Quotidiano della Federazione Ordini Farmacisti Italiani
Sabato 17 NOVEMBRE 2018
Studi e Analisi
Segui ilFarmacistaOnline
Studi e Analisi
Oms e Unicef: vaccinazioni essenziali per abbattere le disuguaglianze sanitarie. Ecco la strategia
L'immunizzazione è considerata un servizio sanitario essenziale per ragazzi e ragazze ed è una strategia chiave per promuovere la salute durante l'infanzia. Dipende dal livello di ricchezza, di cultura e di capacità di comprensione delle buone pratiche della madre (e dei genitori in genere), è un indice che abbatte le disuguaglianze sanitarie. MANUALE SULLE DISUGUAGLIANZE DI SALUTE - MONITORAGGIO DELLA DISUGUAGLIANZA - STATO DELLA DISUGUAGLIANZA: VACCINAZIONE INFANTILE - ESPLORAZIONI DELLA DISUGUAGLIANZA: VACCINAZIONE INFANTILE - ITALIA: STIME OMS E UNICEF SULLA COPERTURA VACCINA 2016.
13 LUG - L'immunizzazione vaccinale è una strategia chiave per promuovere la salute durante l'infanzia, dipende dal livello di ricchezza, di cultura e di capacità di comprensione delle buone pratiche della madre (e dei genitori in genere), è un indice che abbatte le disuguaglianze sanitarie.

L'immunizzazione è considerata un servizio sanitario essenziale per ragazzi e ragazze. La copertura per l'immunizzazione infantile è pressappoco la stessa per ragazzi e ragazze con caratteristiche familiari e condizioni di vita simili: in altre parole, non ci sono disuguaglianze legata al sesso nell'immunizzazione infantile.

Oms e Unicef, in un loro rapporto pubblicato a luglio 2018, hanno preso a campione dieci Paesi a basso reddito tra il 2012 e il 2016 per verificare la disuguaglianza nella vaccinazione infantile.

Quanto cioè la probabilità di un bambino di essere vaccinato sia influenzata da fattori socioeconomici, demografici e geografici. 

Il rapporto si basa su indagini internazionali sulla salute delle famiglie condotte in  Afghanistan, Ciad, Repubblica Democratica del Congo, Etiopia, India, Indonesia, Kenya, Nigeria, Pakistan e Uganda. Questi paesi affrontano la più grave sfida per l’immunizzazione e insieme raccolgono oltre il 70% dei bambini che non ricevono un ciclo completo di vaccini di base. 

Nei paesi esaminati vi sono distinti modelli di disuguaglianza, dall'Uganda, dove la disuguaglianza tendeva a essere molto piccola per la maggior parte delle caratteristiche presenti, in Nigeria, dove la disuguaglianza era pronunciata per la maggior parte delle caratteristiche. In tutti e 10 i paesi, prevalgono alcuni risultati comuni.

La disuguaglianza sulla base dello status economico delle famiglie era pervasiva: i bambini provenienti da famiglie povere avevano meno probabilità di ricevere vaccinazioni rispetto a quelli delle famiglie ricche. 

I paesi hanno dimostrato vari modelli di disuguaglianza tra i quintili di ricchezza delle famiglie. 

In Nigeria, la copertura per l'immunizzazione infantile è aumentata costantemente, passando dai più poveri ai più ricchi. In Indonesia e Pakistan, il quintile più povero (20%) delle famiglie ha avuto una copertura sostanzialmente inferiore rispetto al resto. Per i bambini in Nigeria nel 2013 e in Pakistan nel 2012, la possibilità di essere vaccinati per la difterite-tetano-pertosse (DPT3) era 7 volte maggiore tra quelli delle famiglie più ricche, rispetto a quelli delle famiglie più povere, a parità di altre caratteristiche.

Ma attenzione: tra le mappe interattive dell’Oms ce n’è una che analizza per tutti gli stati del mondo la percentuale di questo tipo di vaccinazione. E se per i paesi analizzati nell’ultima pubblicazione la situazione è quella descritta da Oms e Unicef, nella Regione europea si scopre che l’Italia è nella parte bassa della classifica con il 93% di vaccinati, come la Croazia. Vanno peggio solo la Finlandia, la Serbia, la Georgia e la Bulgaria con il 92%, l’Islanda al 91%, la Romania con l’89%, l’Austria con l’86%,  il Kazakistan con l’82% , la Bosnia Herzegovina con il 78% e l’Ucraina al 19 per cento.

Sotto la soglia del 95% (al 94%) ci sono anche  Regno Unito e Danimarca. Ma tutti gli altri Stati sono al di sopra, fino ad arrivare al 99% della Grecia con la Federazione russa che ha un’ampiezza maggiore di tutto il resto d’Europa al 97 per cento .

