Quotidiano della Federazione Ordini Farmacisti Italiani
18 NOVEMBRE 2018
Studi e Analisi
Segui ilFarmacistaOnline
Studi e Analisi
Oms, Ocse e Banca mondiale lanciano allarme sulla qualità dei servizi sanitari. Errori, scarsa aderenza alle linee guida, pochi screening e infezioni ospedaliere. Ecco la ricetta per invertire la rotta
Diagnosi inesatte, errori terapeutici, trattamenti inappropriati o non necessari, strutture o pratiche cliniche inadeguate o non sicure, fornitori che mancano di formazione e competenza adeguate sono in tutti i paesi. Sono solo alcuni degli esempi di scarsa qualità nell'assistenza sanitaria che coinvolgono soprattuto i Paesi a basso e medio reddito ma non solo. IL RAPPORTO "FORNIRE SERVIZI SANITARI DI QUALITÀ - UN IMPERATIVO GLOBALE PER LA COPERTURA SANITARIA UNIVERSALE"
06 LUG - Servizi sanitari di scarsa qualità stanno frenando i progressi sul miglioramento della salute nei paesi a tutti i livelli di reddito, secondo una nuova relazione congiunta dell'Ocse, dell'Organizzazione mondiale della sanità e della Banca mondiale.
Oggi diagnosi inesatte, errori terapeutici, trattamenti inappropriati o non necessari, strutture o pratiche cliniche inadeguate o non sicure, fornitori che mancano di formazione e competenza adeguate prevalgono in tutti i paesi.
 
La situazione è peggiore nei paesi a basso e medio reddito dove il 10% dei pazienti ospedalizzati può aspettarsi di contrarre un'infezionedurante un ricovero o un intervento sanitario, rispetto al 7% nei paesi ad alto reddito. Ciò nonostante le infezioni acquisite in ospedale sono facilmente evitabili attraverso una migliore igiene, migliori pratiche di controllo e l'uso appropriato di antimicrobici. Allo stesso tempo, un paziente su dieci è danneggiato durante il trattamento medico nei paesi ad alto reddito.
 
Questi sono solo alcuni dei punti salienti per la fornitura di servizi sanitari di qualità, un imperativo globale per la copertura sanitaria universale secondo Oms, Ocse e Banca Mondiale. Il rapporto sottolinea inoltre che le malattie associate a un'assistenza sanitaria di scarsa qualità generano ulteriori costi per le famiglie e i sistemi sanitari.
 
Il documento messo a punto descrive il ruolo essenziale della qualità nell'erogazione dell'assistenza sanitaria.
 
La qualità dell'assistenza è il grado in cui i servizi sanitari aumentano la probabilità di ottenere risultati di salute desiderati e sono coerenti con le attuali conoscenze professionali.
 
I dati mostrano che la qualità dell'assistenza nella maggior parte dei paesi, in particolare a basso e medio reddito, è sub-ottimale:
 
• l’aderenza alle linee guida sulla pratica clinica è al di sotto del 50% in molto casi in paesi a basso-medio reddito con il risultato di un’assistenza ai bambini dalla pianificazione familiare al periodo prenatale di bassa qualità e comunque carente;
 
• gli indicatori di erogazione dei servizi in paesi a basso e medio reddito hanno mostrato variazioni significative nell'assenteismo dei fornitori (14,3-44,3%), produttività giornaliera (5,2-17,4 pazienti), accuratezza diagnostica (34-72,2%), aderenza alle linee guida cliniche (22-43,8%);
 
• una revisione sistematica di 80 studi ha dimostrato che la pratica clinica non ottimale è comune nelle strutture di assistenza sanitaria di base sia private che pubbliche in vari paesi a medio reddito;
 
• i dati Ocse per i paesi ad alto e medio reddito mostrano che il 19-53% delle donne di età compresa tra 50 e 69 anni non ha effettuato screening mammografico e il 27-73% degli anziani (età 65 anni e oltre) non ha ricevuto la vaccinazione antinfluenzale.
 
Servizi sanitari di alta qualità, secondo Oms, Ocse e Banca mondiale, comportano le cure giuste, al momento giusto, risposta dei alle esigenze e alle preferenze degli utenti, riducendo al minimo i danni e il rifiuto delle risorse.   
L'assistenza sanitaria di qualità aumenta la probabilità di ottenere risultati di salute desiderati ed è coerente con sette caratteristiche misurabili: efficacia, sicurezza, centralità della persona, tempestività, equità, integrazione di cura ed efficienza. 
 
