Quotidiano della Federazione Ordini Farmacisti Italiani
Venerdì 28 GENNNAIO 2022
Studi e Analisi
Segui ilFarmacistaOnline
Studi e Analisi
Covid. In Europa incidenza media a 14 giorni sale a 612,2 casi ogni 100mila abitanti. Cresce anche in Italia ma si ferma a 175 per 100mila. Il nostro Paese è a “moderata preoccupazione”
Pubblicato il nuovo rappoto settimanale dell'Ecdc. Nella settimana di osservazione, otto paesi (Croazia, Repubblica Ceca, Germania, Grecia, Ungheria, Paesi Bassi, Polonia e Slovacchia) sono stati classificati con una situazione “estremamente preoccupante”, 14 paesi (Austria, Belgio, Bulgaria, Danimarca, Finlandia, Francia , Islanda, Irlanda, Lettonia, Liechtenstein, Lussemburgo, Norvegia, Portogallo e Slovenia) a “forte preoccupazione” e otto paesi (Cipro, Estonia, Italia, Lituania, Malta, Romania, Spagna e Svezia) a “moderata preoccupazione”.
26 NOV - L'Ecdc ha aggiornato il suo rapporto settimanale sull'andamento della pandemia. Alla fine della settimana 46 (settimana terminata domenica 21 novembre 2021), la situazione epidemiologica complessiva nell'UE/SEE era caratterizzata da un tasso complessivo di notifica di casi elevato e in rapido aumento e da un tasso di mortalità basso ma in lento aumento.
 
Si prevede che i tassi di notifica dei casi, i tassi di mortalità e i ricoveri ospedalieri e in terapia intensiva aumenteranno nelle prossime due settimane.
 
I tassi di notifica dei casi sono attualmente più alti tra i gruppi di età inferiore a 50 anni, ma anche i tassi di notifica tra i gruppi di età più avanzata sono in rapido aumento. Il quadro varia notevolmente da paese a paese.
 
Nella maggior parte degli Stati membri dell'UE/SEE si osservano ora tassi di notifica dei casi crescenti e una situazione epidemiologica complessiva di grande o molto alta preoccupazione. Sebbene l'onere del COVID-19 sia particolarmente elevato in un certo numero di paesi che registrano una scarsa diffusione del vaccino, vi sono prove di un aumento del carico pandemico anche tra i paesi con una maggiore diffusione delle vaccinazione.
 
L'attuale situazione epidemiologica è in gran parte determinata dall'elevata trasmissibilità della variante Delta che contrasta parzialmente la riduzione della trasmissione ottenuta dall'attuale diffusione della vaccinazione nell'UE/SEE.
 
Il tasso complessivo di notifica dei casi COVID-19 per l'UE/SEE è stato di 612,2 per 100.000 abitanti (485,5 la settimana precedente). Questo tasso è in aumento da sette settimane. Il tasso di mortalità COVID-19 a 14 giorni (45,5 decessi per milione di abitanti, rispetto ai 43,2 decessi della settimana precedente) è stabile da una settimana. Dei 28 paesi con dati sui ricoveri o sull'occupazione in ospedale o in terapia intensiva fino alla settimana 46, 22 hanno riportato una tendenza all'aumento in almeno uno di questi indicatori rispetto alla settimana precedente.
 
Riepilogo dei tassi di notifica dei casi
Il tasso di notifica dei casi di 14 giorni per l'UE/SEE per la settimana 46, sulla base dei dati aggregati raccolti dall'ECDC da fonti nazionali ufficiali in 30 paesi, è stato di 612,2 per 100.000 abitanti (intervallo di paesi: 125,2–2 137), rispetto a 485,5 (intervallo di paesi: 86,8-2 045) nella settimana 45. Questo tasso cumulativo è in aumento da sette settimane. Il tasso per 100.000 abitanti era 100-<300 in otto paesi e 300 o più in 22 paesi. Tendenze in aumento sono state osservate in 25 paesi. In Italia il tasso di 14 giorni al 21 novembre era di 175 casi ogni 100mila abitanti, la scorsa settimana era di 154,2.
 

