Quotidiano della Federazione Ordini Farmacisti Italiani
Lunedì 05 DICEMBRE 2022
Studi e Analisi
Segui ilFarmacistaOnline
Studi e Analisi
Oms Europa: “Telemedicina fondamentale durante pandemia”
La conferma in un nuovo studio svolto da Oms Europa in collaborazione con l’Università Oberta della Catalogna che ha esaminato i dati di oltre 20.000 studi provenienti da 53 paesi della regione, che coprono oltre 20.000 pazienti arruolati. LO STUDIO.
02 NOV -

Durante la pandemia Covid le tecnologie di telemedicina sono state utili nello screening, nella diagnosi, nella gestione, nel trattamento e nel follow-up a lungo termine di una serie di malattie croniche nella regione europea dell'OMS. Lo rileva un nuovo studio dell'OMS/Europa e della Facoltà di scienze della salute presso l’Università Oberta de Catalunya, un centro di collaborazione dell'OMS in eHealth.

Durante la pandemia i paesi europei hanno fatto molto affidamento sulle tecnologie digitali per continuare a fornire servizi sanitari essenziali ai pazienti. L'uso della telemedicina era già considerato un approccio accessibile ed economico per fornire cure di alta qualità e ridurre la morbilità e la mortalità complessive.

Per avere una panoramica dello stato attuale della telemedicina in Europa e in Asia centrale, gli autori hanno esaminato i dati di oltre 20.000 studi provenienti da 53 paesi della regione, che coprono oltre 20.000 pazienti arruolati.

Ostacoli nell'erogazione della telemedicina
"Abbiamo scoperto che l'uso di strumenti digitali per fornire servizi sanitari ha avuto un effetto chiaro e significativo sui pazienti", spiega il dott. David Novillo-Ortiz, consigliere regionale per i dati e la salute digitale e autore principale dello studio che ha aggiunto: "Abbiamo riscontrato risultati clinici migliori, un migliore follow-up da parte degli operatori sanitari e un beneficio generale sia per i pazienti che per gli operatori sanitari".

Allo stesso tempo, lo studio ha anche rilevato barriere legate agli utenti, alla tecnologia e alle infrastrutture.

"Questi includono la mancanza o lo scarso accesso a Internet, la resistenza degli operatori sanitari, le carenze nella loro conoscenza della tecnologia, i carichi di lavoro pesanti o la formazione insufficiente", ha aggiunto il dottor Novillo-Ortiz.

Lo studio ha rilevato che alcuni pazienti hanno mostrato resistenza all'uso della telemedicina, principalmente a causa della loro preferenza per il contatto personale con gli operatori sanitari.

Approcci completi necessari per gli interventi di telemedicina
“Sulla base di questi risultati positivi che mostrano quanto possa essere efficace la telemedicina, i responsabili politici dovrebbero considerare di promuoverne l'attuazione diffusa, riconoscendo e affrontando anche alcune di queste barriere, in modo che i benefici per la salute di questi strumenti siano disponibili per tutti coloro che ne hanno bisogno”, ha affermato la dott.ssa Natasha Azzopardi Muscat, Direttore delle politiche e dei sistemi sanitari nazionali presso l'OMS/Europa e uno dei coautori dello studio.

Oltre a barriere specifiche, osserva il documento, "anche le nazioni più povere dovrebbero essere incluse per beneficiare delle tecnologie sanitarie emergenti".

Le iniziative politiche includono il piano d'azione regionale per la salute digitale 2023-2030
L'OMS/Europa e la Commissione europea hanno lanciato iniziative per sviluppare e implementare la telemedicina attraverso varie politiche, in particolare il Piano d'azione regionale per la salute digitale per il periodo 2023-2030 che è stato approvato dai ministri della salute presso il Comitato regionale dell'OMS per l'Europa a settembre.

Il piano afferma che le soluzioni sanitarie digitali, inclusa la telemedicina, possono contribuire a far avanzare la copertura sanitaria universale, proteggere il pubblico in tempi di emergenza e migliorare la salute e il benessere nella regione.

Altre iniziative incentrate sull'attuazione della telemedicina includono i programmi di finanziamento Orizzonte 2020 e Orizzonte Europa e le reti di riferimento europee.

Queste iniziative e politiche riconoscono non solo il potere della telemedicina di abbattere le barriere geografiche ed espandere l'accesso ai servizi sanitari, ma anche la necessità di meccanismi per mitigare barriere e rischi.

02 novembre 2022
Ultimi articoli in Studi e Analisi
iPiùLetti [ultimi 7 giorni]
IlFarmacistaOnline.it
Quotidiano della Federazione degli Ordini dei Farmacisti Italiani: www.fofi.it
Direttore responsabile
Andrea Mandelli
Editore
Edizioni Health Communication srl
contatti
P.I. 08842011002
Riproduzione riservata.
Copyright 2010 © Health Communication Srl. Tutti i diritti sono riservati | P.I. 08842011002 | iscritta al ROC n. 14025 | Per la Uffici Commerciali Health Communication Srl
108521