Quotidiano della Federazione Ordini Farmacisti Italiani
Lunedì 27 GIUGNO 2022
Studi e Analisi
Segui ilFarmacistaOnline
Studi e Analisi
La salute nel mondo è sempre più “diseguale” e il Covid ha svelato che nessun Paese era pronto ad affrontare una vera emergenza sanitaria. Il bilancio Oms alla vigilia della 75ª Assemblea mondiale che si è aperta a Ginevra
In occasione dell’Assemblea l’Oms ha pubblicato il nuovo “World Health Statistics 2022” con i dati sanitari globali e il bilancio è impietoso: sono ancora miliardi le persone senza copertura sanitaria universale e il Covid ha peggiorato ulteriormente la situazione rallentando o azzerando molti progressi. E in ogni caso anche per la salute il mondo è spaccato in due e solo nei paesi ad alto reddito essa è un diritto per tutti. Un esempio su tutti il vaccino anti Covid: lo ha avuto il 74% delle persone che vive nei paesi ad alto reddito ma solo il 12% di quelle dei paesi a basso reddito. IL RAPPORTO.
22 MAG -

In occasione della sua 75ª Assemblea mondiale che si apre oggi a Ginevra, l’Oms ha pubblicato il suo report annuale sulle statistiche sanitarie globali “World Health Statistics 2022” di cui anticipiamo le analisi più significative.

La malattia da coronavirus (COVID-19) continua a essere una minaccia globale per la salute a distanza di oltre due anni dall’emergenza sanitaria pubblica di interesse internazionale dichiarata dall'OMS.

Al 20 aprile 2022 c'erano 50,4 milioni di casi confermati di COVID-19, inclusi 6,2 milioni di decessi direttamente attribuibili al COVID-19.

La regione delle Americhe e la regione Europea dell’Oms hanno rappresentato quasi il 72% di tutti i casi segnalati e il 75% dei decessi segnalati per COVID-19.

Tuttavia, molti paesi hanno una capacità di test limitata e non funzionano statistiche vitali o sistemi di registrazione per fornire dati di mortalità e cause di morte accurati e completi. Di conseguenza, il numero globale di casi e decessi COVID-19 è certamente sottostimato.

Le stime dell'eccesso di mortalità dell'OMS mostrano che il bilancio delle vittime effettivo è associato direttamente o indirettamente con la pandemia di COVID-19, tra il 1 gennaio 2020 e il 31 dicembre 2021 rilevano circa 14,9 milioni di decessi in tutto il mondo pari a 9,5 milioni di morti in più rispetto ai 5,4 milioni di decessi per COVID-19 inizialmente segnalati durante quel periodo.

Significative disuguaglianze sono alla base della distribuzione dei casi e dei decessi di COVID-19, nonché dell'accesso alle vaccinazioni.

Il COVID-19 ha colpito in modo sproporzionato le popolazioni vulnerabili, comprese quelle economicamente svantaggiate, anziani e persone con preesistenti condizioni di salute e non vaccinati.

Le popolazioni ad alto rischio hanno bisogno di una migliore protezione contro malattie gravi, varianti più trasmissibili del coronavirus e morte per infezione da COVID-19. Tuttavia, rileva l’Oms, queste popolazioni restano ancora sostanzialmente escluse dai programmi di vaccinazione in molti paesi.

E questo pur considerando che nell'ultima parte del 2021 e all'inizio del 2022, la fornitura globale di vaccini è aumentata a tal punto che l'offerta non è stata più un problema: all'inizio del 2022 c'erano dosi di vaccino sufficienti per proteggere ogni adulto e ogni adolescente (12 anni e oltre) nel mondo con un regime a tre dosi.

Al 25 aprile 2022, il 74% delle persone nei paesi ad alto reddito (HIC) e il 74% nei paesi a reddito medio-alto (UMIC) erano vaccinati (ovvero avevano completato la serie primaria di vaccinazione), così come il 51% nei paesi a reddito medio-basso (LMIC), rispetto al 12% delle persone nei paesi a basso reddito (LIC).

