Quotidiano della Federazione Ordini Farmacisti Italiani
Venerdì 17 AGOSTO 2018
Studi e Analisi
Segui ilFarmacistaOnline
Studi e Analisi
L’Europa del lavoro secondo Eurostat. Nel 2017 tasso di occupazione (20-64 anni) al 72,2%. Italia staccata di 10 punti si ferma al 62,3%
I tassi di occupazione superiori al 75% sono stati registrati in Svezia (81,8%), Germania (79,2%), Estonia (78,7%), Repubblica Ceca (78,5%), Regno Unito (78,2%), Paesi Bassi (78,0%), Danimarca (76,9%), Lituania (76,0%) e Austria (75,4%). Dall'altra parte, il tasso di occupazione più basso è stato osservato in Grecia (57,8%), sebbene sia cresciuto nel corso dell'anno (+1,6%), seguita dall'Italia (62,3%, +0,7%), Croazia (63,6%, +2,2%), così come dalla Spagna (65,5%, +1,6 %).
01 MAG - In occasione della Festa dei lavoratori del 1 ° maggio, Eurostat ha aggiornato la visualizzazione dei dati interattivi sul mercato del lavoro nell'UE, gli Stati membri e i paesi EFTA con dati per il 2017.
 
Nel 2017, il tasso di occupazione delle persone tra i 20 ei 64 anni nell'Unione europea è stato del 72,2%, in aumento rispetto al 2016 (71,1%).
 
L'obiettivo della strategia Europa 2020 è raggiungere un tasso di occupazione totale per le persone di età compresa tra i 20 ei 64 anni di almeno il 75% entro il 2020.
 
Un target tradotto in diversi obiettivi nazionali al fine di rispecchiare la situazione e le possibilità di ciascuno Stato membro di contribuire all'obiettivo comune.
 

Il confronto con il 2016
Rispetto al 2016, il tasso di occupazione tra i 20 ei 64 anni è aumentato nel 2017 in tutti gli Stati membri tranne la Danimarca, dove è diminuito (-0,5%). È cresciuto più forte in Bulgaria (+3,6%), Slovenia (+3,3), Portogallo (+2,8), Romania (+ 2,5), Croazia (+2,2) ed Estonia (+2,1).
 
I tassi di occupazione superiori al 75% sono stati registrati in Svezia (81,8%), Germania (79,2%), Estonia (78,7%), Repubblica Ceca (78,5%), Regno Unito (78,2%), Paesi Bassi (78,0%), Danimarca (76,9%), Lituania (76,0%) e Austria (75,4%).
 
Tra questi Stati membri, Repubblica ceca, Germania, Estonia, Lituania e la Svezia hanno già raggiunto o superato i loro obiettivi nazionali per il 2020, così come l'Irlanda, Croazia, Lettonia e Malta.
 
Dall'altra parte, il tasso di occupazione più basso è stato osservato in Grecia (57,8%), sebbene sia cresciuto nel corso dell'anno (+1,6%), seguita dall'Italia (62,3%, +0,7%), Croazia (63,6%, +2,2%), così come dalla Spagna (65,5%, +1,6 %).
 
La situazione italiana
Su 45.278.000 di persone tra 15 e 74 anni, in Italia ce ne sono 25,8 milioni economicamente attive e 19,5 milioni economicamente inattive.
Delle persone economicamente attive quasi 23 milioni sono occupate, mentre poco meno di 3 milioni disoccupate. Tra gli occupati 17,7 milioni sono dipendenti, poco meno di 5 milioni autonomi e circa 289mila lavorano da casa.
 

 
Ore di lavoro e tipo di lavoro
La quota di dipendenti in part time varia dall'1% circa di tutti i dipendenti in Romania al 27% in Spagna. L'8% degli occupati nell'Ue ha lavorato almeno occasionalmente di notte. Questo va dal 3% in Italia al 15% in Croazia e Polonia.
 
La quota di dipendenti che lavoravano per molte ore (49 ore o più a settimana) è più alta nel Regno Unito e a Cipro (12% e 11% rispettivamente) e più bassa nei Paesi Bassi , Lituania e Bulgaria (meno dell'1%).
 
La proporzione di lavoratori autonomi varia dall'8% in Danimarca  al 30% in Grecia. La quota di dipendenti che di solito lavora da casa è più alta in Lussemburgo (10%) e più bassa in Romania , Lettonia , Croazia , Cipro e Lituania (meno dell'1%).
 
La proporzione della forza lavoro Ue-28 nella fascia di età 20-64 anni che riferisce che il lavoro principale era nel 2016 a tempo parziale è aumentata lentamente ma costantemente dal 14,9% nel 2002 al 19,0% nel 2015, per poi scendere marginalmente al 18,9% nel 2016.

La percentuale più alta di lavoratori part-time nel 2016 è nei Paesi Bassi (46,6%), seguiti da Austria, Germania, Belgio, Regno Unito, Svezia, Danimarca e Irlanda, dove il lavoro part-time ha riguardato più di un quinto degli occupati.

Per contro, il lavoro a tempo parziale era relativamente raro in Bulgaria (1,9% degli occupati), in Ungheria, Croazia, Repubblica ceca e Slovacchia (tra 4,8% e 5,7%).

L'incidenza del lavoro a tempo parziale differisce significativamente tra uomini e donne. Poco meno di un terzo (31,4%) delle donne di età compresa tra i 20 ei 64 anni occupate nell'Ue-28 ha lavorato a tempo parziale nel 2016, una proporzione molto più elevata della corrispondente quota di uomini (8,2%).
 
Quasi tre quarti (il 74,8%) delle donne occupate nei Paesi Bassi ha lavorato a tempo parziale nel 2016. Il lavoro part-time è aumentato nettamente tra il 1993 e il 2016 in Germania, Irlanda, Italia e Austria, mentre è diminuito notevolmente in Islanda.

La percentuale di persone che hanno più di un posto di lavoro è piccola e le persone con un'istruzione superiore hanno maggiori probabilità di avere un secondo lavoro rispetto alle persone con un'istruzione di livello medio o basso.
 

 
Occupazione e istruzione
I tassi di occupazione variano in misura considerevole a seconda del livello di istruzione. Le percentuali analizzate per livello di rendimento scolastico si basano sulla fascia di età da 25 a 64, in quanto le persone più giovani possono ancora essere in formazione, in particolare nell'istruzione terziaria, e questo può riflettersi sui tassi di occupazione.

Il tasso di occupazione delle persone di età compresa tra 25 e 64 anni che avevano completato un ciclo di istruzione terziaria, laurea, master o dottorato (o equivalenti) era dell'84,8% in tutta l'Ue-28 nel 2016, molto più alto del tasso (54,3 %) per chi aveva raggiunto non più di un'istruzione primaria o secondaria inferiore. Il tasso di occupazione nell'Ue-28 delle persone con un'istruzione superiore o post-secondaria non terziaria era pari al 74,8 per cento.
01 maggio 2018
Ultimi articoli in Studi e Analisi
IlFarmacistaOnline.it
Quotidiano della Federazione degli Ordini dei Farmacisti Italiani: www.fofi.it
Direttore responsabile
Andrea Mandelli
Direttore editoriale
Cesare Fassari
Editore
Edizioni Health Communication srl
contatti
P.I. 08842011002
Riproduzione riservata.
Copyright 2010 © Health Communication Srl. Tutti i diritti sono riservati | P.I. 08842011002 | iscritta al ROC n. 14025 | Per la Uffici Commerciali Health Communication Srl
420