10%, il 4% e il 3% dei casi segnalati. Nel mese di giugno 2018, quattro stati UE / SEE (Germania, Italia, Polonia e Romania) hanno segnalato un totale di 65 casi, di cui 55 segnalati da Polonia. La diagnosi di rosolia è stata confermata da risultati di laboratorio positivi nel 10% di tutti i casi riportati nel periodo di 12 mesi.

La maggior parte dei casi in Polonia si è verificato nei bambini, con il 45% dei casi nei bambini sotto i cinque anni e il 30% nei bambini tra i cinque ei nove anni.
19 agosto 2018
Ultimi articoli in Studi e Analisi
iPiùLetti [ultimi 7 giorni]
IlFarmacistaOnline.it
Quotidiano della Federazione degli Ordini dei Farmacisti Italiani: www.fofi.it
Direttore responsabile
Andrea Mandelli
Direttore editoriale
Cesare Fassari
Editore
Edizioni Health Communication srl
contatti
P.I. 08842011002
Riproduzione riservata.
Copyright 2010 © Health Communication Srl. Tutti i diritti sono riservati | P.I. 08842011002 | iscritta al ROC n. 14025 | Per la Uffici Commerciali Health Communication Srl
317