I cinque elementi fondamentali per fornire servizi sanitari di qualità sono: operatori sanitari; strutture sanitarie; medicinali, dispositivi e altre tecnologie; sistemi di informazione; finanziamento.   
Per garantire che la qualità sia alla base dei sistemi, governi, responsabili politici, leader del sistema sanitario, pazienti e professionisti sanitari dovrebbe lavorare insieme per:
• garantire una forza lavoro sanitaria di alta qualità;
• garantire l'eccellenza in tutte le strutture sanitarie;
• garantire un uso sicuro ed efficace di farmaci, dispositivi e altre tecnologie;
• assicurare un uso efficace dei sistemi di informazione sanitaria;
• sviluppare meccanismi di finanziamento che supportino il miglioramento continuo della qualità.
 
La maggior parte degli approcci allo sviluppo di una strategia di qualità, comprendono uno o più dei seguenti processi:
• una politica di qualità e una strategia di attuazione come parte del settore della salute nei piani nazionali;
• un documento di politica della qualità sviluppato come documento nazionale autonomo nell'ambito di un processo multistakeholder, guidato o supportato dal ministero della salute;
• una strategia nazionale di attuazione della qualità  con un programma di azioni dettagliato che comprende anche una sezione sui settori politici essenziali;
• prevedere legislazione e/o statuti normativi a supporto della politica e della strategia.
 
Sette categorie di interventi si distinguono e vengono regolarmente considerate per migliorare la qualità del sistema sanitario:
• cambiare la pratica clinica in prima linea;
• definizione degli standard;
• coinvolgere e responsabilizzare pazienti, famiglie e comunità;
• informazione e istruzione per operatori sanitari, dirigenti e responsabili politici;
• utilizzo di programmi e metodi di miglioramento continuo della qualità;
• stabilire incentivi basati sulla performance (finanziari e non finanziari);
• legislazione e regolamento.
 
La selezione da parte dei governi di una gamma e di un mix di interventi di qualità dovrebbe essere fatta esaminando attentamente gli interventi di miglioramento della qualità basati sulle evidenze in relazione con l'ambiente di sistema; ridurre i danni; miglioramento dell'assistenza clinica; e coinvolgimento del paziente, della famiglia e della comunità e responsabilizzazione. 
 
Il documento, dal punto di vista delle tre istituzioni che lo hanno elaborato, propone un modo innovativo ai responsabili delle politiche sanitarie che cercano di raggiungere l'obiettivo dell'accesso ad alta qualità, di servizi sanitari centrati sulle persone.
 
Tutti i governi dovrebbero:
 
• avere una politica e una strategia di qualità nazionali;
 
• dimostrare responsabilità per la fornitura di un servizio sicuro di alta qualità;
 
• assicurare che le riforme guidate dall'obiettivo della copertura sanitaria universale costruiscano la qualità di base dei loro sistemi di assistenza;
 
• garantire che i sistemi sanitari dispongano di un'infrastruttura di informazioni e tecnologia in grado di misurare la qualità delle cure;
 
• colmare il divario tra prestazioni effettive e prestazioni ottenibili in termini di qualità;
 
• rafforzare le partnership tra gli operatori sanitari e gli utenti della salute;
 
• stabilire e sostenere una forza lavoro di professionisti sanitari con la capacità di soddisfare le esigenze della popolazione per un'assistenza di alta qualità;
 
• acquistare, finanziare e commissionare in base al “principio di valore”;
 
• finanziare la ricerca sul miglioramento della qualità.
 
Tutti i sistemi sanitari dovrebbero:  
• implementare interventi basati su evidenze che dimostrino miglioramenti;   • fare riferimento a sistemi simili che offrono le migliori prestazioni;  
• garantire che tutte le persone con malattie croniche siano in grado di minimizzarne l'impatto, aumentando la qualità della loro vita;  
• promuovere i sistemi e le pratiche culturali che ridurranno i danni ai pazienti;  
• costruire la resilienza per consentire la prevenzione, l'individuazione e la risposta alla sicurezza sanitaria attraverso l'attenzione focalizzata sulla qualità;  
• predisporre l'infrastruttura per l'apprendimento;  
• fornire assistenza tecnica e gestione della conoscenza per il miglioramento.
 
Tutti i cittadini e i pazienti dovrebbero:  
• avere il potere di impegnarsi attivamente nella cura per ottimizzare il loro stato di salute;  
• svolgere un ruolo di primo piano nella progettazione di nuovi modelli di assistenza per soddisfare le esigenze della comunità locale;  
• essere informati del fatto che è loro diritto avere accesso alle cure secondo standard moderni di qualità;  
• ricevere supporto, informazioni e competenze per gestire le proprie condizioni a lungo termine.
 
