Quotidiano della Federazione Ordini Farmacisti Italiani
Lunedì 19 NOVEMBRE 2018
Studi e Analisi
Segui ilFarmacistaOnline
Studi e Analisi
Oms. Ecco la ‘top ten’ delle cause di morte nel mondo nel 2016, responsabili del 54% dei decessi. Cardiopatie e ictus al primo posto
L’Organizzazione mondiale della sanità ha appena pubblicato i dati del Global Health Observatory (GHO) sulle stime dei decessi. Le cardiopatie e gli ictus ischemici sono i più grandi “assassini” del mondo e sono causa di 15,2 milioni di decessi nel 2016. Queste malattie sono rimaste le principali cause di morte a livello globale negli ultimi 15 anni. 
29 MAG - Dei 56,9 milioni di morti nel mondo nel 2016, più della metà (54%) è stato dovuto alle prime 10 cause di morte. Misurare quante persone muoiono ogni anno e perché sono morte è uno dei mezzi più importanti - insieme a valutare come le malattie e gli infortuni colpiscono le persone - per valutare l'efficacia del sistema sanitario di un paese.

L’Oms ha appena pubblicato i dati del Global Health Observatory (GHO) sulle stime dei decessi per causa, età, sesso, per paese e per regione, 2000-2016 e ha fornito un grafico interattivo per analizzarle secondo i vari parametri.

Le statistiche sulla causa della morte, spiega l’Oms, aiutano le autorità sanitarie a determinare l'obiettivo delle loro azioni di sanità pubblica. Un paese in cui le morti per malattie cardiache e diabete aumentano rapidamente nell'arco di pochi anni, ad esempio, ha un forte interesse nell'iniziare un forte programma per incoraggiare gli stili di vita che contribuiscono a prevenire queste malattie. Allo stesso modo, se un paese riconosce che molti bambini muoiono di polmonite, ma solo una piccola parte del budget è dedicata a un trattamento efficace, può aumentare la spesa in questo settore.

I paesi ad alto reddito dispongono di sistemi per la raccolta di informazioni sulle cause di morte. Molti paesi a basso e medio reddito non hanno questi sistemi e il numero di morti per cause specifiche deve essere stimato da dati incompleti. Miglioramenti nella produzione di dati di causa della morte di alta qualità sono fondamentali per migliorare la salute e ridurre i decessi evitabili in questi paesi.

Le cardiopatie e gli ictus ischemici sono i più grandi “assassini” del mondo e sono causa di 15,2 milioni di decessi nel 2016. Queste malattie sono rimaste le principali cause di morte a livello globale negli ultimi 15 anni.

La malattia polmonare ostruttiva cronica ha provocato 3,0 milioni di morti nel 2016, mentre il cancro ai polmoni (insieme a trachea e bronchi) ha causato 1,7 milioni di morti.

Il diabete ha ucciso 1,6 milioni di persone nel 2016: erano meno di 1 milione nel 2000.

I decessi dovuti a demenze sono più che raddoppiati tra il 2000 e il 2016, diventando la 5a causa principale di morti globali nel 2016 rispetto al 14° posto che occupavano nel 2000.

Le infezioni respiratorie inferiori sono rimaste le malattie mortali più trasmissibili, causando 3,0 milioni di morti in tutto il mondo nel 2016.

Il tasso di mortalità per malattie diarroiche è diminuito di quasi 1 milione tra il 2000 e il 2016, ma nel 2016 ha causato 1,4 milioni di morti.

Analogamente, il numero di morti per tubercolosi è diminuito durante lo stesso periodo, ma è ancora tra le prime 10 cause con un bilancio di vittime di 1,3 milioni.

L'HIV / AIDS non è più tra le prime 10 cause di morte al mondo, avendo ucciso 1,0 milione di persone nel 2016 rispetto agli 1,5 milioni del 2000.

Le lesioni stradali hanno ucciso 1,4 milioni di persone nel 2016, di cui circa tre quarti (il 74%) erano uomini e ragazzi.



 
 
 


Principali cause di morte per gruppo di reddito economico

Più della metà di tutti i decessi nei paesi a basso reddito nel 2016 sono stati causati dalle cosiddette condizioni del "Gruppo I", che comprendono malattie trasmissibili, cause materne, condizioni di pericolo durante la gravidanza e il parto e carenze nutrizionali.

Al contrario, meno del 7% dei decessi nei paesi ad alto reddito era dovuto a queste cause. Le infezioni respiratorie inferiori sono state tra le principali cause di morte tra tutti i gruppi di reddito.

Le malattie non trasmissibili (NCD: malattie cardiache, ictus, cancro, diabete e malattie polmonari croniche) hanno causato il 71% dei decessi a livello globale, passando dal 37% nei paesi a basso reddito all'88% nei paesi ad alto reddito.

Tutte tranne una delle 10 principali cause di morte nei paesi ad alto reddito erano le malattie non trasmissibili. In termini di numero assoluto di morti, tuttavia, il 78% dei decessi totali NCD si è verificato nei paesi a basso e medio reddito.

Gli infortuni hanno causato la perdita di 4.9 milioni di vite nel 2016. Più di un quarto (29%) di questi decessi sono stati causati da incidenti stradali. I paesi a basso reddito hanno avuto il più alto tasso di mortalità a causa di incidenti stradali con 29,4 morti ogni 100.000 abitanti (il tasso globale è stato di 18,8). Gli incidenti stradali sono stati anche tra le prime 10 cause di morte nei paesi a basso, medio e medio-alto reddito.



 
 

 

 
29 maggio 2018
Ultimi articoli in Studi e Analisi
iPiùLetti [ultimi 7 giorni]
IlFarmacistaOnline.it
Quotidiano della Federazione degli Ordini dei Farmacisti Italiani: www.fofi.it
Direttore responsabile
Andrea Mandelli
Direttore editoriale
Cesare Fassari
Editore
Edizioni Health Communication srl
contatti
P.I. 08842011002
Riproduzione riservata.
Copyright 2010 © Health Communication Srl. Tutti i diritti sono riservati | P.I. 08842011002 | iscritta al ROC n. 14025 | Per la Uffici Commerciali Health Communication Srl
62315