Quotidiano della Federazione Ordini Farmacisti Italiani
Sabato 23 GIUGNO 2018
Studi e Analisi
Segui ilFarmacistaOnline
Studi e Analisi
Oms, allarme inquinamento atmosferico: oltre 7 milioni di decessi l’anno. Maggior rischio di malattie cardiache, ictus, cancro ai polmoni, Bpco e polmonite. Ecco la strategia
L'Oms riconosce che l'inquinamento atmosferico è un fattore di rischio critico per le malattie non trasmissibili (NCD), causando circa un quarto (24%) di tutti i decessi per adulti a causa di malattie cardiache, 25% da ictus, 43% da malattia polmonare ostruttiva cronica e 29% dal cancro ai polmoni. Più di 4.300 città in 108 paesi sono ora incluse nel database della qualità dell'aria dell'ambiente dell'Oms, rendendolo il database più completo al mondo sull'inquinamento atmosferico. LA SINTESI DEI RISULTATI 2016 DEL DATABASE OMS - LE LINEE GUIDA OMS SULL'INQUINAMENTO.
02 MAG - I livelli di inquinamento atmosferico rimangono pericolosamente alti in molte parti del mondo. Nuovi dati dall'Oms mostrano che 9 persone su 10 respirano aria contenente alti livelli di sostanze inquinanti. Stime aggiornate rivelano un bilancio di 7 milioni di persone decedute ogni anno a causa dall'inquinamento atmosferico ambientale (esterno) e domestico.

"L'inquinamento atmosferico ci minaccia tutti, ma le persone più povere e più emarginate sopportano il peso maggiore", afferma Tedros Adhanom Ghebreyesus, direttore generale dell'Oms. "È inaccettabile che oltre 3 miliardi di persone - per la maggior parte donne e bambini - respirino ancora emissioni mortali ogni giorno usando stufe e combustibili inquinanti nelle loro case. Se non interveniamo con urgenza sull'inquinamento atmosferico, non potremo mai raggiungere lo sviluppo sostenibile ".

L'Oms stima che circa 7 milioni di persone muoiano ogni anno dall'esposizione a particelle fini in aria inquinata che penetrano in profondità nei polmoni e nel sistema cardiovascolare, causando malattie tra cui ictus, malattie cardiache, cancro ai polmoni, malattie polmonari ostruttive croniche e infezioni respiratorie, compresa la polmonite.

L'inquinamento atmosferico esterno da solo ha provocato circa 4,2 milioni di morti nel 2016, mentre l'inquinamento atmosferico domestico dovuto alla cottura con combustibili e tecnologie inquinanti ha provocato 3,8 milioni di morti nello stesso periodo.

Più del 90% dei decessi correlati all'inquinamento atmosferico si verificano nei paesi a basso e medio reddito, principalmente in Asia e in Africa, seguiti dai paesi a basso e medio reddito della regione del Mediterraneo orientale, Europa e Americhe.

Circa 3 miliardi di persone - oltre il 40% della popolazione mondiale - non hanno ancora accesso a combustibili e tecnologie di cottura puliti nelle loro case, la principale fonte di inquinamento atmosferico domestico. L'Oms ha monitorato l'inquinamento atmosferico domestico per oltre un decennio e, mentre il tasso di accesso ai combustibili e alle tecnologie pulite sta aumentando ovunque, i miglioramenti non sono nemmeno al passo con la crescita della popolazione in molte parti del mondo, in particolare nell'Africa sub-sahariana.

L'Oms riconosce che l'inquinamento atmosferico è un fattore di rischio critico per le malattie non trasmissibili (NCD), causando circa un quarto (24%) di tutti i decessi per adulti a causa di malattie cardiache, 25% da ictus, 43% da malattia polmonare ostruttiva cronica e 29% dal cancro ai polmoni.

Più di 4.300 città in 108 paesi sono ora incluse nel database della qualità dell'aria dell'ambiente dell'Oms, rendendolo il database più completo al mondo sull'inquinamento atmosferico.

Dal 2016, oltre 1.000 città sono state aggiunte al database, il che dimostra che un numero maggiore di paesi sta misurando e prendendo provvedimenti per ridurre l'inquinamento atmosferico.

Il database raccoglie concentrazioni medie annue di particolato fine (PM 10 e PM 2,5 ). Il PM 2.5 include inquinanti, come solfato, nitrati e carbone nero, che rappresentano i maggiori rischi per la salute umana. Le raccomandazioni dell'Oms sulla qualità dell'aria impongono ai paesi di ridurre il loro inquinamento atmosferico a valori medi annuali di 20 μg / m 3(per PM 10 ) e 10 μg / m3 (per PM 25 ).
 
