Quotidiano della Federazione Ordini Farmacisti Italiani
Mercoledì 18 OTTOBRE 2017
Studi e Analisi
Segui ilFarmacistaOnline
Studi e Analisi
Obesità: lItalia tra i Paesi più virtuosi anche in proiezione nel 2030. Gli Stati Uniti tra i peggiori. Aggiornamento 2017 dell'Ocse
Tra le strategie anti-obesità, politiche di comunicazione, etichette, aumento dei prezzi dei prodotti malsani. L'obesità è aumentata più rapidamente tra i “meno educati”, sia uomini che donne, nella maggior parte dei paesi. Negli Stati Uniti invece, i tassi sono cresciuti più rapidamente tra le persone con maggiore educazione. Le persone obese hanno prospettive di lavoro minori se confrontate con le persone di peso normale e guadagnano circa il 10% in meno rispetto alle persone non obese. L'AGGIORNAMENTO OCSE.
19 LUG - Oggi, più di un adulto su due e quasi uno su sei bambini sono in sovrappeso o obesi nell'area Ocse. L'”epidemia” di obesità – come la definisce l’Ocse - si è diffusa ulteriormente negli ultimi cinque anni, anche se a un ritmo più lento degli anni precedenti. Nonostante ciò, le nuove proiezioni mostrano un aumento continuo dell'obesità in tutti i paesi analizzati.
 
Negli ultimi anni sono emerse nuove strategie di politica intese a combattere l'obesità e su queste si focalizza l’ultimo aggiornamento prodotto dall’Ocse che analizza le possibili politiche di comunicazione conto  l'obesità, in particolare migliorando le informazioni nutrizionali sulle etichette alimentari, utilizzando i social per sensibilizzare la popolazione o regolando la commercializzazione dei prodotti alimentari.
 
Una migliore comunicazione, sottolinea l’Ocse, aiuta le persone a fare scelte più sane. Tuttavia, sono necessari interventi  politici che riguardano non solo la comunicazione, ma anche politiche regolamentari e fiscali più ampie, per affrontare efficacemente l'obesità. Per quanto riguarda le misure fiscali in particolare, sono state implementate negli ultimi anni in un numero di paesi Ocse (ad esempio Belgio, Cile, Finlandia, Francia, Ungheria e Messico), aumentando il prezzo di prodotti potenzialmente malsani come quelli ad alto contenuto di sale, zucchero o grasso, o delle bevande zuccherine.
 
I paesi hanno utilizzato un gran numero di politiche e oltre i prezzi hanno agito sulla scuola e negli ambienti di lavoro, nell'assistenza primaria (ad esempio con la prescrizione dell'attività fisica), con la riformulazione di prodotti, cambiamenti nelle dimensioni delle porzioni e politiche sui trasporti come ad esempio sovvenzioni per il pendolarismo attivo invece dell’uso dell’automobile.
 
La situazione
I tassi di obesità negli adulti  sono  più alti negli Stati Uniti, Messico, Nuova Zelanda Ungheria, mentre sono più bassi in Giappone, Corea e Italia e sono destinati ad aumentare ulteriormente entro il 2030, e Corea e Svizzera sono i paesi in cui i tassi aumenteranno a un ritmo più veloce.
 


 
Le disuguaglianze sociali nel sovrappeso e nell’obesità sono forti, soprattutto tra le donne. In circa la metà degli otto paesi per i quali sono disponibili dati in questo senso, le donne con bassi livelli di istruzione hanno due o tre volte più probabilità di essere in sovrappeso di chi ha un livello di istruzione superiore.
Nel 2015 i dati Ocse indicano che il 19,5% di adulti in media era obeso. Questo tasso varia da meno del 6% in Corea e Giappone e meno del 10% in Italia, a più del 30% in Ungheria, Nuova Zelanda, Messico e Stati Uniti. Più di un adulto su quattro è obeso in Australia, Canada, Cile, Sud Africa e nel Regno Unito.
 
