Quotidiano della Federazione Ordini Farmacisti Italiani
Lunedì 16 SETTEMBRE 2019
Studi e Analisi
ATTENZIONE: Mancano soltanto 106 giorni alla fine del
triennio ECM 2017-2019. Clicca qui per saperne di pił...
Segui ilFarmacistaOnline
Studi e Analisi
Oms: "La priorità è interventire nei Paesi a basso e medio reddito"
29 LUG - Un nuovo studio dell'Oms, pubblicato su Lancet Global Health, sottolinea che un investimento di 6 miliardi di dollari l'anno nell'eliminazione dell'epatite in 67 paesi a basso e medio reddito eviterebbe 4,5 milioni di morti premature entro il 2030 e oltre 26 milioni di morti oltre quella data target.

E’ necessario un totale di 58,7 miliardi di dollari Usa per eliminare l'epatite virale come minaccia per la salute pubblica in questi 67 paesi entro il 2030. Ciò significa ridurre le nuove infezioni da epatite del 90% e le morti del 65%.

"Oggi l'80% delle persone affette da epatite non può ottenere i servizi di cui ha bisogno per prevenire, testare e curare la malattia", ha dichiarato il direttore generale dell'Oms, Tedros Adhanom Ghebreyesus. “In occasione della Giornata mondiale dell'epatite, abbiamo chiesto una leadership politica audace, con investimenti adeguati e a tutti i paesi di integrare i servizi per l'epatite in pacchetti di prestazioni nell'ambito della copertura sanitaria universale".

Investendo ora in test diagnostici e medicinali per il trattamento dell'epatite B e C, i paesi possono salvare vite umane e ridurre i costi relativi alla cura a lungo termine della cirrosi e del cancro del fegato derivanti da epatite non trattata.

Alcuni paesi stanno già prendendo provvedimenti. Il governo indiano, ad esempio, ha annunciato che offrirà test e trattamenti gratuiti per l'epatite B e C, come parte del suo piano di copertura sanitaria universale. Questo è stato facilitato dalla riduzione dei prezzi dei medicinali. 

In India, una cura per l'epatite C costa meno di 40 dollari e un anno di trattamento per l'epatite B costa meno di 30 dollari. A questi prezzi, la cura dell'epatite C comporterà un risparmio sui costi sanitari entro tre anni.

Il governo del Pakistan è stato anche in grado di procurarsi un trattamento curativo dell'epatite C a prezzi altrettanto bassi. Fornire un trattamento curativo a tutti coloro che sono attualmente diagnosticati con l'epatite C potrebbe anche ridurre i costi sanitari in Pakistan entro tre anni. Nel frattempo, il Pakistan si trova di fronte a uno dei più alti nuovi tassi annuali di infezione da virus dell'epatite C e sta lanciando un nuovo piano di controllo delle infezioni e di sicurezza dell'iniezione in occasione della Giornata mondiale dell'epatite per fermare la trasmissione.

Per la stragrande maggioranza delle 325 milioni di persone che vivono con l'epatite B e/o C, l'accesso ai test e al trattamento rimane però fuori portata.

Dei 257 milioni stimati che vivono con l'infezione da epatite B:

- il 10,5% (27 milioni) conosceva il proprio stato di infezione nel 2016;

- di queste persone diagnosticate, solo il 17% (4,5 milioni) ha ricevuto cure nel 2016;

- nel 2016, 1,1 milioni di persone hanno recentemente sviluppato un'infezione da epatite B cronica, una delle cause principali del cancro al fegato.

Dei circa 71 milioni di persone che vivevano con l'infezione da epatite C cronica nel 2015:

- il 19% (13,1 milioni) conosceva il proprio stato di infezione nel 2017;

- di quelle persone diagnosticate, il 15% (2 milioni) ha ricevuto un trattamento curativo nello stesso anno. Complessivamente, tra il 2014 e il 2017, 5 milioni di persone hanno ricevuto un trattamento curativo dell'epatite C;

- nel 2017, 1,75 milioni di persone hanno recentemente sviluppato un'infezione da epatite C cronica.

La strategia globale dell'epatite dell'Oms, approvata da tutti gli Stati membri, mira a ridurre le nuove infezioni da epatite del 90% e le morti del 65% tra il 2016 e il 2030.

