Quotidiano della Federazione Ordini Farmacisti Italiani
Lunedì 21 MAGGIO 2018
Studi e Analisi
Segui ilFarmacistaOnline
Studi e Analisi
Giornata monduale autismo: l'Onu la concentra sui diritti delle donne. In Italia l'autismo coinvolge circa 500mila famiglie
In tutto il mondo, le persone con ASD sono spesso soggette a stigma, discriminazione e violazioni dei diritti umani. Globalmente, osserva l'Oms, l'accesso ai servizi e al supporto per le persone con ASD è inadeguato. E per le donne che soffrono del disturbo la situazione è ancora più difficile. Al Bambino Gesù di Roma un network internazionale per sviluppare e condividere i progressi della ricerca e mettere a punto protocolli diagnostici e terapeutici accessibili a tutti. LA RISOLUZIONE OMS SULL'AUTISMO.
02 APR - Pasquetta 2018 coincide quest’anno con la Giornata mondiale della consapevolezza dell’autismo, istituita dall’Onu e dall’Oms nel 2007 e che si celebra ogni anno il 2 aprile.

Secondo i dati dell’Organizzazione mondiale della sanità un bambino su 160 ha un disturbo dello spettro autistico (ASD) che inizia nell'infanzia e tende a persistere nell'adolescenza e nell'età adulta.

Mentre alcune persone con ASD possono vivere in modo indipendente, altre hanno gravi disabilità e necessitano di assistenza e supporto per tutta la vita.

Gli interventi psicosociali basati sull'evidenza, come il trattamento comportamentale e i programmi di formazione delle competenze genitoriali, possono ridurre le difficoltà nella comunicazione e nel comportamento sociale, con un impatto positivo sul benessere e sulla qualità della vita delle persone con ASD e dei loro caregivers.

Gli interventi per le persone con ASD, secondo l’Oms, devono essere accompagnati da azioni più ampie per rendere gli ambienti fisici, sociali e attitudinali più accessibili, inclusivi e di supporto.

In tutto il mondo, le persone con ASD sono spesso soggette a stigma, discriminazione e violazioni dei diritti umani. Globalmente, osserva l'Oms, l'accesso ai servizi e al supporto per le persone con ASD è inadeguato.

Anche le Nazioni Unite sono direttamente coinvolte nella giornata e a novembre 2017, l'Assemblea generale delle Nazioni Unite ha adottato una risoluzione richiamando l'attenzione sulle particolari sfide che le donne e le ragazze con disabilità affrontano nel contesto dell'attuazione della Convenzione sui diritti delle persone con disabilità (CRPD).

La risoluzione esprime preoccupazione per le donne e le ragazze con disabilità, soggette a molteplici e intersecanti forme di discriminazione, che limitano il loro godimento di tutti i diritti umani e le libertà fondamentali.

Le celebrazioni della Giornata mondiale per la consapevolezza dell'autismo nel 2018 presso la sede delle Nazioni Unite a New York si concentreranno sull'importanza di responsabilizzare le donne e le ragazze autistiche e anche di coinvolgere le loro organizzazioni rappresentative nella politica e nel processo decisionale per affrontare la questione a tutti i livelli.

Giovedì 5 aprile presso la Camera del Consiglio economico e sociale, sede delle Nazioni Unite, è stato organizzato un convegno sul tema “"Potenziare le donne e le ragazze con autismo".

"In occasione della Giornata mondiale di sensibilizzazione sull'autismo – ha detto il Segretario generale Onu António Guterres -  riaffermiamo il nostro impegno a promuovere la piena partecipazione di tutte le persone con autismo e assicuriamo che abbiano il sostegno necessario per poter esercitare i loro diritti e le loro libertà fondamentali".

Le ragazze con disabilità, infatti,  hanno meno probabilità di completare la scuola primaria e hanno maggiori probabilità di essere emarginate o che gli venga negato l'accesso all'istruzione. Le donne con disabilità hanno un tasso di occupazione inferiore rispetto agli uomini con disabilità e alle donne senza disabilità.

