Quotidiano della Federazione Ordini Farmacisti Italiani
Giovedì 19 APRILE 2018
Studi e Analisi
Segui ilFarmacistaOnline
Studi e Analisi
Ogni anno 100 milioni di persone diventano povere per far fronte a spese sanitarie. In Italia sono 5,5 milioni. I dati Oms e Banca mondiale presentati a Tokio
Ma ci sono anche buone notizie: il rapporto mostra che il 21° secolo ha visto un aumento del numero di persone in grado di ottenere alcuni servizi sanitari chiave, come l'immunizzazione e la pianificazione familiare, così come il trattamento antiretrovirale per HIV e zanzariere trattate con insetticida per prevenire la malaria. Il progresso, tuttavia, è molto irregolare. GLOBAL MONITORING REPORT 2017 - MONITORAGGIO DELLA COPERTURA SANITARIA UNIVERSALE NELL'AMBITO DEGLI SDG - PROGRESSI NELL'IMPOVERIMENTO DELLA SPESA SANITARIA IN 122 PAESIPROGRESSI SULLA SPESA PER LA SALUTE CATASTROFICA IN 133 PAESI.
13 DIC - Metà della popolazione mondiale non può ottenere servizi sanitari essenziali, secondo un nuovo rapporto della Banca Mondiale e dell'Oms. E ogni anno un gran numero di famiglie viene spinto verso la povertà perché deve pagare l'assistenza sanitaria di tasca propria.

Attualmente, 800 milioni di persone spendono almeno il 10% dei loro bilanci familiari per le spese sanitarie, per se stessi, un bambino malato o un altro membro della famiglia. Per quasi 100 milioni di persone queste spese sono abbastanza alte da spingerle in condizioni di estrema povertà, costringendole a sopravvivere con soli 1,90 dollari o anche meno al giorno. 

I risultati, pubblicati oggi su Tracking Universal Health Coverage: 2017 Global Monitoring Report, sono stati pubblicati simultaneamente anche su Lancet Global Health (secondo i dati riportati nei grafici in Italia soffrirebbero di povertà a causa delle spese sanitarie circa 5,5 milioni di persone).

"È assolutamente inaccettabile che a metà del mondo manchi ancora la copertura per i servizi sanitari più essenziali", ha affermato Tedros Adhanom Ghebreyesus, direttore generale Oms. "E non è necessario. Esiste una soluzione: la copertura sanitaria universale (UHC) consente a tutti di ottenere i servizi sanitari di cui hanno bisogno, quando e dove ne hanno bisogno, senza affrontare difficoltà finanziarie".

"Il rapporto chiarisce che se agiamo seriamente non solo per ottenere migliori risultati sanitari, ma anche per porre fine alla povertà, dobbiamo urgentemente aumentare i nostri sforzi sulla copertura sanitaria universale", ha detto il presidente del Gruppo della Banca Mondiale, Jim Yong Kim. "Gli investimenti in salute, e più in generale gli investimenti nelle persone, sono fondamentali per costruire capitale umano e consentire una crescita economica sostenibile e inclusiva, ma il sistema non va: abbiamo bisogno di un cambiamento fondamentale nel modo in cui mobilitiamo le risorse per la salute e il capitale umano, specialmente a livello nazionale Stiamo lavorando su molti fronti per aiutare i paesi a spendere sempre più efficacemente le persone e ad aumentare i loro progressi verso una copertura sanitaria universale ".

Ma ci sono anche buone notizie: il rapporto mostra che il 21° secolo ha visto un aumento del numero di persone in grado di ottenere alcuni servizi sanitari chiave, come l'immunizzazione e la pianificazione familiare, così come il trattamento antiretrovirale per HIV e zanzariere trattate con insetticida per prevenire la malaria. Inoltre, un numero inferiore di persone viene ridotto a una povertà estrema rispetto all'inizio del secolo. Il progresso, tuttavia, è molto irregolare.

Vi sono ampie lacune nella disponibilità di servizi nell'Africa subsahariana e nell'Asia meridionale. 

In altre regioni, i servizi di assistenza sanitaria di base come la pianificazione familiare e l'immunizzazione infantile sono sempre più disponibili, ma la mancanza di protezione finanziaria comporta crescenti difficoltà finanziarie per le famiglie che pagano questi servizi di tasca propria. 

Questa è anche una sfida in regioni più ricche come l'Asia orientale, l'America latina e l'Europa, dove un numero crescente di persone spende almeno il 10% del proprio bilancio familiare per spese sanitarie. 

Le disuguaglianze nei servizi sanitari sono viste non solo tra, ma anche all'interno dei paesi: le medie nazionali possono mascherare i bassi livelli di copertura del servizio sanitario nei gruppi di popolazione svantaggiati. 

Il rapporto è un punto chiave di discussione al Global Universal Coverage Forum 2017, attualmente in corso a Tokyo, in Giappone. Convocato dal governo del Giappone, uno dei principali sostenitori dell'UHC a livello nazionale e globale, il Forum è sponsorizzato dalla Japan International Cooperation Agency (JICA), UHC2030, il principale movimento mondiale che difende UHC, UNICEF, la Banca Mondiale e l'Oms. 

Il primo ministro giapponese Shinzo Abe, il segretario generale delle Nazioni Unite Antonio Guterres, il presidente della Banca mondiale Kim, il direttore generale dell'Oms Tedros e il direttore esecutivo dell'UNICEF Anthony Lake sono tutti presenti, oltre ai capi di stato e ai ministri di oltre 30 paesi.
 
"Le esperienze passate ci hanno insegnato che progettare un solido meccanismo di finanziamento della salute che protegga ogni persona vulnerabile dalle difficoltà finanziarie, nonché lo sviluppo di strutture sanitarie e una forza lavoro per fornire i servizi sanitari necessari ovunque viva la gente, sono di fondamentale importanza per raggiungere tutti ", ha detto Katsunobu Kato, ministro della sanità, del lavoro e del welfare del Giappone. "Sono fermamente convinto che questi investimenti iniziali per UHC da parte di tutto il governo siano stati un importante fattore abilitante nel rapido sviluppo economico giapponese in seguito."
 
IL DATABASE GLOBALE DELLE SPESE SANITARIE
13 dicembre 2017
Ultimi articoli in Studi e Analisi
IlFarmacistaOnline.it
Quotidiano della Federazione degli Ordini dei Farmacisti Italiani: www.fofi.it
Direttore responsabile
Andrea Mandelli
Direttore editoriale
Cesare Fassari
Editore
Edizioni Health Communication srl
contatti
P.I. 08842011002
Riproduzione riservata.
Copyright 2010 © Health Communication Srl. Tutti i diritti sono riservati | P.I. 08842011002 | iscritta al ROC n. 14025 | Per la Uffici Commerciali Health Communication Srl
446