Comunque, dall'analisi Oms-Unicef sulle coperture vaccinali per singoli Paesi, in Italia questr risultano quasi tutte in calo rispetto agli aprecedenti.

Tornando al rapporto Oms-Unicef, i bambini le cui madri hanno livelli di istruzione più alti hanno uniformemente una copertura immunitaria più alta. In Indonesia e in Nigeria, i differenziali di istruzione materna hanno mostrato forti disparità nella copertura delle vaccinazioni infantili. 

Ad esempio, in Nigeria nel 2013, i figli di madri superiori all'istruzione secondaria avevano più di 6 volte più probabilità di essere vaccinati per il DPT3 rispetto ai bambini le cui madri non avevano istruzione, a parità di altre caratteristiche.

L'età di una madre al momento della nascita è un importante fattore predittivo se un bambino sarà immunizzato. In generale, i bambini sono andati peggio quando le loro madri avevano meno di 20 anni quando hanno dato alla luce. In Etiopia nel 2016, la possibilità di essere vaccinati per DTP3 è stata più del doppio tra i bambini le cui madri hanno partorito tra i 20 ei 34 anni, rispetto ai bambini le cui madri hanno dato alla luce all'età di 15-19 anni, a parità di altre caratteristiche.

Nei paesi che ospitano un gran numero di bambini non vaccinati, la copertura vaccinale varia a seconda della provincia, dello stato o della regione. Ad esempio, attraverso le 34 province dell'Afghanistan nel 2015, la copertura per l'immunizzazione infantile differiva di oltre 80 punti percentuali. In Kenya e in Uganda, tuttavia, la variazione subnazionale era meno pronunciata.

In alcuni paesi, i bambini primi nati tendono ad avere livelli più elevati di copertura vaccinale infantile rispetto ai bambini nati successivamente. In Indonesia nel 2012, più di tre quarti dei bambini primogeniti sono stati coperti dall'immunizzazione DTP3, mentre poco più di un terzo dei bambini nati sesto o superiore erano coperti. Allo stesso modo, India (2015-2016), Nigeria (2013) e Pakistan (2012) hanno riportato lacune nella copertura delle vaccinazioni DTP3 dell'ordine di nascita che coprivano più di 20 punti percentuali. In Ciad e nella Repubblica Democratica del Congo, invece, non c'era quasi nessuna differenza nella copertura dell'immunizzazione infantile per ordine di nascita.

I bambini che beneficiano di molteplici forme di vantaggi hanno maggiori probabilità di essere vaccinati rispetto ai bambini che sperimentano un singolo tipo di vantaggio. Ad esempio, in Afghanistan, Ciad, Nigeria e Pakistan, un bambino la cui madre ha un'istruzione scolastica secondaria, ha un'età compresa tra 20 e 34 anni e proviene dal 20% più ricco della popolazione, ha avuto tra 7 e 51 volte più possibilità di ricevere la terza dose di tutti i vaccini contenenti DTP, rispetto a un bambino la cui madre non ha un'istruzione formale, ha un'età compresa tra 15 e 19 anni e appartiene al 20% più povero della popolazione.

Le esplorazioni dettagliate delle disuguaglianze sanitarie, che comprendono molteplici argomenti di salute e i fattori che influiscono sulle prestazioni, contribuiscono a maggiori ambizioni per uno sviluppo sostenibile. 

Impegnandosi a non lasciare nessuno indietro, l'Agenda 2030 delle Nazioni Unite per lo sviluppo sostenibile richiede una comprensione completa di dove si trovano le opportunità perse e le barriere che impediscono il progresso.

L'Oms ha sviluppato un pacchetto di risorse e strumenti per sostenere gli Stati membri nel monitorare la disuguaglianza sanitaria e integrare questa pratica nei loro sistemi nazionali di informazione sanitaria. 

Queste includono Health Equity Assessment Toolkit, un'applicazione software che consente ai paesi di valutare le disuguaglianze utilizzando il database Oms Health Equity Monitor integrato o utilizzando i propri dati; un manuale passo-passo, un manuale e un modulo di eLearning su come i paesi possono integrare il monitoraggio della disuguaglianza sanitaria nei loro sistemi di informazione sanitaria e i codici statistici necessari per analizzare i dati delle indagini sulle famiglie per rivelare dove si trovano le disuguaglianze.
 
 
13 luglio 2018
Ultimi articoli in Studi e Analisi
IlFarmacistaOnline.it
Quotidiano della Federazione degli Ordini dei Farmacisti Italiani: www.fofi.it
Direttore responsabile
Andrea Mandelli
Direttore editoriale
Cesare Fassari
Editore
Edizioni Health Communication srl
contatti
P.I. 08842011002
Riproduzione riservata.
Copyright 2010 © Health Communication Srl. Tutti i diritti sono riservati | P.I. 08842011002 | iscritta al ROC n. 14025 | Per la Uffici Commerciali Health Communication Srl
63860