Nei LIC, solo tre operatori sanitari su 10 lo erano stati completamente vaccinati contro il COVID-19 entro aprile 2022, rispetto a una media globale dell'80%.

Solo il 25% degli adulti di età superiore ai 60 anni è stato vaccinato completamente nei paesi africani e solo l'11% delle persone con comorbidità aveva completato la serie primaria.

La pandemia continua a colpire i sistemi sanitari di tutto il mondo, in alcuni casi in modo grave. L’indagine globale dell’Oms in 129 Paesi condotta nel quarto trimestre del 2021 e con input di 129 paesi sulla continuità dei servizi sanitari essenziali durante la pandemia di COVID-19 ha riscontrato un miglioramento minimo o nullo per quanto riguarda le interruzioni del servizio rispetto alla prima indagine condotta a inizio 2021.

In più della metà dei paesi intervistati, è venuta a mancare anche l'assistenza quotidiana primaria e di comunità per la prevenzione e la gestione di alcuni dei più comuni servizi e l'assistenza elettiva, critica e operativa è stata interrotta nel 38% dei paesi visitati e quasi la metà di questi ha riferito che i servizi di immunizzazione di routine sono stati interrotti del tutto a fine 2021.

I principali motivi di interruzione sono stati le chiusure temporanee o il rinvio dei servizi (40% dei paesi), nonché la carenza di personale, di farmaci essenziali e dispositivi diagnostici e le infrastrutture e gli spazi delle strutture sanitarie (36% di paesi).

Il risultato è stato che molti milioni di persone hanno perso l'assistenza sanitaria vitale. Se il trend non si invertirà, avverte l’Oms, ci saranno conseguenze importanti per la morbilità e la mortalità e per l'evoluzione di altre epidemie di malattie trasmissibili.

In ogni caso le persone continuano a vivere più a lungo e a vivere più anni in buona salute. L'aspettativa di vita globale alla nascita è aumentata da 66,8 anni nel 2000 a 73,3 anni nel 2019 e la speranza di vita in buona salute (HALE) è aumentata da 58,3 anni a 63,7 anni.

Tuttavia, le disuguaglianze sanitarie continuano a richiedere un tributo sproporzionato sulla vita e sulla salute. Sia l'aspettativa di vita che l'HALE erano almeno 10 anni inferiori nei paesi poveri rispetto a quelli ricchi nel 2019, e questo nonostante i notevoli miglioramenti osservati dal 2000, con guadagni rispettivamente di 11 e 10 anni.

Entrambi gli indicatori erano costantemente più alti per le donne rispetto agli uomini rispettivamente di circa 5 e 2,4 anni.

I guadagni complessivi nell'aspettativa di vita e nell'HALE riflettono profondi cambiamenti nella mortalità e morbilità. Infatti, le disuguaglianze associate nei profili di mortalità e morbilità dal 2000 sono i principali fattori determinanti per i modelli di aspettativa di vita e HALE. Negli ultimi 20 anni sono stati realizzati guadagni in materia di salute materna e infantile, con il tasso globale di mortalità materna e tasso di mortalità sotto i cinque anni in calo rispettivamente di quasi il 40% e il 60%.

Inoltre, importanti investimenti e miglioramenti nei programmi di malattie trasmissibili, come quelli dedicati al virus dell'immunodeficienza umana (HIV), alla tubercolosi (TB) e alla malaria, hanno portato a un calo dell'incidenza e mortalità per queste malattie a livello globale.

Di conseguenza, la quota globale di decessi attribuibile alle malattie non trasmissibili (NCD) è aumentata da quasi il 61% nel 2000 a quasi il 74% nel 2019. Nonostante ciò, le malattie trasmissibili erano ancora responsabili di quasi la metà di tutti i decessi nei LIC. I paesi a reddito medio basso continuano inoltre a sopportare la maggior parte del peso delle malattie trasmissibili, tra cui la tubercolosi, l'HIV, la malaria, le malattie tropicali trascurate e l'epatite B. Al ritmo attuale di miglioramento, molti indicatori, tra cui la mortalità prematura dovuta a malattie non trasmissibili, l'incidenza di tubercolosi, malaria e nuove infezioni da HIV non raggiungeranno l'obiettivo di sviluppo sostenibile entro il 2030.