I tassi di sovrappeso e obesità sono cresciuti rapidamente in Inghilterra, Messico e Stati Uniti dagli anni ’90 in poi, mentre negli altri sette Paesi Ocse per i quali sono disponibili questi dati, tra cui l’Italia,  l'aumento è stato più lento nel decennio passato, il tasso di prevalenza di sovrappeso e di obesità è aumentato in Canada, Francia, Messico, Svizzera e Stati Uniti, mentre è stabile per Inghilterra, Italia, Corea e Spagna.
 
La quota di bambini in sovrappeso o obesi all'età di 15 anni varia dal 10% in Danimarca al 31% negli Stati Uniti. L’Italia, con il 15,5% è sovrapponibile alla media Ocse. Nonostante le politiche messe in atto nei paesi Ocse per alcuni anni il numero di quindicenni in sovrappeso o obesi è aumentato costantemente dal 2000 nella maggior parte dei paesi.
Un'analisi più dettagliata sui bambini tra 3 ei 17 anni su diversi anni ha evidenziato tassi relativamente stabili in Francia fino al 2012, mentre la  tendenza è verso l’alto sia nei ragazzi che nelle ragazze per l’Inghilterra nello stesso anno e per i ragazzi negli Stati Uniti nel 2011.
 
Per il futuro, le proiezioni dell'Ocse mostrano un costante aumento dei tassi di obesità fino al 2030 e in particolare saranno più elevati negli Stati Uniti, Messico e Inghilterra, dove il 47%, il 39% e il 35% della popolazione è previsto sarà obesa. Al contrario, l'aumento dovrebbe essere più contenuto in Italia e in Corea, con tassi di obesità proiettati rispettivamente al 13% e al 9% nel 2030. Il livello di obesità in Francia è prossimo a quello della Spagna, al 21% nel 2030.
 
Nella maggior parte dei paesi le donne sono più obese degli uomini (ma non in Italia). Tuttavia l'obesità maschile sta crescendo più rapidamente. Le donne meno istruite hanno da due a tre volte di più probabilità di essere in sovrappeso rispetto a quelle con un più alto livello di istruzione in circa la metà degli otto Paesi per i quali sono disponibili dati, Italia compresa. Le disparità sono minori per gli uomini, anche se in crescita.
 
Le disuguaglianze sono cresciute in Italia, Spagna, Corea e Inghilterra tra il 2010 e il 2014. Hanno Si sono ridotte per entrambi i generi in Canada, e per gli uomini solo in Francia e Ungheria.
 
L'obesità è aumentata più rapidamente tra i “meno educati”, sia uomini che donne, nella maggior parte dei paesi. Negli Stati Uniti invece, i tassi sono cresciuti più rapidamente tra le persone con maggiore educazione. L'educazione e lo sfondo socio-economico influenzano l’obesità. Viceversa, l'obesità danneggia il mercato del lavoro, risultati questi che contribuiscono al rafforzamento delle disuguaglianze sociali esistenti.
 
Le persone obese hanno prospettive di lavoro minori se confrontate con le persone di peso normale. Le persone obese sono meno produttive a causa el maggior numero di giorni di malattia e del minor numero di ore lavorate e guadagnano circa il 10% in meno rispetto alle persone non obese.
 
Affrontare l'obesità , conclude l’Ocse, e i suoi effetti negativi associati al mercato del lavoro, aiuta a rompere il circolo vizioso dei problemi sociali di salute e delle disuguaglianze.
19 luglio 2017
Ultimi articoli in Studi e Analisi
IlFarmacistaOnline.it
Quotidiano della Federazione degli Ordini dei Farmacisti Italiani: www.fofi.it
Direttore responsabile
Andrea Mandelli
Direttore editoriale
Cesare Fassari
Editore
Edizioni Health Communication srl
contatti
P.I. 08842011002
Riproduzione riservata.
Copyright 2010 © Health Communication Srl. Tutti i diritti sono riservati | P.I. 08842011002 | iscritta al ROC n. 14025 | Per la Uffici Commerciali Health Communication Srl
696