Quotidiano della Federazione Ordini Farmacisti Italiani
Martedì 17 OTTOBRE 2017
Studi e Analisi
Segui ilFarmacistaOnline
Studi e Analisi
L’Oms Europa punta sull’assistenza primaria e sui servizi sanitari integrati. Nasce il gruppo consultivo Health Care Advisory Group Delivery
Tre le aree chiave: ricerca di modelli innovativi per integrare l'assistenza sanitaria primaria con i servizi sanitari pubblici; migliorare il coordinamento tra l'assistenza sanitaria primaria e di altri servizi sanitari, compresi gli ospedali e servizi specializzati; integrare l'assistenza sanitaria primaria e l'assistenza sociale, in particolare per le esigenze crescenti della popolazione anziana in aumento. prodotta a fine 2016 una guida per rafforzare i sistemi sanitari centrati sulle persone. IL DOCUMENTO OMS. 
26 GIU - L’Oms non ha dubbi: per garantire l’assistenza e la cura delle persone, nella Regione europea la politica dei prossimi anni deve puntare a spostare l’attenzione e i modelli di assistenza sulle cure primarie, vicino alle persone.
 
E i membri del gruppo consultivo Health Care Advisory Group Delivery dell’Oms - riuniti a Almaty, Kazakistan, il 20-21 giugno 2017 per la riunione inaugurale del gruppo -   useranno la loro esperienza per sostenere il rafforzamento di questa politica e faciliteranno la collaborazione con i settori interessati, i partner e le parti interessate, anche con un forum per la condivisione di esperienze e conoscenze tecniche.
 
Il lavoro del gruppo consultivo si concentra su tre aree chiave indicate nel quadro d'azione europeo sulla gestione integrata dello sviluppo dei servizi sanitari, che i paesi della regione europea dell'Oms hanno approvato:
 
1. ricerca di modelli innovativi per integrare l'assistenza sanitaria primaria con i servizi sanitari pubblici;
 
2. migliorare il coordinamento tra l'assistenza sanitaria primaria e di altri servizi sanitari, compresi gli ospedali e servizi specializzati;
 
3. integrare l'assistenza sanitaria primaria e l'assistenza sociale, in particolare per le esigenze crescenti della popolazione anziana in aumento.
 
La necessità di trasformazione e nuove relazioni
Nel suo discorso di apertura, il direttore regionale per l'Europa dell'Oms Zsuzsanna Jakab ha  ricordato ai partecipanti la Dichiarazione di Alma-Ata del 1978, in cui si è sottolineata la necessità di portare l'organizzazione dei servizi sanitari vicino alle case delle persone.
 “Una cosa è certa – ha detto-: è necessaria una trasformazione che richiede un'azione intersettoriale. Si chiede partnership e nuove relazioni, in quanto i pazienti e le popolazioni diventano sempre più impegnati. Si chiedono nuove forme di relazioni tra operatori sanitari e tra le comunità e le autorità locali, regionali e nazionali. I cambiamenti marginali non sono sufficienti“.
 
Il quadro d'azione europeo sulla gestione integrata dello sviluppo dei servizi sanitari
Il quadro d'azione europeo sulla gestione integrata dello sviluppo dei servizi sanitari (EFFA IHSD) è un quadro politico approvato all'unanimità dagli Stati membri alla 66a sessione del Comitato Regionale per l'Europa. Strategicamente allineato con altri impegni, si propone di semplificare e accelerare gli sforzi per trasformare la qualità dei servizi sanitari, per far avanzare la priorità della Regione di rispondere alle sfide della salute del 21° secolo.
 
Perché è necessaria l’integrazione dei servizi sanitari
Gli Stati membri della Regione Europea dell'Oms e non solo sono davanti alla sfida della gestione del crescente peso delle malattie non trasmissibili (MNT) accoppiato con aspettative di vita più lunghe e delle malattie trasmissibili persistenti e riemergenti. La risposte a queste sfide di salute sono diversificate e specializzate, ma anche spesso frammentate e distribuite in maniera ineguale. I progressi nel campo della ricerca e la crescente organizzazione di pazienti e popolazioni offrono la possibilità di ripensare il modo in cui i servizi sono progettati, organizzati, gestiti e migliorati.
 
Fornire servizi sanitari integrati è un approccio all’innovazione e l'attuazione di servizi di sviluppo sostenibile per migliorare i risultati di salute; è un mezzo e non un fine. Legati ai principi inizialmente stabiliti nel 1978 dalla Dichiarazione di Alma-Ata, la visione dell'assistenza sanitaria di base si concentra sulla progettazione delle condizioni ottimali per rafforzare i sistemi sanitari incentrati sulle persone.
 