A livello globale, le donne sono più soggette a violenza fisica, sessuale, psicologica ed economica  rispetto agli uomini.

Inoltre, per la chiusura nei loro confronti e gli stereotipi verso la loro condizione, le donne e le ragazze con disabilità si devono costantemente confrontare con ostacoli nell’accesso ai servizi di salute sessuale e riproduttiva e alle informazioni sull'educazione sessuale completa.

Altre questioni chiave da affrontare includono sfide e opportunità per il raggiungimento dei diritti in materia di matrimonio, famiglia e genitorialità sulla base di uguaglianza con gli altri, come sottolineato nell'articolo 23 della CRPD e negli Obiettivi di sviluppo sostenibile (SDG) adottati dal mondo leader delle Nazioni Unite nel 2015 (SDG 5.6).

In Italia, spiegano gli esperti del Bambino Gesù, il problema coinvolge circa 500.000 famiglie.

E un network internazionale formato da studiosi provenienti da 20 Paesi e 4 continenti, per sviluppare e condividere i progressi della ricerca sull’autismo e mettere a punto protocolli diagnostici e terapeutici accessibili a tutti è nato proprio all’ospedale pediatrico Bambino Gesù di Roma, come annunciato in occasione della giornata mondiale.

L’Onu ogni anno il 2 aprile promuove una raccolta fondi e accende di blu i principali monumenti del mondo, come l’Empire State Building di New York o il Cristo Redentore di Rio de Janeiro. A Roma sia la sera di Pasqua che stasera e, la fontana dei Dioscuri in piazza del Quirinale è illuminata di blu per testimoniare l’adesione della Presidenza della Repubblica alla Giornata.

L’iniziativa nasce dall’esigenza di porre un freno allo squilibrio, denunciato dall’Organizzazione mondiale della sanità, sulla conoscenza dell’autismo in vaste aree del mondo, soprattutto nei Paesi a basso o medio reddito, dove l’accesso alla diagnosi e ai trattamenti è di fatto precluso.

“La maggior parte degli studi – si legge in un comunicato del Bambino Gesù – è condotta in pochi Paesi, tutti ad alto reddito: l’86,5% dei casi di autismo identificati negli studi epidemiologici proviene, infatti, da Nord America, Europa e Giappone, lasciando il resto del mondo fuori dal monitoraggio”.-

Nel maggio 2014, la sessantasettesima Assemblea mondiale della sanità dell’Oms ha anche adottato una risoluzione dal titolo "Sforzi completi e coordinati per la gestione dei disturbi dello spettro autistico (ASD)", che è stata sostenuta da oltre 60 paesi.

La risoluzione esorta l'Oms a collaborare con gli Stati membri e le agenzie partner per rafforzare le capacità nazionali per affrontare la DSA e altri disturbi dello sviluppo.

L'Oms ei suoi partner riconoscono la necessità di rafforzare le capacità dei paesi di promuovere salute e benessere ottimali per tutte le persone con ASD.

Gli sforzi si stanno concentrando su:

• contribuire a rafforzare l'impegno dei governi e la difesa internazionale sull'autismo;
• fornire indicazioni sulla creazione di politiche e piani d'azione che affrontino l'ASD nel quadro più ampio della salute mentale e delle disabilità;
• contribuire allo sviluppo di prove su strategie efficaci e scalabili per la valutazione e il trattamento dell'ASD e di altri disturbi dello sviluppo.
02 aprile 2018
Ultimi articoli in Studi e Analisi
iPiùLetti [ultimi 7 giorni]
IlFarmacistaOnline.it
Quotidiano della Federazione degli Ordini dei Farmacisti Italiani: www.fofi.it
Direttore responsabile
Andrea Mandelli
Direttore editoriale
Cesare Fassari
Editore
Edizioni Health Communication srl
contatti
P.I. 08842011002
Riproduzione riservata.
Copyright 2010 © Health Communication Srl. Tutti i diritti sono riservati | P.I. 08842011002 | iscritta al ROC n. 14025 | Per la Uffici Commerciali Health Communication Srl
485