 
Tassi di test e positività del test
I tassi di notifica dipendono da diversi fattori, uno dei quali è il tasso di test. Il tasso di test settimanale per l'UE/SEE per la settimana 46, sulla base dei dati aggregati riportati da 30 paesi, è stato di 6 266 per 100.000 abitanti (intervallo di paesi: 976-66 394), rispetto a 5 567 (intervallo di paesi: 976-48 417) nella settimana 45. Questo tasso cumulativo è in aumento da tre settimane.
 
La positività del test aggregato per l'UE/SEE per la settimana 46 è stata del 5,5% (intervallo di paesi: 0,6-24,6%), rispetto al 5,0% (intervallo di paesi: 0,4-40,5%) nella settimana 45. Questo indicatore è rimasto stabile per una settimana. La positività al test era <2% in cinque paesi (Austria, Cipro, Danimarca, Grecia e Italia), 2-<4% in un paese (Malta), 4-<10% in 13 paesi e 10% o più in 11 paesi. Tendenze in aumento sono state osservate in 12 paesi.
 
La valutazione dell'ECDC della situazione epidemiologica di ciascun paese si basa su un punteggio composito basato sul valore assoluto e sull'andamento di cinque indicatori epidemiologici COVID-19 settimanali: tassi di notifica dei casi degli ultimi 14 giorni; tassi di test e positività del test; tassi di notifica dei casi nelle persone di età pari o superiore a 65 anni; tassi di ospedalizzazione e ricovero in terapia intensiva; mortalità.
 
Nella settimana di osservazione, otto paesi (Croazia, Repubblica Ceca, Germania, Grecia, Ungheria, Paesi Bassi, Polonia e Slovacchia) sono stati classificati con una situazione “estremamente preoccupante”, 14 paesi (Austria, Belgio, Bulgaria, Danimarca, Finlandia, Francia , Islanda, Irlanda, Lettonia, Liechtenstein, Lussemburgo, Norvegia, Portogallo e Slovenia) a “forte preoccupazione” e otto paesi (Cipro, Estonia, Italia, Lituania, Malta, Romania, Spagna e Svezia) a “moderata preoccupazione”.
 
Rispetto alla settimana precedente, un paese (Francia) è passato a una categoria superiore, sette paesi (Belgio, Cipro, Estonia, Lituania, Norvegia, Romania e Slovenia) sono passati a una categoria inferiore e 22 paesi sono rimasti nella stessa categoria.
 
Le previsioni per le settimane 47 e 48 (dal 22 novembre al 5 dicembre) dei casi e dei decessi dall'European COVID-19 Forecast Hub e dei ricoveri ospedalieri e in terapia intensiva prodotte dall'ECDC rilevano tendenze in aumento dei casi, dei ricoveri ospedalieri, dei ricoveri in terapia intensiva e dei decessi.
 
Al 21 novembre le somministrazioni di almeno una dose di vaccino nell'UE/SEE copriva l'81,7% (intervallo: 31,5-99,2%; dati aggregati da 30 paesi) tra gli adulti di età pari o superiore a 18 anni e il 70,2% (intervallo : 26,4–88,1%; dati aggregati da 30 paesi) nella popolazione totale.
 
Il ciclo completo vaccinale ha invece coperto il 77,0% (intervallo di paesi: 29,2–92,8%) tra gli adulti di età pari o superiore a 18 anni e il 65,8% (intervallo di paesi: 24,4–81,5%) nella popolazione totale.
26 novembre 2021
Ultimi articoli in Studi e Analisi
IlFarmacistaOnline.it
Quotidiano della Federazione degli Ordini dei Farmacisti Italiani: www.fofi.it
Direttore responsabile
Andrea Mandelli
Editore
Edizioni Health Communication srl
contatti
P.I. 08842011002
Riproduzione riservata.
Copyright 2010 © Health Communication Srl. Tutti i diritti sono riservati | P.I. 08842011002 | iscritta al ROC n. 14025 | Per la Uffici Commerciali Health Communication Srl
100391