Quotidiano della Federazione Ordini Farmacisti Italiani
Giovedì 13 AGOSTO 2020
Scienza e Farmaci
Segui ilFarmacistaOnline
Scienza e Farmaci
Carcinoma cutaneo. Brachiterapia ad alto dosaggio soluzione efficace
Questa tecnica radioterapica risulta particolarmente efficace nella cura del carcinoma cutaneo nei soggetti anziani con diverse patologie, per i quali un intervento chirurgico o una radioterapia tradizionale potrebbero essere troppo invasivi.
10 DIC - (Reuters Health) – Secondo uno studio condotto negli USA, la brachiterapia ad alto dosaggio (Hdrbt) è una buona alternativa alla chirurgia di Mohs o alla radioterapia convenzionale per gli anziani con carcinoma cutaneo non melanoma della testa e del collo,.
 
“Per i pazienti anziani che possono avere ulteriori problemi medici, la chirurgia potrebbe non rapprsnetare l’opzione migliore – sottolinea Ashwatha Narayana, del North Westchester Hospital di Mount Kisco, autore principale dello studio – Se l’area interessata è la punta del naso, dell’orecchio o della palpebra, possono essere necessari interventi chirurgici multipli e innesto cutaneo. La brachiterapia ad alto dosaggio è un modo efficace per trattare i tumori della pelle sia nei pazienti anziani che in quelli più giovani. I risultati sono impressionanti”.

Questa tecnica eroga una dose precisa di radiazioni alle cellule cancerose attraverso cateteri impiantati in un applicatore su misura. A differenza della radioterapia convenzionale con raggio esterno, in cui le sessioni di trattamento possono durare fino a sei ore, un ciclo di brachiterapia ad alto dosaggio viene erogato in sei sessioni di tre minuti in due settimane.

Lo studio
Tra il 2013 e il 2019, insieme ai suoi colleghi, Narayana ha utilizzato la brachiterapia ad alto dosaggio per il trattamento di 70 pazienti (età media 85 anni) con carcinoma a cellule basali in stadio precoce (Bcc) o carcinoma a cellule squamose (Scc). Sono state trattate in totale 81 lesioni (53 Bcc e 28 Scc) su naso, viso, fronte, cuoio capelluto, orecchio, collo e gambe.

Le lesioni variavano da 3 a 26 mm (con una mediana di 10 mm). I pazienti sono stati seguiti per un massimo di quattro anni. Il tasso di guarigione (controllo locale) è stato del 98% per il carcinoma a cellule basali in stadio precoce e del 96% per quello a cellule squamose. Il risultato cosmetico è stato “eccellente” nel 90% dei casi, ha affermato Narayana. “Generalmente, alla fine del trattamento, il tumore scompare completamente e c’è un po’ di arrossamento o irritazione, come una lieve scottatura solare”.

Sei pazienti hanno avuto lievi effetti tardivi: tre casi di ipopigmentazione, iperpigmentazione e teleangectasia in due pazienti e atrofia della pelle in un paziente. Due pazienti hanno avuto una rottura della ferita 12 e 14 mesi dopo aver completato il trattamento. Non ci sono stati casi di necrosi della cartilagine.

Fonte: RSNA 2019 Annual Meeting

Megan Brooks
 
(Versione italiana Quotidiano Sanità/Popular Science)
10 dicembre 2019
Ultimi articoli in Scienza e Farmaci
iPiùLetti [ultimi 7 giorni]
IlFarmacistaOnline.it
Quotidiano della Federazione degli Ordini dei Farmacisti Italiani: www.fofi.it
Direttore responsabile
Andrea Mandelli
Editore
Edizioni Health Communication srl
contatti
P.I. 08842011002
Riproduzione riservata.
Copyright 2010 © Health Communication Srl. Tutti i diritti sono riservati | P.I. 08842011002 | iscritta al ROC n. 14025 | Per la Uffici Commerciali Health Communication Srl
79609