È probabile che la pandemia di COVID-19 abbia un effetto negativo sia sull'aspettativa di vita che su quella in buona salute, rallentando o invertendo i progressi compiuti in alcuni aspetti della salute della popolazione.

Ad esempio, questo è evidente nel numero crescente di decessi per tubercolosi e malaria tra il 2019 e il 2020 a causa delle interruzioni di diversi servizi.

Prima della pandemia di COVID-19, c'erano state tendenze incoraggianti a livello globale nella riduzione dell'arresto della crescita infantile, del consumo di alcol e tabacco, nonché  nel maggiore accesso all'acqua potabile gestita in modo sicuro e per servizi igienico-sanitari, igiene di base e combustibili puliti e tecnologie per cucinare.

Tuttavia, allo stesso tempo, l'obesità tra persone di tutte le età, ipertensione tra gli adulti, anemia tra le donne, inquinamento dell'aria esterna e la violenza contro le donne sono aumentati o sono comunque rimasti a livelli elevati.

Il numero totale di bambini affetti da arresto della crescita è stato del 27% inferiore nel 2020 rispetto al 2000 ed è diminuito anche il tasso di arresto della crescita.

Nel frattempo, l'obesità è aumentata a livello globale in tutte le età dal 2000.

Il livello medio di consumo di alcol nel mondo è leggermente diminuito tra il 2010 e il 2019, con gli uomini che continuano comunque a consumare circa tre volte più alcol rispetto alle donne.

Il consumo di tabacco è diminuito più drasticamente: circa il 22% della popolazione mondiale di età pari o superiore a 15 anni faceva uso di tabacco nel 2020, rispetto a quasi il 33% nel 2000.

Si stima che il numero di adulti di età compresa tra 30 e 79 anni con pressione sanguigna elevata (ipertensione) possa essere quasi raddoppiato a 1,28 miliardi tra il 1990 e il 2019, principalmente a causa della crescita e dell'invecchiamento della popolazione.

I servizi di acqua potabile gestiti in modo sicuro erano accessibili a circa tre quarti (74%) della popolazione mondiale nel 2020. Questo vuol dire che due miliardi di persone non avevano ancora accesso a una gestione sicura dell’acqua, mentre circa 3,6 miliardi di persone non disponevano di servizi igienici insufficienti.

Raggiungere l'accesso universale per gestire in sicurezza acqua, servizi igienico-sanitari e servizi igienici di base entro il 2030 richiederà un aumento di quattro volte degli attuali tassi di avanzamento.

Inoltre, circa il 44% delle acque reflue domestiche è stato scaricato senza trattamento sicuro nel 2020.

Più di due terzi (circa il 69%) della popolazione mondiale utilizzava principalmente combustibili puliti e tecnologie per la cucina, rispetto alla metà del 2000. Tuttavia, la quasi totalità della popolazione mondiale (99%) respira livelli malsani di particolato fine e biossido di azoto.

Anche in questo caso le persone che vivono nei Paesi a basso e medio reddito sono maggiormente esposte all'inquinamento dell'aria esterna a livelli che superano i limiti di qualità dell'aria dell'OMS.

La violenza contro le donne ha continuato a essere prevalente. A livello globale, circa una donna su quattro (26%) di età pari o superiore a 15 anni era stata oggetto di violenza fisica e/o sessuale da parte di un intimo partner maschile almeno una volta durante la vita.

È probabile che la pandemia di COVID-19 abbia causato una grave battuta d'arresto negli sforzi per ridurre la violenza contro le donne, con dati iniziali che indicano un aumento della violenza da parte del partner intimo.

Gli ultimi rapporti di monitoraggio globale sulla copertura sanitaria universale (UHC) e sulla protezione finanziaria della salute, pubblicato dall'OMS e dalla Banca mondiale, ha identificato tendenze contrastanti prima della pandemia di COVID-19. Se il servizio di copertura è migliorato costantemente da un indice di 45 nel 2000 a 67 nel 2019, la percentuale della popolazione con spese sanitarie che superano il 10% del budget familiare è cresciuta dal 9,4% nel 2000 a 13,2% nel 2017.