Per questo l’Oms ha invitato tutti i paesi a "investire nell'eliminazione dell'epatite" attraverso i costi, il bilancio e il finanziamento dei servizi di eliminazione nell'ambito dei loro piani di copertura sanitaria universale. Sebbene vi sia stato un ampio sostegno tra gli Stati membri nell'adottare la strategia di eliminazione dell'epatite dell'Oms, con 124 paesi su 194 che sviluppano piani di epatite, oltre il 40% dei piani nazionali non dispone di linee di bilancio dedicate per sostenere gli sforzi di eliminazione.

L'Oms ha anche rilasciato calcolatori online www.hepccalculator.org e www.hepbcalculator.org ) progettati per aiutare i responsabili delle decisioni a valutare il rapporto costo-efficacia dei loro programmi di trattamento dell'epatite.

Esistono cinque tipi di infezioni da epatite virale: A, B, C, D ed E. Oltre il 95% dei decessi è causato da infezioni croniche da epatite B e C, mentre l'epatite A ed E raramente causano malattie potenzialmente letali. L'epatite D è un'infezione aggiuntiva che si verifica nelle persone che vivono con l'epatite B.

Nel 2017, lo studio SDG Health Price Tag ha stimato gli investimenti necessari per raggiungere 16 obiettivi relativi alla salute degli Obiettivi di sviluppo sostenibile in 67 paesi a basso e medio reddito che rappresentano il 75% della popolazione mondiale. Questo studio non ha incluso i costi per l'epatite.

Il nuovo studio pubblicato si basa sugli stessi scenari e metodi di modellizzazione per stimare i costi per raggiungere gli obiettivi globali di eliminazione dell'epatite.

Queste tutte le tipologie di epatite e la loro incidenza secondo l’Oms.

EPATITE A
- L'epatite A è una malattia virale del fegato che può causare malattie da lievi a gravi.
- Il virus dell'epatite A (HAV) viene trasmesso attraverso l'ingestione di cibo e acqua contaminati o attraverso il contatto diretto con una persona infettiva.
- Quasi tutti si riprendono completamente dall'epatite A con un'immunità permanente. Tuttavia, una percentuale molto piccola di persone infette da epatite A potrebbe morire di epatite fulminante.
- L'Oms stima che l'epatite A abbia causato circa 7.134 decessi nel 2016 (pari allo 0,5% della mortalità dovuta a epatite virale).
- Il rischio di infezione da epatite A è associato alla mancanza di acqua sicura e alla scarsa igiene e igiene (come le mani sporche).
- Nei paesi in cui il rischio di infezione da cibo o acqua è basso, ci sono focolai tra uomini che hanno rapporti sessuali con uomini (MSM) e persone che iniettano droghe (PWID).
- Le epidemie possono essere prolungate e causare perdite economiche sostanziali.
- È disponibile un vaccino sicuro ed efficace per prevenire l'epatite A.
- Approvvigionamento idrico sicuro, sicurezza alimentare, miglioramento dei servizi igienico-sanitari, lavaggio delle mani e vaccino contro l'epatite A sono i modi più efficaci per combattere la malattia. Le persone ad alto rischio, come i viaggiatori in paesi con alti livelli di infezione, MSM e PWID possono essere vaccinati.

EPATITE B
- L'epatite B è un'infezione virale che attacca il fegato e può causare malattie sia acute che croniche.
- Il virus viene comunemente trasmesso da madre a figlio durante la nascita e il parto, nonché attraverso il contatto con sangue o altri fluidi corporei.
- L'Oms stima che nel 2015, 257 milioni di persone vivessero con infezione da epatite B cronica (definita come antigene di superficie dell'epatite B positiva).
- Nel 2015 l'epatite B ha provocato circa 887.000 decessi, principalmente per cirrosi e carcinoma epatocellulare (cioè carcinoma epatico primario).
- A partire dal 2016, 27 milioni di persone (il 10,5% di tutte le persone che si stima vivessero con l'epatite B) erano a conoscenza della loro infezione, mentre 4,5 milioni (16,7%) delle persone diagnosticate erano in cura.
- L'epatite B può essere prevenuta con vaccini sicuri, disponibili ed efficaci.

