Quotidiano della Federazione Ordini Farmacisti Italiani
19 NOVEMBRE 2017
Studi e Analisi
Segui ilFarmacistaOnline
Studi e Analisi
Eurostat. Il 37% di morti nell’Ue è per patologie cardiocircolatorie. Prima la Bulgaria (66%), in coda la Danimarca (24%), l’Italia (36.78%) è in media Ue. Il 29 settembre giornata mondiale del cuore
Statistiche Eurostat sui decessi per patologie cardiocircolatorie in occasione della giornata modniale del cuore (29 settembre): Le donne (994.600 morti) sono state più colpite degli uomini (838.100). Inoltre, le malattie cardiache fatali sono state responsabili del 40% di tutte le morti della popolazione dell'Ue oltre i 65 anni e per meno di un quarto (22%) per la popolazione più giovane (di età inferiore ai 65 anni).
28 SET - Le malattie del sistema circolatorio sono state nel 2014 causa di morte per 1,833 milioni di persone nell'Unione europea: oltre un terzo (37%) di tutte le morti nell'Ue.

Le donne (994.600 morti) sono state più colpite degli uomini (838.100). Inoltre, le malattie cardiache fatali sono state responsabili del 40% di tutte le morti della popolazione dell'Ue oltre i 65 anni e per meno di un quarto (22%) per la popolazione più giovane (di età inferiore ai 65 anni).

Gli attacchi cardiaci sono rimasti il ​​principale tipo di patologia cardiaca fatale nell'Ue e hanno portato alla morte di quasi 623.100 persone (il 34% di tutte le morti causate da malattie del sistema circolatorio), mentre gli ictus hanno ucciso quasi 422.000 persone (il 23% ).

Eurostat pubblica le statistiche sulle morti per patologie cardiache in occasione della giornata mondiale del cuore del 29 settembre.

Malattie cardiache e ictus sono stati la causa di due terzi di tutte le morti in Bulgaria (66%) e di oltre 1 su 2 decessi in Romania (59%), Lettonia (57%), Lituania (56%), Estonia (53%) e Ungheria (50%).

Al contrario, le malattie del sistema circolatorio hanno rappresentato un quarto o meno di tutte le cause di morte in Danimarca (24%) e in Francia (25%) e meno di un terzo nel Regno Unito (27%), nei Paesi Bassi ( 28%), Belgio (29%), Irlanda e Spagna (entrambi del 30%), Lussemburgo e Portogallo (entrambi del 31%).

In quasi tutti gli Stati membri dell'Ue le malattie del sistema circolatorio hanno ucciso più donne rispetto agli uomini. La Slovenia (60%), l'Estonia (59%), la Lettonia, la Lituania, l'Austria (58%) e (57%) sono stati gli Stati membri che hanno registrato le percentuali maggiori di donne decedute per tutte le malattie cardiache fatali nel 2014.

Il dato dell’Italia fornito nella classifica Eurostat pone il nostro paese esattamente nella media Ue con il 37% (il 36,78% per essere esatti) di decessi per questo tipo di patologie che rappresenta il 12% delle morti nell’Ue per patologie cardiocircolatorie . Anche in Italia le più colpite (56,37%) sono le donne mentre gli uomini si fermano al 43,63 per cento.

 

 
28 settembre 2017
Ultimi articoli in Studi e Analisi
iPiùLetti [ultimi 7 giorni]
IlFarmacistaOnline.it
Quotidiano della Federazione degli Ordini dei Farmacisti Italiani: www.fofi.it
Direttore responsabile
Andrea Mandelli
Direttore editoriale
Cesare Fassari
Editore
Edizioni Health Communication srl
contatti
P.I. 08842011002
Riproduzione riservata.
Copyright 2010 © Health Communication Srl. Tutti i diritti sono riservati | P.I. 08842011002 | iscritta al ROC n. 14025 | Per la Uffici Commerciali Health Communication Srl
534