"Molte delle megacittà del mondo superano di oltre 5 volte i livelli guida dell'Oms per la qualità dell'aria, rappresentando un grave rischio per la salute delle persone", afferma Maria Neira, direttore del Dipartimento di salute pubblica, determinanti sociali e ambientali della salute dell'Oms . "Stiamo assistendo a un'accelerazione dell'interesse politico in questa sfida globale per la salute pubblica. L'aumento delle città che registrano i dati sull'inquinamento atmosferico riflette un impegno per la valutazione e il monitoraggio della qualità dell'aria. La maggior parte di questo aumento si è verificata nei paesi ad alto reddito, ma speriamo di vedere un simile aumento degli sforzi di monitoraggio in tutto il mondo ".
Mentre gli ultimi dati mostrano che i livelli di inquinamento atmosferico ambientale sono ancora pericolosamente alti in molte parti del mondo, mostrano anche alcuni progressi positivi.

I paesi stanno adottando misure per affrontare e ridurre l'inquinamento atmosferico da particolato. Ad esempio, in soli due anni, il programma indiano Pradhan Mantri Ujjwala Yojana ha fornito a circa 37 milioni di donne che vivono al di sotto della soglia di povertà connessioni GPL gratuite per sostenerle nel passaggio al consumo di energia domestica pulita.

Città del Messico si è impegnata in standard più puliti per i veicoli, tra cui il passaggio agli autobus senza fuliggine e il divieto di auto diesel private entro il 2025.

Le principali fonti di inquinamento atmosferico da particolato includono l'uso inefficiente di energia da parte delle famiglie, dell'industria, dei settori agricolo, dei trasporti e delle centrali a carbone.

In alcune regioni, la sabbia e la polvere del deserto, la combustione dei rifiuti e la deforestazione sono ulteriori fonti di inquinamento atmosferico. La qualità dell'aria può anche essere influenzata da elementi naturali come fattori geografici, meteorologici e stagionali.

L'inquinamento atmosferico non riconosce confini secondo l’Oms. Migliorare la qualità dell'aria richiede un'azione governativa sostenuta e coordinata a tutti i livelli. I paesi hanno bisogno di lavorare insieme su soluzioni per il trasporto sostenibile, la produzione e l'uso di energia rinnovabile più efficienti e la gestione dei rifiuti.
 
"I leader politici a tutti i livelli di governo, compresi i sindaci della città, stanno ora iniziando a prestare attenzione e ad agire", aggiunge Tedros. "La buona notizia è che stiamo vedendo sempre più governi aumentare gli impegni per monitorare e ridurre l'inquinamento atmosferico e un'azione più globale da parte del settore sanitario e di altri settori come i trasporti, l'alloggio e l'energia".
 
Quest'anno l'Oms convocherà la prima Conferenza globale sull'inquinamento atmosferico e la salute (30 ottobre - 1 novembre 2018) per riunire governi e partner in uno sforzo globale per migliorare la qualità dell'aria e combattere il cambiamento climatico. 

Secondo l'ultimo database di qualità dell'aria urbana, il 98% delle città nei paesi a basso e medio reddito con più di 100.000 abitanti non soddisfa le linee guida sulla qualità dell'aria dell'Oms. Nei paesi ad alto reddito la percentuale diminuisce al 56 per cento.
 
"L'inquinamento atmosferico è una delle principali cause di malattia e morte. È una buona notizia che più città si stanno impegnando per monitorare la qualità dell'aria, quindi quando intraprendono azioni per migliorarlo hanno un punto di riferimento ", afferma Flavia Bustreo, assistente-direttore generale dell'Oms, Famiglia, Donne e Salute dei bambini. "Quando l'aria inquinata ricopre le nostre città, le popolazioni urbane più vulnerabili - le più giovani, più vecchie e più povere - sono le più colpite".
 
"L'inquinamento atmosferico urbano continua a crescere a un ritmo allarmante, causando il caos nella salute umana", afferma Maria Neira, direttore dell'Oms, Dipartimento della salute pubblica, determinanti ambientali e sociali della salute. "Allo stesso tempo, la consapevolezza sta aumentando e più città stanno monitorando la loro qualità dell'aria. Quando migliora la qualità dell'aria, diminuiscono le patologie respiratorie e cardiovascolari a livello globale. "

La maggior parte delle fonti di inquinamento atmosferico urbano esterno sono ben al di là del controllo delle persone e richiedono l'intervento delle città, così come i responsabili politici nazionali e internazionali per promuovere trasporti più puliti, una produzione di energia più efficiente e una gestione dei rifiuti più efficiente.

Più della metà delle città monitorate nei paesi ad alto reddito e più di un terzo nei paesi a basso e medio reddito hanno ridotto i livelli di inquinamento atmosferico di oltre il 5% in cinque anni.

Ridurre le emissioni di ciminiere industriali, incrementare l'uso di fonti di energia rinnovabile, come il solare e il vento, e dare priorità alle reti di transito, a piedi e in bicicletta nelle città rapide sono tra le strategie disponibili e convenienti.