Tutti gli operatori sanitari dovrebbero:
 
• partecipare alla misurazione e al miglioramento della qualità con i loro pazienti;
 
• abbracciare la filosofia del lavoro di squadra;
 
• vedere i pazienti come partner nella determinazione delle cure;
 
• impegnarsi a fornire e utilizzare i dati per dimostrare l'efficacia e sicurezza delle cure.
 
Ci sono stati alcuni progressi nel miglioramento della qualità, ad esempio nei tassi di sopravvivenza per cancro e malattie cardiovascolari. 
 
Anche così, i costi economici e sociali più ampi di un'assistenza di scarsa qualità, tra cui disabilità a lungo termine, menomazione e perdita di produttività, sono stimati in migliaia di miliardi di dollari ogni anno. 
 
"All’Oms ci impegniamo a garantire che le persone in tutto il mondo possano ottenere servizi sanitari quando e dove hanno bisogno", ha dichiarato il direttore generale Tedros Adhanom Ghebreyesus. "Siamo ugualmente impegnati a garantire che tali servizi siano di buona qualità. Non ci può essere copertura sanitaria universale senza cure di qualità ".
 
 "Senza servizi sanitari di qualità, la copertura sanitaria universale rimarrà una promessa vuota", ha affermato il segretario generale dell'Ocse Ángel Gurría. "I vantaggi economici e sociali sono chiari e dobbiamo concentrarci maggiormente sull'investimento e sul miglioramento della qualità per creare fiducia nei servizi sanitari e offrire a tutti l'accesso a servizi sanitari di alta qualità e incentrati sulle persone". 
 
"La buona salute è il fondamento del capitale umano di un paese, e nessun paese può permettersi cure mediche di bassa qualità o non sicure", ha detto il presidente del Gruppo della Banca mondiale Jim Yong Kim. "L'assistenza di bassa qualità ha un impatto sproporzionato sui poveri, che non è solo moralmente riprovevole, è economicamente insostenibile per le famiglie e per interi paesi". 
 
Altri risultati chiave nella relazione illustrano un quadro dei problemi di qualità nel settore sanitario in tutto il mondo:
 
- gli operatori sanitari di sette paesi africani a basso e medio reddito sono stati in grado di effettuare diagnosi accurate solo bella parte finale dell’anno e le linee guida cliniche per le condizioni comuni sono state seguite in media in meno del 45% delle volte;  
- la ricerca in otto paesi ad alto tasso di mortalità nei Caraibi e in Africa, ha rilevato che servizi sanitari materni di qualità ed efficaci sono molto meno presenti di quanto faccia pensare l'accesso ai servizi. Ad esempio, solo il 28% dell'assistenza prenatale, il 26% dei servizi di pianificazione familiare e il 21% dell'assistenza ai bambini malati in questi paesi sono considerati "efficaci";  
- circa il 15% della spesa ospedaliera nei paesi ad alto reddito è legata a errori di cura o ai pazienti che sono stati infettati mentre si trovavano negli ospedali;  
I governi, quindi,  dovrebbero aprire la strada con politiche e strategie nazionali per la qualità dell'assistenza sanitaria. I sistemi sanitari dovrebbero concentrarsi su un'assistenza competente e sugli utenti per garantire la fiducia nel sistema. I cittadini dovrebbero essere responsabilizzati e informati per impegnarsi attivamente nelle decisioni sanitarie e nella progettazione di nuovi modelli di assistenza per soddisfare le esigenze delle loro comunità locali. Gli operatori sanitari dovrebbero vedere i pazienti come partner e impegnarsi a fornire e utilizzare i dati per dimostrare l'efficacia e la sicurezza dell'assistenza sanitaria.
06 luglio 2018
Ultimi articoli in Studi e Analisi
iPiùLetti [ultimi 7 giorni]
IlFarmacistaOnline.it
Quotidiano della Federazione degli Ordini dei Farmacisti Italiani: www.fofi.it
Direttore responsabile
Andrea Mandelli
Direttore editoriale
Cesare Fassari
Editore
Edizioni Health Communication srl
contatti
P.I. 08842011002
Riproduzione riservata.
Copyright 2010 © Health Communication Srl. Tutti i diritti sono riservati | P.I. 08842011002 | iscritta al ROC n. 14025 | Per la Uffici Commerciali Health Communication Srl
63629