Si prevede che il COVID-19 fermerà i progressi compiuti nella copertura dei servizi negli ultimi 20 anni ed esasperi le difficoltà finanziarie di chi è costretto a pagarsi in proprio le spese sanitarie.

L'assistenza sanitaria di base è la pietra angolare di un sistema sanitario equo e resiliente. L’insufficiente attenzione al ruolo centrale dell'assistenza sanitaria di base ha rallentato l'efficacia della risposta alla pandemia e ha provocato anche le interruzioni delle cure di routine in molti paesi, minacciando così i progressi compiuti prima della pandemia.

Un finanziamento sanitario adeguato è un prerequisito per il buon funzionamento dei sistemi sanitari. In questo senso la spesa globale per la salute è più che raddoppiata in termini reali tra il 2000 e il 2019, raggiungendo il 9,8% del PIL mondiale. Circa l'80% di quella spesa è avvenuta però nei Paesi ad alto reddito, con la maggior parte (circa il 70%) costituita da spesa pubblica.

Nei paesi a basso e medio reddito invece, la spesa out of pocket rappresenta ben il 44% del totale.

La pandemia di COVID-19 ha esercitato una pressione senza precedenti sulle capacità dei sistemi sanitari, in particolare sulla salute degli operatori sanitari. Anche prima della pandemia, la capacità di fornire servizi sanitari essenziali in molti paesi era limitata a causa della persistente carenza di personale sanitario. Già, nel 2016, l'OMS aveva previsto un deficit globale di 18 milioni di operatori sanitari entro il 2030, soprattutto nelle regioni dell'Africa e del sud-est asiatico dell'OMS.

In particolare, la regione africana, che sopporta quasi un quarto (24%) del carico mondiale di malattie, aveva solo il 3% del operatori sanitari del mondo.

Nel complesso, sono necessarie azioni urgenti per raggiungere l'obiettivo di avere un ulteriore miliardo di persone che godano della copertura sanitaria universale entro il 2030.

Ma sulla base delle tendenze attuali, circa 730 milioni di persone perderanno addirittura tale copertura e se gli effetti della pandemia di COVID-19 e delle sue interruzioni proseguiranno con il trend attuale tale carenza potrebbe salire a 840 milioni.

Il mondo, conclude l’Oms, è fuori strada per raggiungere l'obiettivo del “triplo miliardo” entro il 2023: vale a dire un miliardo in più di persone che beneficiano della copertura sanitaria universale; un miliardo di persone in più protette dalle emergenze sanitarie; un miliardo di persone in più che godono di salute e benessere migliori.

Per quanto riguarda la tutela delle emergenze sanitarie sebbene le proiezioni iniziali prevedessero che questo miliardo potesse essere raggiunto entro il 2023, il COVID-19 ha rivelato che nessun paese è completamente preparato per una pandemia di tale portata.

Per quanto concerne l’obiettivo di un miliardo di persone in più che gode di salute e benessere migliori, sebbene si prevede che l'obiettivo del miliardo sarà quasi raggiunto entro il 2023, il progresso è di circa ¼ di quello necessario per raggiungere gli Obiettivi di Sviluppo Sostenibile entro il 2030.

E infine per l’obiettivo di un miliardo di persone in più che beneficino della copertura sanitaria universale è orami chiaro che esso non sarà raggiunto entro il 2023.

 

22 maggio 2022
Ultimi articoli in Studi e Analisi
iPiùLetti [ultimi 7 giorni]
IlFarmacistaOnline.it
Quotidiano della Federazione degli Ordini dei Farmacisti Italiani: www.fofi.it
Direttore responsabile
Andrea Mandelli
Editore
Edizioni Health Communication srl
contatti
P.I. 08842011002
Riproduzione riservata.
Copyright 2010 © Health Communication Srl. Tutti i diritti sono riservati | P.I. 08842011002 | iscritta al ROC n. 14025 | Per la Uffici Commerciali Health Communication Srl
104949