"È fondamentale per le città e i governi nazionali rendere la qualità dell'aria urbana una priorità per la salute e lo sviluppo", afferma Carlos Dora dell'Oms. "Quando la qualità dell'aria migliora, i costi sanitari derivanti dalle malattie legate all'inquinamento atmosferico si riducono, la produttività dei lavoratori si espande e l'aspettativa di vita cresce. Ridurre l'inquinamento atmosferico porta anche un ulteriore bonus climatico, che può diventare una parte degli impegni presi dai paesi per il trattato sul clima. "

Durante l'Assemblea mondiale della sanità, dal 23 al 28 maggio, gli Stati membri discuteranno una tabella di marcia per una risposta globale rafforzata agli effetti nocivi sulla salute dell'inquinamento atmosferico.
 
Le linee guida sulla qualità dell'aria dell'Oms: Aggiornamento globale 2005 forniscono una valutazione degli effetti sulla salute dell'inquinamento atmosferico e delle soglie per i livelli di inquinamento dannosi per la salute.
Alcuni decessi possono essere attribuiti a più di un fattore di rischio allo stesso tempo. Ad esempio, sia il fumo che l'inquinamento atmosferico influenzano il cancro ai polmoni. Alcune morti per cancro del polmone potrebbero essere state evitate migliorando la qualità dell'aria ambiente o riducendo il fumo di tabacco.
 
Una valutazione del 2013 dall'Agenzia internazionale per la ricerca sul cancro (IARC) dell'Oms ha concluso che l'inquinamento atmosferico all'aperto è cancerogeno per l'uomo, con la componente particellare dell'inquinamento atmosferico più strettamente associata all'incremento dell'incidenza del cancro, in particolare il cancro del polmone. È stata inoltre osservata un'associazione tra inquinamento dell'aria esterna e aumento del cancro del tratto urinario / vescica.

Affrontare tutti i fattori di rischio per le malattie non trasmissibili - incluso l'inquinamento atmosferico - è fondamentale per proteggere la salute pubblica.
 
La maggior parte delle fonti di inquinamento dell'aria esterna è ben al di fuori del controllo delle persone e richiede un'azione concertata da parte di responsabili politici locali, nazionali e regionali che operano in settori come i trasporti, l'energia, la gestione dei rifiuti, la pianificazione urbana e l'agricoltura.
 
Ci sono molti esempi di politiche di successo nei trasporti, nella pianificazione urbana, nella produzione di energia e nell'industria che riducono l'inquinamento atmosferico:
 
per l'industria:  tecnologie pulite che riducono le emissioni dei fumaioli industriali; migliore gestione dei rifiuti urbani e agricoli, compresa la cattura del gas metano emesso dai siti di rifiuti in alternativa all'incenerimento (per l'uso come biogas);

per l'energia: assicurare l'accesso a soluzioni energetiche domestiche pulite e convenienti per cucinare, riscaldare e illuminare;

per i trasporti:  passare a modalità pulite di generazione di energia; dare la priorità al rapido transito urbano, alle reti pedonali e ciclabili nelle città e ai trasporti interurbani ferroviari di merci e passeggeri; passare a veicoli diesel più puliti per veicoli pesanti e veicoli e carburanti a basse emissioni, compresi i carburanti con contenuto ridotto di zolfo;

per la pianificazione urbana:  migliorare l'efficienza energetica degli edifici e rendere le città più verdi e compatte, e quindi energeticamente efficienti;

- per la produzione di energia:  maggiore uso di combustibili a basse emissioni e fonti di energia rinnovabili senza combustione (come solare, eolica o idroelettrica); cogenerazione di calore e potenza; e generazione di energia distribuita (ad es. mini-griglie e generazione di energia solare su tetto);
 
- per la gestione dei rifiuti urbani e agricoli:  strategie per la riduzione dei rifiuti, la separazione dei rifiuti, il riciclaggio e il riutilizzo o il ritrattamento dei rifiuti; oltre a metodi migliorati di gestione dei rifiuti biologici come la digestione dei rifiuti anaerobici per la produzione di biogas, sono possibili alternative a basso costo per l'incenerimento aperto dei rifiuti solidi. Dove l'incenerimento è inevitabile, le tecnologie di combustione con severi controlli delle emissioni sono fondamentali.
 
 
                                                  Inquinamento atmosferico globale (per la carta interattiva cliccare qui)

 
I VIDEO OMS:
COME L'INQUINAMENTO ATMOSFERICO INFLUISCE SUL TUO CORPO

THE WALK HOME















 
02 maggio 2018
Ultimi articoli in Studi e Analisi
iPiùLetti [ultimi 7 giorni]
IlFarmacistaOnline.it
Quotidiano della Federazione degli Ordini dei Farmacisti Italiani: www.fofi.it
Direttore responsabile
Andrea Mandelli
Direttore editoriale
Cesare Fassari
Editore
Edizioni Health Communication srl
contatti
P.I. 08842011002
Riproduzione riservata.
Copyright 2010 © Health Communication Srl. Tutti i diritti sono riservati | P.I. 08842011002 | iscritta al ROC n. 14025 | Per la Uffici Commerciali Health Communication Srl
584