In questo sono importanti secondo l’Oms alcuni passaggi:
• fornitura completa di servizi di qualità in tutto il corso della vita;
• progettare in base alle esigenze multidimensionali delle popolazioni e degli individui;
• operatività di un team coordinato di professionisti attraverso i livelli di assistenza;
• gestione efficace per garantire risultati ottimali e uso appropriato delle risorse basate sulle migliori evidenze disponibili;
• cicli di feedback per migliorare costantemente le prestazioni e affrontare le cause a monte della cattiva salute;
• promozione del benessere attraverso azioni intersettoriali.
 
Quali vantaggi
La fornitura dei servizi sanitari integrati migliora i risultati di salute. Il meccanismo si è dimostrato più efficace per la gestione delle malattie non trasmissibili e malattie croniche. Strategicamente punta a organizzare, coordinare e supervisionare i servizi sanitari  per i paesi che in questo modo possono migliorare la qualità delle cure, dare accesso sicuro, diminuire i ricoveri inutili e le ri-ospedalizzazioni e aumentare l'aderenza al trattamento.
 
La fornitura dei servizi sanitari integrati affronta l'ingiustizia.  Incoraggia la selezione di servizi in base alle esigenze e ai determinanti delle popolazioni e si estende su un ampio continuum di tipi di cura, dalla tutela della salute, promozione della salute e prevenzione delle malattie, diagnosi, trattamento, gestione della malattia, assistenza a lungo termine, riabilitazione e cure palliative,  cura. I servizi sanitari integrati contribuiscono direttamente al miglioramento dei risultati di salute e di maggiore benessere e qualità della vita, ognuno dei quali può produrre importanti benefici economici, sociali e individuali.
 
Lo sviluppo dei servizi integrati può essere “conveniente”. Secondo i principi di efficienza allocativa, migliorare la distribuzione delle risorse dovrebbe portare a una maggiore efficienza e una maggiore economicità. I miglioramenti includono un migliore coordinamento delle risorse, la riduzione della duplicazione di procedure e del disagio del paziente, tempi di attesa più brevi e meno spreco di risorse.
 
L'EFFA IHSD si allinea con la strategia dell'Oms per i servizi sanitari integrati incentrati sulle persone, adottata dagli Stati membri alla 69 Assemblea Mondiale. Questo quadro globale identifica cinque strategie interdipendenti per il sostegno della centralità della persona e dei servizi sanitari integrati.
 
L'EFFA IHSD è anche pienamente in linea con il quadro politico generale di Europe Health 2020 dell’Oms, che identifica il rafforzamento dei sistemi sanitari centrati sulle persone come una delle sue quattro aree prioritarie.
 
Per questo OMS Europa lavora con gli Stati membri a:
(1) trasformare i servizi sanitari per rispondere alle sfide sanitarie del 21° secolo;
(2) cercare di ridurre al minimo i pagamenti out-of-pocket.
 
E l'EFFA IHSD fa da guida per gli Stati membri nel primo di questi settori prioritari.
Infine, in uno sforzo per coordinare e integrare le azioni e accelerare l'attuazione di politiche supplementari, l'EFFA IHSD è in linea con gli impegni su:
• risultati NCD (le malattie non trasmissibili);
• la salute delle donne;
• salute riproduttiva;
• strategie di malattie specifiche.
 
L'EFFA IHSD ha sviluppato una serie di risorse per sostenere gli Stati membri nella gestione dello sviluppo dei  servizi sanitari. Queste risorse includono documenti analitici, relazioni di sintesi e documenti relativi a temi come, ad esempio, le competenze del personale sanitario, l'impegno del paziente e la responsabilizzazione della popolazione, e anche le responsabilità per lo sviluppo servizi sanitari integrati che presenta esperienze, casi e iniziative nazionali in tal senso, compresa la valutazione dei ricoveri evitabili grazie all’assistenza delle cure ambulatoriali.
 
L’ultimo documento prodotto è quello presentato all’Assemblea della Regione europea a fine 2016 “Rafforzare i sistemi sanitari centrati sulle persone nella regione europea dell'Oms: quadro per un’azione sulla fornitura di servizi sanitari integrati”
26 giugno 2017
Ultimi articoli in Studi e Analisi
iPiùLetti [ultimi 7 giorni]
IlFarmacistaOnline.it
Quotidiano della Federazione degli Ordini dei Farmacisti Italiani: www.fofi.it
Direttore responsabile
Andrea Mandelli
Direttore editoriale
Cesare Fassari
Editore
Edizioni Health Communication srl
contatti
P.I. 08842011002
Riproduzione riservata.
Copyright 2010 © Health Communication Srl. Tutti i diritti sono riservati | P.I. 08842011002 | iscritta al ROC n. 14025 | Per la Uffici Commerciali Health Communication Srl
429