EPATITE C
- L'epatite C è una malattia del fegato causata dal virus dell'epatite C (HCV): il virus può causare un'epatite sia acuta che cronica, che varia in gravità da una malattia lieve che dura alcune settimane a una malattia grave e permanente.
- L'epatite C è una delle principali cause di cancro al fegato.
- Il virus dell'epatite C è un virus ematico: i modi più comuni di infezione sono attraverso l'esposizione a piccole quantità di sangue. Ciò può accadere attraverso l'uso di droghe per iniezione, pratiche di iniezione non sicure, cure sanitarie non sicure, trasfusioni di sangue e prodotti sanguigni non schermati e pratiche sessuali che portano all'esposizione al sangue.
- A livello globale, si stima che 71 milioni di persone abbiano un'infezione cronica da virus dell'epatite C.
- Un numero significativo di coloro che sono cronicamente infetti svilupperà cirrosi o cancro al fegato.
- L'Oms ha stimato che nel 2016 circa 399.000 persone siano morte per epatite C, principalmente per cirrosi e carcinoma epatocellulare (carcinoma epatico primario).
- I medicinali antivirali possono curare più del 95% delle persone con infezione da epatite C, riducendo così il rischio di morte per cirrosi e cancro al fegato, ma l'accesso alla diagnosi e al trattamento è basso.
- Al momento non esiste un vaccino efficace contro l'epatite C; tuttavia, la ricerca in questo settore è in corso.

EPATITE D
- Il virus dell'epatite D (HDV) è un virus che richiede il virus dell'epatite B (HBV) per la sua replicazione. L'infezione da HDV si verifica solo contemporaneamente o come superinfezione da HBV.
- Il virus viene comunemente trasmesso da madre a figlio durante la nascita e il parto, nonché attraverso il contatto con sangue o altri fluidi corporei.
- La trasmissione verticale da madre a figlio è rara.
- Almeno il 5% delle persone con infezione cronica da HBV è co-infetto da HDV, con un totale di 15 - 20 milioni di persone infette da HDV in tutto il mondo. Tuttavia, questa è una stima globale ampia poiché molti paesi non riportano la prevalenza di HDV.
- A livello mondiale, il numero complessivo di infezione da HDV è diminuito dagli anni '80. Questa tendenza è dovuta principalmente al successo del programma di vaccinazione globale contro l'HBV.
- La coinfezione da HDV-HBV è considerata la forma più grave di epatite virale cronica a causa della più rapida progressione verso la morte correlata al fegato e il carcinoma epatocellulare.
- Attualmente, le percentuali di successo del trattamento sono generalmente basse.
- L'infezione da epatite B può essere prevenuta con l'epatite B.

EPATITE E
- L'epatite E è una malattia del fegato causata dall'infezione da un virus noto come virus dell'epatite E (HEV).
- Ogni anno, ci sono circa 20 milioni di infezioni da HEV in tutto il mondo, portando a circa 3,3 milioni di casi sintomatici di epatite E.
- L'Oms stima che l'epatite E abbia causato circa 44.000 decessi nel 2015 (pari al 3,3% della mortalità dovuta a epatite virale).
- Il virus viene trasmesso attraverso la via fecale-orale, principalmente attraverso l'acqua contaminata.
- L'epatite E si trova in tutto il mondo, ma la malattia è più comune nell'Asia orientale e meridionale.
- Un vaccino per prevenire l'infezione da virus dell'epatite E è stato sviluppato ed è autorizzato in Cina, ma non è ancora disponibile altrove.
29 luglio 2019
Ultimi articoli in Studi e Analisi
IlFarmacistaOnline.it
Quotidiano della Federazione degli Ordini dei Farmacisti Italiani: www.fofi.it
Direttore responsabile
Andrea Mandelli
Direttore editoriale
Cesare Fassari
Editore
Edizioni Health Communication srl
contatti
P.I. 08842011002
Riproduzione riservata.
Copyright 2010 © Health Communication Srl. Tutti i diritti sono riservati | P.I. 08842011002 | iscritta al ROC n. 14025 | Per la Uffici Commerciali Health Communication Srl

Fatal error: Call to a member function fetch_assoc() on a non-object in /web/htdocs/www.ilfarmacistaonline.it/home/visualizzazioni.php on line 5